cultura

Gemellaggio con Denzlingen, arrivano le biblioteche telefoniche

martedì 19 aprile 2016
Gemellaggio con Denzlingen, arrivano le biblioteche telefoniche

Sarà una giornata di festa e condivisione quella di sabato 23 aprile, quando il sindaco della città “gemella” Denzlingen, si recherà in visita a Città della Pieve. Nell’occasione saranno anche inaugurate le quatto “Bibliocabine” (o biblioteche-telefoniche) che il Comitato per il gemellaggio ha realizzato con il contributo artistico di Antonio Seccia, degli studenti dell’Istituto “I.Calvino”, dell’associazione “Donne La Rosa” e del Comune di Città della Pieve.

Si tratta di istallazioni basate sul riadattamento di vecchie cabine telefoniche a vere e proprie librerie urbane, fruibili liberamente da tutti i cittadini. L’idea è semplice quanto moderna, entri nella cabina, prendi il libro che ti piace, lo leggi e poi lo riporti, e se hai libri che vuoi donare, puoi farlo liberamente.

“Un’iniziativa – racconta il sindaco Fausto Scricciolo - nata per condividere proprio con la città tedesca un’idea che da loro è diffusa già da qualche anno e che ci si augura possa divenire un ulteriore strumento di promozione della cultura e della fratellanza tra i popoli”. “In tempi di crisi soprattutto ‘culturale’ – spiega l’assessore alla Cultura e Turismo Carmine Pugliese - bisogna saper rinnovarsi in tutti modi possibili. In questo caso, utilizzare uno degli strumenti indispensabili alla comunicazione fino a vent’anni fa, per comunicare oggi a sua volta una piccola parte di cultura, è un’opportunità che dobbiamo preservare”.

Il programma della giornata prevede alle ore 10 il saluto di benvenuto del sindaco Scricciolo al collega Markus Hollemann e una visita della Città. Alle 18 in Largo della Vittoria avrà luogo appunto l’inaugurazione delle Bibliocabine e a seguire, alle 19, la premiazione del vincitore del concorso “Dipingi una cabina”. Alle 19.15 per concludere in festa si terrà l’esibizione degli Sbandieratori e dei Musici di Città della Pieve.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 ottobre