cultura

Presentato in Regione il volume "Umbria, paesaggi in divenire 1954/2014"

giovedì 18 febbraio 2016
Presentato in Regione il volume "Umbria, paesaggi in divenire 1954/2014"

Immagini a confronto di paesaggi dell’Umbria che ne evidenziano le trasformazioni nell’arco di 60 anni, offrendo letture diverse dei cambiamenti e una indicazione condivisa sulle politiche di governo del territorio: può essere così sintetizzato il volume “Umbria, Paesaggi in divenire 1954/2014”, presentato giovedì 18 febbraio a Perugia. Nelle 140 pagine della pubblicazione, che raccoglie saggi di Diego Zurli, Alberto Clementi, Ambra Ciarapica, Massimo Angrilli e Franco Farinelli, sono confrontate immagini dall’alto del 1950 con quelle del 2014, così da documentare, in modo immediatamente percepibile, i mutamenti che hanno interessato il paesaggio umbro dai primi anni ’50 fino ai giorni nostri.

Le immagini (estratte dalla raccolta cartografica del sito UmbriaGeo) fanno da contrappunto ai saggi dei cinque autori che affrontano il tema del governo del paesaggio da punti di vista disciplinari diversi.  “Da questa pubblicazione e dalle fotografie che lo corredano – ha sottolineato l’assessore regionale all’Ambiente, Fernanda Cecchini, introducendo la presentazione insieme al coordinatore regionale Diego Zurli – emerge un territorio ricco di valori ambientali, paesaggistici e naturalistici, connotati che vogliamo salvaguardare ed esaltare. Va in questa direzione anche la volontà della Presidente della Regione che ha voluto accorpare in un unico assessorato deleghe e funzioni per fare sintesi e sinergia fra ambiente, paesaggio, cultura, parchi ed aree protette, agricoltura, i tanti beni della risorsa Umbria”.

“Tra gli obiettivi prioritari di questo mandato – ha aggiunto – c’è una programmazione che abbia come principio il consumo di suolo ‘zero’, con una legge regionale che sia ancora più avanzata rispetto alla normativa attuale che già da tempo coniuga tutela dell’ambiente e del paesaggio e sviluppo, e il Piano paesaggistico regionale, il cui iter è ripreso. Da questa pubblicazione, che ripercorre la storia recente della regione mostrandoci dove si è pianificato bene e dove meno bene, viene un contributo importante per le nostre politiche e le nostre azioni, che ci aspettiamo anche dalle riflessioni che ne scaturiranno a partire dalla presentazione di oggi”.

I titoli della pubblicazione danno conto di un approccio poliedrico e trasversale nella lettura delle trasformazioni che hanno interessato il territorio andando ad indagare quelli che sono: “metamorfosi e conflitti nelle terre dell’Italia di mezzo”, “paesaggi e territori. convergenze possibili”, “il racconto e la visione dell’Umbria negli strumenti di governo del territorio regionale”, “mutazioni del paesaggio umbro. sette casi di studio” e “per la ricognizione del paesaggio umbro: la Valtiberina e la Valnerina”. Pur partendo da approcci diversi i cinque saggi sembrano convergere verso la necessità di un netto cambio di mentalità nel modo di intendere la tutela del paesaggio che – secondo gli autori – non può più tradursi in procedure esclusivamente interdittive, spesso legate a steccati disciplinari. E l’Umbria, nel contesto dell’Italia di Mezzo, rappresenta un luogo adatto per intraprendere una fase di sviluppo che includa tra i suoi fattori decisivi un nuovo modo di tutela del paesaggio come uno dei maggiori punti di forza su cui costruire un futuro sostenibile.

Occorre dunque avvalersi di strumenti nuovi e diversi da quelli finora concepiti ed applicati in ambito urbanistico e territoriale, così da poter rafforzare e sedimentare nei cittadini la consapevolezza del valore di ciò che hanno ereditato e della responsabilità che portano nell’esserne i depositari. La tesi del libro è infatti che il paesaggio, e il territorio nelle sue componenti materiali, simboliche o narrative, è costruito dagli abitanti che ne definiscono anche l’identità.

Ciò in accordo con la Convenzione europea del Paesaggio in cui, per la prima volta, si afferma che il territorio è paesaggio, e che un nuovo modello di sviluppo sostenibile basato su un rapporto equilibrato tra bisogni sociali, attività economiche ed ambiente presuppone processi capaci di reinventare funzioni ed attività economiche, sperimentare politiche condivise che rafforzino l’attrattività del territorio e che determinino una nuova e responsabile fruibilità facendo leva sulle tante risorse inespresse. Un approccio di impronta “smart land” nel quale i portatori d’interesse debbano riappropriarsi del protagonismo che un cambio di passo di questa portata richiede.

In Umbria una concreta occasione – è stato detto durante l’incontro – è data dalla redazione del Piano paesaggistico regionale che costituisce una tappa importante per riflettere sulle scelte di fondo delle politiche regionali, a cominciare da quelle di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e naturalistico che concorrono ai processi di trasformazione urbanistica e territoriale. Il Piano deve rappresentare la cornice programmatica delle politiche di settore che incidono sui processi di intervento e di trasformazione del paesaggio e del territorio per portare a sintesi finale l’esperienza di pianificazione avviata. Va dunque rinnovata una alleanza tra segmenti crescenti di cittadinanza, consapevole e responsabile del valore di beni di cui è temporaneamente affidataria, e una pubblica amministrazione che sappia interpretare in termini diversi dal passato la propria funzione.

Alla presentazione, proseguita con una tavola rotonda coordinata dal giornalista Andrea Chioini, oltre agli autori, sono intervenuti il segretario regionale del Ministero dei beni culturali per l'Umbria, Luisa Montevecchi, il direttore del Dipartimento Scienze agrarie, alimentari e ambientali dell’Università degli Studi di Perugia, Francesco Tei, Cristina Papa del Dipartimento di Filosofia, scienze sociali, umane e della formazione dell’Università di Perugia e Franco Marini, dell’Istituto nazionale di Urbanistica – sezione Umbria.

Fonte: Regione dell'Umbria

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 12 dicembre

"Un Natale con i fantasmi" al Piccolo Teatro Cavour

Torna la Maratona Telethon, per sostenere la lotta alle malattie genetiche

Diciottesima edizione per "Porano nel Presepe"

Dedicata ai più piccoli l'edizione invernale della Festa dello Sport

Dopo di Noi, 2 milioni di euro per interventi e servizi per l'assistenza

Salci continua e continuerà a vivere sui social

"Incontri Natalizi 2017". Mostra d'arte e solidarietà al Museo Diocesano

Liste d'attesa e problemi a non finire. Pci: "Delusi dall'atteggiamento della politica"

Lavori straordinari alla rete idrica, possibili disservizi ad Orvieto Scalo

Piano Neve per la Stagione invernale 2017-2018. Consigli utili ai cittadini

"Minori stranieri non accompagnati, risorsa per la riqualificazione dei centri storici"

Gabriele Cirilli fa tappa al Teatro Boni con "#TaleEQualeAMe...Again"

Impianto a biomasse, i motivi del ricorso al Tar al centro di un incontro

La Zambelli Orvieto raccoglie le energie per ospitare Ravenna

"Il borgo si illumina", un percorso di presepi artistici nel centro storico

In provincia di Terni immigrazione stabile negli ultimi anni, freno allo spopolamento

Beni storico-religiosi, il Comune illustra al vescovo le priorità nel recupero

Karate, Coppa Nazionale Confederata. Il risultato del lavoro congiunto di Fik e Fiam

Dalla TeMa, l'invito a diventare soci per sostenere la cultura

La Azzurra ci crede, la partita è sua

Auto si ribalta lungo la Strada della Stazione a causa della pioggia

L'adesione del Polo Museale dell'Umbria al convegno

Dialogo in qualche Paradiso

"Frantoi Aperti in Umbria", in archivio l'edizione del ventennale

I "Pescatori notturni" di Romeo Mancini a Palazzo della Penna per "Le ragioni dell'arte"

Sesta edizione, nuovo percorso per "Montalto di Castro accoglie il Bambino Gesù"

Il Mise riconosce Viterbo "città di antica ed affermata produzione ceramica"

"Concerto di Natale" nel Castello Boncompagni Ludovisi di Trevinano

Proiezione di "S is for Stanley" alla presenza del regista Alex Infascelli

Scaricabile "Pieve FilRouge", l'App turistica per scoprire il patrimonio culturale

Sandro Baldoni presenta il film "La botta grossa. Storie da dentro il terremoto"

"Un balcone sul Lago di Corbara". Tra Salviano e Scoppieto, con sosta all'Ovo Pinto

Furti, spaccate e falsi incidenti: il lato "oscuro" del Natale

I vicoli diventano toilette per cani, scoppia la protesta

A Spagliagrano ritiro mensile del clero della Diocesi di Orvieto-Todi

L'Orvietana rallenta, a Giove è pareggio

Grande accoglienzaa Giove, il volto migliore del calcio

Una Vetrya incerottata spreca nell’ultimo quarto

Griffe false, finanza sequestra 6000 capi nell'orvietano

Week end di normale “pazzia” futsalistica per l’Orvieto Fc

Acqua e rifiuti, le scuole visitano gli impianti della provincia

"D'oro e d'argento", rassegna corale di beneficenza al Teatro Boni

Investimento territoriale integrato, ora si passa alla fase operativa

Inaugurati i lavori di Rotecastello, migliorata l'accessibilità al borgo

Semmai un giglio

La Zambelli Orvieto corre forte e semina il San Lazzaro

Orvieto Cittaslow come esempio di turismo culturale a Berlino

Il "frottolo" fiorentino, ovvero: "Chi è causa dei suoi mali..."!

Marta

Parco Nazionale dei Monti Sibillini: rischi lungo i sentieri dopo il sisma, ma non in tutti

Flavio dei miracoli

Risate&Risotti compie dieci anni, in viaggio tra buona cucina e divertimento

La piazza della fontana nascosta

Tradimenti

Cinquanta presepi, mercatini e Babbi Natale in Harley Davidson per le feste

In distribuzione le tessere per i parcheggi gratuiti

Attivata la rete Wi-Fi gratuita in tutto il centro storico

Il Corporale di Orvieto in onda su Rai2 per "Voyager, ai confini della conoscenza"

Controlli intensificati per il Ponte dell'Immacolata, ecco gli esiti

"The Bus Driver is Drunk". Musica live in Piazza della Repubblica

A Castel Viscardo e nelle frazioni si accende il Natale, nel segno della solidarietà

"19 note per un sorriso". Beneficenza insieme a Massimiliano Varrese

Rapina lampo al Monte dei Paschi di Siena, in manette il ladro

Germani rimodula la squadra e va avanti

Senso unico in Via degli Ulivi per lavori urgenti di manutenzione straordinaria della rete idrica

Celebrazioni liturgiche del Natale, tutti gli appuntamenti in Duomo

Selargius spaventa la Azzurra Ceprini

"Un dono per un dono". Mercatino della Croce Rossa in Piazza Gualterio