cultura

Al Palazzo dei Sette inaugurata la mostra di Gene Pompa. Bella come un sogno felice

lunedì 18 luglio 2016
di Santina Muzi
Al Palazzo dei Sette inaugurata la mostra di Gene Pompa. Bella come un sogno felice

E parliamo di "Rilievi di natura", la mostra del pittore Gene Pompa inaugurata nelle sale espositive del Palazzo dei Sette nel pomeriggio di sabato 16 luglio dal sindaco di Orvieto Giuseppe Germani. Bella, pulita, ordinata, la natura vista e rivisitata dal pittore che si pone davanti al paesaggio e lo propone, nonostante le metamorfosi delle stagioni, mantenendone intatto quello splendore che emerge in rilievo come fosse tridimensionale.

Entrare nelle sale espositive del primo piano del Palazzo dei Sette è come entrare in un bel sogno che man mano che si procede diviene sempre più... "fiabesco". Sì, perché la natura della realtà quotidiana, nonostante tutta la sua bellezza, ha perso il candore rilassante, l'ordine dei prati, dei filari degli oliveti secolari. La natura dei nostri giorni è fatta di erbacce invadenti, di ortiche, rovi, terreni abbandonati, olivi inselvatichiti, laghetti impaludati, di canne chilometriche, di sacchetti di plastica... Nella pittura di Gene Pompa no. Qui l'artista vede e trasforma secondo il suo sentire, secondo il suo stato d'animo. "È una visione" è il commento di una piccola visitatrice.

"Fra le vistose fronde l'aria appare salubre, la luce tersa, i colori nitidi e vibranti..." scriveva Vittorio Sgarbi in un precedente catalogo. "Sono infinite distese che paiono paradisi... Gene non riproduce, compone e componendo propone altro da ciò da cui è partito..."

Tra i sessanta quadri esposti, solamente quello intitolato "Le colline della lavanda" mi ha lasciato un po' perplessa. Mi è sembrato fuori dal coro perché, in mezzo ai tanti che danno sensazioni positive quello, con i mucchi scuri stesi a terra in verticale come coppi sulla vastità di un tetto, mi ha dato la sensazione di bocche di cannoni puntati verso altri cumuli disposti in senso orizzontale. A loro volta puntati verso obiettivi lontani. Niente di negativo, invece, per il pittore. Alla domanda:"cosa pensava mentre lavorava a questo quadro? Lui risponde: "Dipingere mi dà serenità, quando dipingo sono felice...". In quanto a quei cilindri violacei, non sono altro che i campi di lavanda della Provenza, una fuga di lavande che seguono la morfologia della collina.

"Gene Pompa è un pittore che vive sulla tavolozza qualcosa che appartiene alla sua sfera sentimentale, che vive l'incanto ogni volta che si pone di fronte alla natura...- Sono le parole del prof. Giovanni Faccenda, il critico che ha curato la presentazione. -Il senso della pittura di Gene può essere sintetizzato come pittura poetica. Nella mia Firenze oramai si vedono mostre di estintori, cavatappi e quant'altro. E quella è arte contemporanea. Almeno così ci dicono gli illuminati che vorrebbero farci credere che Cristo è morto dal sonno... Pompa è un pittore che si è saputo far largo in uno scenario oggi adombrato da tutto un sistema di artefìci, di pubblicità, di stampa...".

E non solo olio su tela: le opere di Gene Pompa possono essere apprezzate anche attraverso la moda: le belle borse realizzate da "Vodivì", una giovane azienda umbra con sede a Spoleto, uniscono la competenza degli artigiani del Mady in Italy all'arte narrativa del pittore. Tutto è nato per caso, come racconta il rappresentante dell'azienda, dalla vicinanza delle due "botteghe" su quella via di Spoleto dove entrambi si sono trovati e scoperti.

"Frutto della creatività della casa di moda umbra conosciuta per il suo stile inconfondibile che trae ispirazione dalla bellezza dei territori italiani, e di Gene Pompa,-cita il comunicato dato alla stampa -nascono due eleganti modelli di borse, realizzate in pelle tamponata a mano, con tinture naturali a base di piante autoctone, dipinte e firmate dallo stesso Maestro con la sua tecnica a rilievo" e colori acrilici.

Hanno scritto
*In occasioine di questa splendida mostra in una città, cui sono particolarmente legata, ti faccio i miei complimenti per la bellezza che riesci a creare. Giulia
* "Luoghi e momenti di bellezza" ecco il mio titolo personale per una delle più belle mostre! Luisa
* Ipnotico! Andrea
*Un incanto! Daniela
*Affascinante, inaspettato come la bellezza. Grazie...
* Prima di entrare ti ringrazio Gene per i bellissimi sogni che ci regali. Tommaso ed Emanuela

La collezione delle borse rimarrà in esposizione solamente per una decina di giorni dopodiché rientrerà a Spoleto.

La mostra "Rilievi di natura" resterà aperta fino al 12 settembre 2016 con orario 10/13; 16/20.
Chi desidera incontrare il pittore può approfittare della sua presenza nelle sale espositive del I piano fino alla mattinata di mercoledì 20 luglio.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 agosto

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni