cultura

"Ritmi Antichi" ai giorni nostri

giovedì 13 luglio 2017
di Livia Di Schino
"Ritmi Antichi" ai giorni nostri

"La strada che fugge da Monteleone" di Roberto Cherubini

 

"Rime e Versi, Ritmi Antichi e altre poesie" nelle parole di Roberto Cherubini che racconta del critico letterario e traduttore di testi greci e latini Pietro Bilancini (1864-1895), ma lo fa da un’angolazione particolare: quella offerta dalle opere più intime ma considerate minori. La decisione di proseguire su un selciato già avviato, “per completarlo e perfezionarlo”.

In passato, infatti, assieme a Nicolò Paraciani aveva già curato un’opera e, anche in quell’occasione, a muoverlo era stato il timore che i meandri della dimenticanza, dell’oblio potessero avere la meglio su uno dei più importanti personaggi di Monteleone d’Orvieto. Un lavoro che in qualche modo si pone come una staffetta, avviata negli anni ’50 da un altro monteleonese, il giornalista e storico locale Pietro Momaroni, per elargire ai giovani qualcosa che deve essere custodito per essere a sua volta trasmesso a chi verrà dopo.

Copertina "Rime e Versi, Ritmi Antichi e altre poesie"

 

La storia ha avuto inizio tanto tempo fa, quando l’allora giovanissimo Roberto, studente delle prime classi, si interrogò su quel nome al quale era dedicata la scuola del paese. Chi era questo Pietro Bilancini? Da lì una passione, un desiderio al quale non avrebbe più rinunciato e che si nutriva della consapevolezza di entrare in qualche modo in contatto con chi dava il nome alla principale piazza del paese, quella all’ombra della Torre dell’Orologio, dove il giovanissimo Pietro abitò.

Conoscenze che si intrecciano con l’immaginazione e suggestioni, che in alcune serate stellate, quando la serenità di una passeggiata estiva e ristoratrice per le vie del centro storico può indurre il silente viandante a illudersi che la finestra di quell’abitazione, dove oggi si trova anche la targa commemorativa, sia socchiusa e rischiarata da una fioca luce per permettere di dare respiro alle fitte righe dei libri da studiare e al susseguirsi delle pagine di appunti da comporre.

Foto di Pietro Bilancini (scattata nel 1890)

 

Una vivacità di intelletto, una determinazione di studio e una brillantezza espositiva che hanno inevitabilmente impressionato e influenzato Cherubini, che nella sua ultima pubblicazione lo ritrae alla chiusura dell’anno scolastico 1881-1882, quando il Bilancini traguardò uno dei suoi più importanti successi. Allora dovette competere con le altre “licenze d’onore” provenienti da tutta Italia. Bilancini si trovò infatti a Roma per svolgere il tema “Dei nobili fini ai quali i grandi scrittori italiani, da Dante al Manzoni, rivolsero l’arte della parola”, una traccia proposta da Giosuè Carducci. In giunta giudicante per lo scritto e la successiva prova orale, il poeta che ha reso immortale “il duplice filar” dei cipressi per raggiungere Bolgheri assieme a personaggi del calibro di Edmondo De Amicis.

E non solo. Il giovane Pietro Bilancini, che non aveva alcuna discendenza aristocratica ed era figlio di un falegname artigiano e di una casalinga, arrivò tra gli 11 finalisti assieme a Teofilo Rossi, che sarebbe diventato sindaco di Torino e ministro dell’industria e del commercio, Francesco Ruffini, storico, giurista e futuro senatore del Regno, Vittorio Brondi, senatore e rettore dell’Università di Torino e Riva-Rocci Scipione, medico e pioniere nella lotta contro la tubercolosi.

Da questo l’interrogativo di Cherubini: “Cosa sarebbe potuto diventare il Bilancini se non fosse morto poco più che trentenne in una manciata di giorni per una pleuropolmonite doppia?”. Questo anche perché “la sua opera poetica, ingiustamente messa in un angolo dalla letteratura di fine ‘800, a parer mio manifesta originalità nei contenuti e preannuncia in qualche modo i crepuscolari e i futuristi”.

Di sicuro, in alcuni dei versi del Bilancini, emergono pennellate di attaccamento alla famiglia e a quel paese, Monteleone d’Orvieto, dal quale si era visto separare a causa del lavoro di insegnante ma che un tempo lo aveva saputo cullare. Proprio come in “Veglia di Natale”, quando fuori piove e tutto è ricordo, desiderio e immaginazione. E poi ci sono le dolci campagne nelle quali rifugiarsi dai tempi della vita della città e dall’aridità dei sentimenti, proprio come accade “In Silvis”, grazie alla carezza di una sguardo. “Mi piace pensare l’incontro con la pastorella – commenta Cherubini- nella vecchia strada sterrata che portava da Monteleone d’Orvieto a Piegaro, dove abitava lo zio curato”. Paesaggi silenti, dove refoli di vento si intrecciano a dolci profumi, a ritmi antichi.

Le immagini sono state gentilmente concesse da Roberto Cherubini.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 aprile

Verso la fine dei vari campionati. Azzurra ancora in semifinale, verdetti in arrivo per le squadre orvietane

Tassare Internet sarebbe demenziale, piuttosto si riduca l’Iva al 10%

“Cantico delle creature”. Dall’1 al 10 maggio personale di pittura di Don Ruggero Iorio

Acquapendente. Cava di basalto delle Greppe. Precisazioni del C.I.S.A.

Alcune considerazioni di Roberto Antonini, fotografo naturalista

Ottimi cervelli dell'Orvietano. Da Montegabbione Fabio Roncella insegue il sole per la Pirelli

1° Memorial nazionale di atletica leggera "Luca Coscioni". Orvieto ricorda il suo "maratoneta"

Per Luca, con Luca. Il messaggio di Maria Antonietta Farina Coscioni

Ddl Lavoro, Cgil mobilitata anche in Umbria. Lavoratori in piazza a Perugia e Terni

Brignano raddoppia al Mancinelli. Recita straordinaria anche domenica 30 maggio

Azione Giovani Orvieto e Giovani della Sinistra Orvietana scendono in campo... un goal per Orvieto contro il Cancro

Dimissioni e manomissioni

Ancora sulla Musica. Il diritto al riposo e il diritto di esprimersi

Tessile. Nasce il polo produttivo IF Fashon. Ma la Grinta resta fuori

Auto impatta sul guard-rail lungo la Strada della Stazione. Illeso il conducente

Catiuscia Marini presenta la nuova Giunta Regionale

Controlli straordinari del Commissariato sul territorio. Decine di persone identificate e un fermato per guida in stato di ebbrezza

Il neo assessore Rossi: giusto assicurare adeguata rappresentanza a Terni nella Gointa regionale

L'amministrazione di Porano sul Bilancio. A breve l'approvazione del Consuntivo 2009

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni