cultura

Colophon si occupa de "La Rimpatriata". Il libro di Giovannini-Di Schino approda su Rai3

lunedì 7 dicembre 2015
Colophon si occupa de "La Rimpatriata". Il libro di Giovannini-Di Schino approda su Rai3

In un momento storico nel quale è più frequente veder spuntare muri, a fare notizia è un ponte. Quello tra il passato, il presente e il futuro, quello di un piccolo paesino dell’orvietano che non rinuncia a voler continuare a tenere stretto un legame con la tradizione e soprattutto con tutti i monteleonesi disseminati nel mondo. “La Rimpatriata” (Intermedia Edizioni, 2015), a cura della giornalista Livia Di Schino e dell’ispettore onorario archivistico Sergio Giovannini, sarà presentato nella patinata rubrica Colophon del Tgr Umbria, a cura del giornalista Mino Lorusso, mercoledì 9 dicembre.

“La Rimpatriata”, cento pagine per raccontare la storia di cinquant’anni di inclusione, è stata fortemente voluta dall’associazione di promozione turistica della Pro Loco e racconta una storia di resistenza e di tenacia. Immagini, parole e documenti che descrivono l’orgoglio di Monteleone d’Orvieto e del senso di appartenenza dei suoi abitanti, che con il proprio impegno caratterizzano il divenire di un pittoresco abitato, scandendo il susseguirsi delle stagioni e dei periodi dell’anno all’ombra dell’imponente Torre dell’Orologio.

Tra le curiosità, in Colophon è stato presentato anche un altro libro della Di Schino: il romanzo surreale, ambientato nella San Gimignano delle torri medievali, “La Scelta: una discesa negli inferi” (Editrice Nuovi Autori, 2007). Un cammino di consapevolezza che ha tenuto con il fiato sospeso gli appassionati lettori e che oggi più che mai, alla luce del contesto internazionale, assume un significato di grande attualità. E poi, martedì 8 dicembre alle ore 15, come anticipato, Giovannini presenterà, presso la piccola chiesa del borgo, "Santa Maria di Monteleone e la sua chiesa".

La pubblicazione è stata ideata in occasione dei recenti lavori di ristrutturazione della chiesa ed è stata finanziata, come gli stessi interventi strutturali, dal Comitato della Sagra degli Gnocchi e dal locale Circolo Arci. Il lavoro, frutto di un’attenta ricerca archivistica e bibliografica, riprende il tema dei ritrovamenti archeologici della zona e stabilisce una continuità nella storia dell’insediamento abitativo e della campagna circostante che va dall’antichità, passando per il periodo medievale e l’età moderna fino ai nostri giorni, con approfondimenti sulla toponomastica, sulle opere di bonifica della Chiana Romana ed infine sulla chiesetta dedicata a Santa Maria Maddalena.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 dicembre

Auguri in versi di Buone Feste dall'Unitre Orvieto

La sabbia, amore mio

I cigni

Noi ci svegliammo piangendo

Tra democrazia e demagogia

Zambelli Orvieto sensazionale, batte Ravenna ed è prima

L'Orvietana vince col Clitunno e mantiene il passo

Lucio Dragoni è il nuovo allenatore giallorosso. "Uomo di calcio e Maestro di calcio"

Con le corde, dentro il Pozzo della Cava, per il nuovo presepe-evento: "I Quaranta Giorni"

Sisma, firmata la convenzione Regione-Comuni. Si avvia l'Ufficio speciale per la ricostruzione

Ammissione ai collegi del mondo unito, riaperto il bando selezioneper gli studenti dei Comuni colpiti dal sisma

Castello di Alviano aperto per le feste. Visite al maniero e ai musei che ospita

Uisp Orvieto Medio Tevere, elogio ai giovani ambasciatori dello sport orvietano

L'Avis dona fondi per acquistare uno scuolabus per i bambini di Preci

A Perugia incontro pubblico su fare libri e lettori

Cespuglio di more

Verso le elezioni, due candidati per la presidenza. Tre liste per il consiglio provinciale

Ascensori di Via Ripa Medici in manutenzione, navetta sostitutiva fino a venerdì

I Borghi più belli dell'Umbria discutono di temi e progetti di sviluppo turistico

Lo Sportello del Consumatore, riflessioni su presente e futuro del servizio

La TeMa si aggiudica il bando Psr per sviluppo e commercializzazione del turismo

"Capodanno in Famiglia" al Santuario dell'Amore Misericordioso

L'Università della Tuscia è il primo Ateneo statale del Lazio e il settimo del Centro Italia per la qualità della ricerca