cultura

Il tesoro nascosto

venerdì 28 luglio 2017
di Mirabilia-Orvieto
Il tesoro nascosto

Foto 1: Gerrit Dou (su disegno di Rembrandt), Parabola del tesoro nascosto, 1630


Il Regno dei Cieli è simile ad un tesoro nascosto in un campo”.
(Matteo 13,44)

Vi è mai capitato nella vita di trovare qualcosa di veramente prezioso che vorreste tenere tutto per voi?
Ebbene, nella prima delle tre parabole del Vangelo di questa domenica accade proprio così.
Il Regno di Dio è infatti simile a un tesoro nascosto in un campo. Un uomo lo trova, lo nasconde di nuovo, per non farlo trovare ad altri, e pieno di gioia, vende tutto quello che ha e compra quel campo.
E’ questa la costante della predicazione di Gesù che esplode nelle sue incredibili parabole, rivelando una visione di Dio completamente nuova rispetto alla fede del passato, quella del Vecchio Testamento.
Il Dio dell’osservanza alla Legge, dei precetti, dei sacrifici al Tempio, improvvisamente sparisce per lasciare il posto a un Dio che non giudica, e che vuole per ciascun uomo il massimo bene, qualcosa di infinitamente grande.
Il racconto però, mette il lettore di fronte a un mistero: il tesoro non si può portare via da quel campo, non può essere trafugato. Perché?
Forse perché, a pensarci bene, il tesoro potrebbe essere così grande da non poter essere trasportato, un po’ come accadrebbe se oggi qualcuno trovasse in un terreno non suo, un pozzo di petrolio.
Per questo l’uomo della parabola è costretto, ed è ben felice di farlo, a vendere tutto ciò che possiede per comprare quel campo e diventarne il padrone.
Il Regno di Dio non è dunque per i ladri o gli approfittatori, non è per gli uomini corrotti o i mercenari (ricordate la parabola dei lupi e del gregge?), i quali non rischiano mai nulla e non hanno nulla da perdere, ma è per chi sa spendere la propria vita, sa investirla, sa metterla in gioco.
Del resto il valore degli averi che l’uomo vende corrisponde esattamente al valore del campo, come a dire che ciascuno ha, nella sua vita, esattamente quanto gli serve per ottenere la pienezza della sua realizzazione.
Nello spirito della parabola, il legame tra il campo in cui è nascosto il tesoro e il tesoro stesso può contenere un altro significato.
Il campo del tesoro è infatti il simbolo di una realtà nuova.
Vendere i propri beni per il campo significa perciò passare ad un’altra situazione, ad un’altra vita, diversa dalla precedente. Chi vende tutto per qualcos’altro non si trova più dove era prima, nel luogo che ha sempre conosciuto, ma trasferisce se stesso per radicarsi altrove: solo chi diventa proprietario del campo può mettere le mani su quella fortuna inestimabile che è la vera felicità.
E tutto questo, secondo il Vangelo, non è impossibile, ma è a portata di mano. In un altro passo Gesù dice infatti: “Il Regno di Dio è in mezzo a voi, è dentro di voi” ( Lc.17,21).
Bisogna quindi essere disposti a sacrificare qualcosa di importante per entrare in possesso di un bene ancora più grande. La parabola dice che il poco o il tanto che si ha (agli occhi di Dio sempre misera cosa!), potrà essere moltiplicato mille e mille volte se si crede al Vangelo, al sogno di Cristo, alla sua straordinaria promessa.

Foto 2 Heinrich Hofmann: Cristo e il giovane ricco

Quando Gesù parla, sembra che non valga il detto “chi si accontenta gode”. Ai discepoli che, dopo aver visto il giovane ricco andarsene perché troppo attaccato ai suoi beni, chiedono a Gesù cosa riceveranno in cambio, per aver lasciato tutto, egli risponde: “Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli per il mio nome riceverà cento volte di più e avrà in eredità la vita eterna” (Matteo 19,29).
Gesù non è il “povero” che promette una vita piccola e misera, ma è l’uomo che promette, a chi crede, vita abbondante, in beni materiali e spirituali.
Di fronte ad un cristianesimo talvolta minimalista, intento a predicare il disprezzo di sé e del mondo, la parabola insegna che l’uomo del Vangelo erediterà non solo il cielo ma anche la terra. Contrariamente al proverbio “chi si accontenta gode”, in realtà non gode affatto, anzi vive una vita rassegnata e quindi profondamente e infinitamente infelice.
L’uomo delle parabole non gioca mai di rimessa, non si adatta, non vive una vita di rinuncia e privazione, ma cerca e guarda in avanti e, pieno di aspettative, rilancia sempre, perché è avido di vita e di felicità. E “anche se non possiamo che ritenerci fortunati per quanto la vita ci ha dato, una famiglia, una casa, un buon lavoro e dei figli da amare e che ci amano, eppure, nel nostro profondo, noi tutti nutriamo aspettative infinite che solo Dio può appagare” (Massimo Diana, filosofo).
Probabilmente, come aveva già intuito Sant’Agostino, solo un Assoluto è capace di saziare e colmare l’inquietudine del cuore umano: “il nostro cuore è inquieto finché non riposa in Te”.
Così invece di lasciare l’uomo abbandonato alla tentazione di servirsi di ogni mezzo, lecito e illecito, per trovare nella vita una qualche forma di realizzazione, Gesù riempie con la sua parabola questo buco, questo vuoto infinito.

Foto 3 Giotto: Vita di San Francesco, particolare della spoliazione.

E’ questo il messaggio che illumina e trasfigura interiormente la vita del giovane Francesco di Assisi, il quale rinunciò alle ricchezze paterne, quelle di un ricco mercante del mondo, per diventare “padrone” del mondo intero.
Sta qui l’ambizione “celeste”, di Cristo e dei suoi discepoli.

 

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce

Meteo

mercoledì 24 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 7.0ºC 72% buona direzione vento
15:00 11.8ºC 70% buona direzione vento
21:00 4.5ºC 93% buona direzione vento
giovedì 25 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 5.8ºC 90% buona direzione vento
15:00 10.5ºC 72% buona direzione vento
21:00 3.7ºC 97% buona direzione vento
venerdì 26 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.4ºC 93% buona direzione vento
15:00 9.3ºC 86% buona direzione vento
21:00 7.3ºC 93% buona direzione vento
sabato 27 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.3ºC 85% buona direzione vento
15:00 11.0ºC 76% buona direzione vento
21:00 8.4ºC 89% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni