cultura

Il pozzo dei penitenti

martedì 14 marzo 2017
Il pozzo dei penitenti

Oltrepassando a gattoni una fenditura alquanto stretta larga 50 e alta 90 centimetri, ci si addentrava all’interno della grotta sotterranea che costituiva l’ingresso al Purgatorio. Attorno a tale spaventoso confine, San Patrizio aveva fatto erigere un muro circolare con una piccola porta, perché era saggio che non tutti potessero avventurarsi con leggerezza nell’aldilà. A ulteriore custodia di quel luogo mistico, il Santo fece costruire anche un’abbazia capace di accogliere ed indirizzare tutti i pellegrini.

Chi desiderava addentrarsi nel Purgatorio di San Patrizio aveva innanzi tutto bisogno di un lasciapassare rilasciato dal suo Vescovo, il quale, doveva sempre dissuadere il penitente suggerendo altre modalità di espiazione delle colpe.  Anche il Priore della comunità monastica dell’isola di Lough Derg, a cui era poi necessario presentarsi, ingaggiava una disperata opera di dissuasione, evidenziando i rischi dell’impresa perché se ci si lasciava sedurre dalle tentazioni dei demoni o atterrire dalla paura dei tormenti, si veniva condotti direttamente all’inferno senza possibilità di ritorno.

I monaci accompagnavano il candidato in processione, fino alle porte del Purgatorio e se ancora ribadiva per l’ultima volta il suo proposito di varcare le soglie dell’aldilà, veniva benedetto da tutti i monaci della comunità e si infilava dentro la spelonca, facendo il segno della croce. Il Priore richiudeva la porta alle spalle del penitente, e poi, salmodiando, tornava verso la chiesa.
Ventiquattr’ore dopo la comunità dei monaci tornava verso la porta del Purgatorio e sostava in preghiera di fronte ad essa.

Nel 1497 papa Alessandro VI, avendo ascoltato il resoconto del viaggio di un monaco olandese del monastero di Eyustadt, prese posizione contro la credenza e ordinò che il pozzo purificante venisse murato, ma la cristianità, anche dopo il 17 marzo di quell’anno, giorno di san Patrizio, continuò a viaggiare verso Lough Derg nella speranza di mondarsi dai peccati.
Sebbene oggi si sia ormai persa la grotta e con essa anche la credenza di poter fare un viaggio andata- ritorno nell’aldilà, esiste ancora sull’isola a nord di Dublino un enorme santuario dedicato a san Patrizio che in alcuni periodi dell’anno apre le sue porte ai pellegrini per aiutarli ad espiare le proprie colpe attraverso un periodo di severa esperienza di penitenza.

(dalla pubblicazione "Mirabilia, il Pozzo di San Patrizio a Orvieto")

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 luglio

Meteo

domenica 23 luglio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 29.6ºC 44% buona direzione vento
15:00 33.3ºC 29% buona direzione vento
21:00 22.9ºC 58% buona direzione vento
lunedì 24 luglio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 27.5ºC 48% buona direzione vento
15:00 30.1ºC 39% buona direzione vento
21:00 21.0ºC 73% buona direzione vento
martedì 25 luglio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 24.6ºC 45% buona direzione vento
15:00 27.5ºC 29% buona direzione vento
21:00 21.1ºC 44% buona direzione vento
mercoledì 26 luglio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 26.2ºC 28% buona direzione vento
15:00 28.5ºC 27% buona direzione vento
21:00 19.7ºC 47% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni