cultura

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

venerdì 17 novembre 2017
di Livia Di Schino
Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Tutto ha avuto inizio con la presentazione del libro "Rifondata sulla bellezza", quando le parole del giornalista Emilio Casalini sono state arricchite dall’emozione dei colori infuocati del suggestivo tramonto nella panoramica terrazza del Torrione, belvedere monteleonese. Era la seconda edizione del #Paf!! – Photo&Art Festival, esattamente il 2 settembre 2016, e proprio lui era l’ospite d’onore.

Idee, proposte e confronti con altre realtà che, alla presenza di un sensibile pubblico, hanno ribadito ai presenti come motore primo del nostro Paese, composto da singole e caratteristiche territorialità, la bellezza. Una bellezza che però dovrebbe essere prima di tutto riconosciuta e conosciuta, e poi custodita e apprezzata, per essere declinata, raccontata e trasmessa attraverso progetti da elaborare e condividere nella collettività, studiati e promossi dal basso, trovando la propria forza nella consapevolezza. In altre parole, identità diffusa.

E partendo da questo incontro, Walter Moretti (che in qualità di presidente del #Paf!! – Photo&Art Festival aveva moderato la serata con Casalini) assieme a Massimo Neri (che è stato uno degli ospiti della rubrica Enterprise – Un viaggio tra le stelle di www.orvietonews.it, nell’appuntamento dedicato alla storia di Salci) hanno progettato una cartellonistica per dare visibilità al pittoresco centro sito nel comune di Città della Pieve. Un progetto che sarà illustrato nell’annunciato incontro pubblico di sabato 18 novembre alle ore 10.30 a Città della Pieve, in occasione della presentazione del libro "Salci nel ricordo dei suoi abitanti".

“E’ ormai da qualche mese che ci stiamo lavorando - anticipano Moretti e Neri - e la nostra idea è finalizzata a dare visibilità a un borgo che purtroppo vive solo di luce riflessa del passato”. Ai loro occhi appare come un esempio limite della progressione di un fenomeno studiato nelle Aree Interne, al quale è necessario porre rimedio o comunque arginare quando ancora possibile, facendo leva sulle peculiarità e punti di forza del territorio.

"A motivarci è stato il nostro amore per il territorio nel quale viviamo - hanno poi sottolineato -; il progetto che stiamo tentando di avviare si pone a compimento di studi e confronti con chi la storia di Salci l’ha vissuta in prima persona o attraverso gli occhi di un familiare. La prima fase prevede la raccolta di fondi per una cartellonistica informativa, in lingua italiana e inglese e che abbiamo arricchito con lo stemma del Ducato di Salci, che vorremmo collocare lungo le strade dalle quali si può raggiungere il piccolo borgo, come nel Fondovalle tra Fabro e Chiusi".

A riguardo, il 18 novembre per dare concretezza all’idea saranno mostrati dei fotomontaggi ai presenti. "A seguire, sempre dopo aver chiesto i necessari permessi - hanno continuato - sarà la volta di arricchire Salci con ulteriori informazioni e magari in seguito organizzare in questi luoghi qualche iniziativa. Ci piacerebbe quindi collocare un espositore anche laddove si trovava il confine tra lo Stato della Chiesa e il Granducato di Toscana". Contesti e paesaggi che non dovranno essere solo immaginati attraverso la ricostruzione storica dei racconti, ma che saranno concretamente fatti vedere grazie alla proiezione di un video. In linea con la filosofia di Moretti e Neri, del “mostrare per esserci”.

Foto di Walter Moretti e Massimo Neri

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità