cultura

La Grande Guerra va in mostra nell'ex scuola di Ripalvella

mercoledì 25 maggio 2016
La Grande Guerra va in mostra nell'ex scuola di Ripalvella

Una mostra per ricordare la Grande Guerra. Così a Ripalvella l'Associazione culturale "L'Appomessa" ha voluto ricordare l'anniversario del centenario della guerra che tanto sconvolse il mondo con le sue atrocità. Cartoline, medaglie, foto, fogli matricolari, divise militari, oggetti per la detersione dei soldati al fronte e oggetti usati nelle trincee. Questo e tanto altro si potrà visionare nei locali dell'ex scuola di Ripalvella fino a giovedì 2 giugno, giorno della festa della Repubblica, quando l'esposizione chiuderà. Oltre un centinaio sono state le persone che hanno partecipato alla cerimonia di inaugurazione.

Il sindaco Marsilio Marinelli ha portato il saluto dell'amministrazione comunale e sottolineato come la riscoperta delle tradizioni storiche sia un importante atto che rinnova la vita democratica del nostro Paese. Luca Caciotto, presidente dell'Associazione Appomessa, ha spiegato come la mostra sia nata dalla passione e dalla curiosità che hanno contagiato molti membri dell'associazione e ricordato il fatto che a Ripalvella da molti decenni esiste la tradizione di festeggiare, insieme alla festa del patrono, anche quella dei caduti in occasione del 24 maggio.

Dopo l'apertura della mostra, realizzata grazie al lavoro di molte persone coordinate da Paola Marta, la manifestazione si è sposata sotto le volte della chiesa parrocchiale dove si è svolto il convegno. Lo storico Luca Montecchi ha illustrato le vicende avvenute nel territorio sanvenanzese durante la Grande Guerra, ricordando in particolare la piantumazione delle pinete sul monte Peglia da parte dei soldati austroungarici.

Il Tenente Colonnello Giovanni Baldelli, vicecomandante della Scuola di lingue estere di Santa Giuliana di Perugia, ha invece svolto un intervento dedicato alle vicende più importanti della guerra, al vitto dei soldati, alla vita nelle trincee, all'assistenza sanitaria per i combattenti. Infine si è soffermato sui caduti sanvenanzesi, sulla base di una ricerca condotta sull'Albo d'oro dei caduti in Umbria. Il pubblico, oltre centro persone, è rimasto fino alla fine seduto ad ascoltare con attenzione, gli interventi. Viso il valore storico della mostra, nei prossimi giorni essa sarà visitata dagli alunni dell'Istituto Comprensivo di San Venanzo, molti dei quali hanno eseguito disegni sul tema della pace che sono esposti proprio all'interno della mostra.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 ottobre