cultura

Il tesoro nascosto

venerdì 28 luglio 2017
di Mirabilia-Orvieto
Il tesoro nascosto

Foto 1: Gerrit Dou (su disegno di Rembrandt), Parabola del tesoro nascosto, 1630


Il Regno dei Cieli è simile ad un tesoro nascosto in un campo”.
(Matteo 13,44)

Vi è mai capitato nella vita di trovare qualcosa di veramente prezioso che vorreste tenere tutto per voi?
Ebbene, nella prima delle tre parabole del Vangelo di questa domenica accade proprio così.
Il Regno di Dio è infatti simile a un tesoro nascosto in un campo. Un uomo lo trova, lo nasconde di nuovo, per non farlo trovare ad altri, e pieno di gioia, vende tutto quello che ha e compra quel campo.
E’ questa la costante della predicazione di Gesù che esplode nelle sue incredibili parabole, rivelando una visione di Dio completamente nuova rispetto alla fede del passato, quella del Vecchio Testamento.
Il Dio dell’osservanza alla Legge, dei precetti, dei sacrifici al Tempio, improvvisamente sparisce per lasciare il posto a un Dio che non giudica, e che vuole per ciascun uomo il massimo bene, qualcosa di infinitamente grande.
Il racconto però, mette il lettore di fronte a un mistero: il tesoro non si può portare via da quel campo, non può essere trafugato. Perché?
Forse perché, a pensarci bene, il tesoro potrebbe essere così grande da non poter essere trasportato, un po’ come accadrebbe se oggi qualcuno trovasse in un terreno non suo, un pozzo di petrolio.
Per questo l’uomo della parabola è costretto, ed è ben felice di farlo, a vendere tutto ciò che possiede per comprare quel campo e diventarne il padrone.
Il Regno di Dio non è dunque per i ladri o gli approfittatori, non è per gli uomini corrotti o i mercenari (ricordate la parabola dei lupi e del gregge?), i quali non rischiano mai nulla e non hanno nulla da perdere, ma è per chi sa spendere la propria vita, sa investirla, sa metterla in gioco.
Del resto il valore degli averi che l’uomo vende corrisponde esattamente al valore del campo, come a dire che ciascuno ha, nella sua vita, esattamente quanto gli serve per ottenere la pienezza della sua realizzazione.
Nello spirito della parabola, il legame tra il campo in cui è nascosto il tesoro e il tesoro stesso può contenere un altro significato.
Il campo del tesoro è infatti il simbolo di una realtà nuova.
Vendere i propri beni per il campo significa perciò passare ad un’altra situazione, ad un’altra vita, diversa dalla precedente. Chi vende tutto per qualcos’altro non si trova più dove era prima, nel luogo che ha sempre conosciuto, ma trasferisce se stesso per radicarsi altrove: solo chi diventa proprietario del campo può mettere le mani su quella fortuna inestimabile che è la vera felicità.
E tutto questo, secondo il Vangelo, non è impossibile, ma è a portata di mano. In un altro passo Gesù dice infatti: “Il Regno di Dio è in mezzo a voi, è dentro di voi” ( Lc.17,21).
Bisogna quindi essere disposti a sacrificare qualcosa di importante per entrare in possesso di un bene ancora più grande. La parabola dice che il poco o il tanto che si ha (agli occhi di Dio sempre misera cosa!), potrà essere moltiplicato mille e mille volte se si crede al Vangelo, al sogno di Cristo, alla sua straordinaria promessa.

Foto 2 Heinrich Hofmann: Cristo e il giovane ricco

Quando Gesù parla, sembra che non valga il detto “chi si accontenta gode”. Ai discepoli che, dopo aver visto il giovane ricco andarsene perché troppo attaccato ai suoi beni, chiedono a Gesù cosa riceveranno in cambio, per aver lasciato tutto, egli risponde: “Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli per il mio nome riceverà cento volte di più e avrà in eredità la vita eterna” (Matteo 19,29).
Gesù non è il “povero” che promette una vita piccola e misera, ma è l’uomo che promette, a chi crede, vita abbondante, in beni materiali e spirituali.
Di fronte ad un cristianesimo talvolta minimalista, intento a predicare il disprezzo di sé e del mondo, la parabola insegna che l’uomo del Vangelo erediterà non solo il cielo ma anche la terra. Contrariamente al proverbio “chi si accontenta gode”, in realtà non gode affatto, anzi vive una vita rassegnata e quindi profondamente e infinitamente infelice.
L’uomo delle parabole non gioca mai di rimessa, non si adatta, non vive una vita di rinuncia e privazione, ma cerca e guarda in avanti e, pieno di aspettative, rilancia sempre, perché è avido di vita e di felicità. E “anche se non possiamo che ritenerci fortunati per quanto la vita ci ha dato, una famiglia, una casa, un buon lavoro e dei figli da amare e che ci amano, eppure, nel nostro profondo, noi tutti nutriamo aspettative infinite che solo Dio può appagare” (Massimo Diana, filosofo).
Probabilmente, come aveva già intuito Sant’Agostino, solo un Assoluto è capace di saziare e colmare l’inquietudine del cuore umano: “il nostro cuore è inquieto finché non riposa in Te”.
Così invece di lasciare l’uomo abbandonato alla tentazione di servirsi di ogni mezzo, lecito e illecito, per trovare nella vita una qualche forma di realizzazione, Gesù riempie con la sua parabola questo buco, questo vuoto infinito.

Foto 3 Giotto: Vita di San Francesco, particolare della spoliazione.

E’ questo il messaggio che illumina e trasfigura interiormente la vita del giovane Francesco di Assisi, il quale rinunciò alle ricchezze paterne, quelle di un ricco mercante del mondo, per diventare “padrone” del mondo intero.
Sta qui l’ambizione “celeste”, di Cristo e dei suoi discepoli.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 luglio

Notte Bianca e Notte Blu in riva al lago. Nel mezzo, i fuochi d'artificio di Santa Marta

"Flower Party" gratuito sul lungolago. Dal tramonto in poi, meglio degli hippie

Simone Monotti presidente dell'Ordine degli Ingegneri di Terni. Gli auguri dell'assessore Custolino

Seduta straordinaria per il consiglio comunale, otto punti all'ordine del giorno

Orvieto Scalo in festa per Sant'Anna patrona. Il programma dei festeggiamenti

Con il murale "Il Creatore", Orvieto Scalo gira il mondo

Li Donni: "La Cassa di Risparmio di Orvieto è soggetta all'attività di direzione e coordinamento di Bari"

Colombia, Messico, Martinica e Kenia per la decima edizione del Festival del Folklore

Piano sanitario, al via tavoli tematici. Fino al 31 luglio è possibile inviare candidature a partecipare

Lavoro, strumento di dignità sociale. Il progetto "Sfide 2" coinvolge 80 soggetti in esecuzione penale esterna

Bocconi avvelenati per uccidere animali, istituzioni unite contro l'ignobile pratica

Apertura straordinaria per lo sportello Agenzia delle Entrate-Riscossione

"Stella d'Oro". Il Festival di Teatro Amatoriale alza il sipario sulla 21esima edizione

Acqua a singhiozzo in alcune zone del territorio, gli interventi della SII

La Polizia di Stato a Villa Paolina per il campo scuola "Anch'io sono la protezione civile"

Alla Galleria "Falzacappa Benci" prosegue la mostra "Cartapescheria"

Un altro nome nuovo in casa Azzurra, Irene Kolar si presenta

Comune e "Amici del Cuore" verificheranno insieme il riposizionamento dei defibrillatori

Seduta di fine luglio per il consiglio comunale. Venti punti all'ordine del giorno

Unione dei Comuni del Trasimeno, firmata la convenzione per 15 milioni di euro

L'Unitre assegna la borsa di studio "Maria Teresa Santoro"

Il Maniero di Melezzole finisce all'asta per oltre 3,7 milioni di euro

A fuoco sterpaglie e bosco, altra domenica di lavoro per i vigili del fuoco

Musica dal vivo, birra e gastronomia al Carbognano Beer Festival

Necropoli di Crocefisso del Tufo, giovani leve per la campagna di scavo 2017

"CineCastello" omaggia la commedia all'italiana. I protagonisti della sesta edizione

Zeno (Pdci): "Sanità come investimento". Galanello (Pd) sostiene il disegno di legge

L'Orvietana Calcio apre le iscrizioni per la nuova stagione sportiva

Lite tra i comitati dei Pendolari, è scontro sulla soppressione della fermata di Orte

L'Orvieto Basket rinuncia alla serie B e si iscrive alla C2

Parte del ricavato della Castellana donato in beneficenza

In memoria di Paolo Borsellino

Il "Baccano Calcio" a Budrio per raccogliere fondi in favore dei bambini di Cremisan

Cestistica Azzurra Orvieto. Confermato l'assistente coach Massimo Romano

Un regime autoritario è alle nostre porte

Concerto dei finalisti del concorso per cantanti lirici

Orvietana, "Basta con il tutti contro tutti, c'è bisogno di ripartire"

Orvietana, per pensare in grande c'è bisogno di umiltà

Stabili le condizioni dell'ingegner Marco Longo, resta la prognosi riservata

Mattia Palmerini saluta l'Orvieto Basket

Il presidente Meroi rilancia l'ipotesi della Provincia della Tuscia con Orvieto, Viterbo e Civitavecchia

Delineato il quadro della Serie A1 di basket femminile. La Ceprini Orvieto tra le favorite

Allo Stella D'Oro in scena la compagnia di Formia con "La Cattedrale"

Campo estivo della Protezione Civile, i ragazzi subito protagonisti

Corso estivo ispirato a "Le rose nell'insalata"

Eolico sul Peglia. No unanime del consiglio comunale.

A Nucci la presidenza della Commissione Bilancio

Erasmus+:Gioventù in Azione in KA1. Simulata di cittadinanza attiva al Cerquosino

Scopetti vara la nuova segreteria del Pd e annuncia la data della Festa dell'Unità nazionale #scuola2.0

Concina soddisfatto: "Ora lavoriamo per il rispetto del piano pluriennale"

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni