cultura

Giorgio Cantarini presenta la webserie "Aus": "L'emozione passa per la verità"

martedì 11 agosto 2015
di Davide Pompei
Giorgio Cantarini presenta la webserie "Aus": "L'emozione passa per la verità"

Giosuè è cresciuto. E sente il legittimo bisogno di crescere, anche professionalmente. I calzoncini dentro cui, ad appena 5 anni, sgambettava accanto a Roberto Benigni sul set del film vincitore di tre Oscar "La vita è bella" non gli stanno più bene. Così come le vesti indossate per interpretare il figlio del generale Massimo Decimo Meridio ne "Il gladiatore" di Ridley Scott, che di premi Oscar se ne è aggiudicati cinque.

Carriera precoce, quella di Giorgio Cantarini, classe 1992, nato sulla Rupe due anni dopo il fratello Lorenzo – chitarra elettrica e seconda voce dei Dear Jack, testimonial in Piazza Duomo a marzo per la seconda edizione della campagna itinerante "Una vita da social" – dal padre Giuseppe, che per anni ha diretto il Centro di Salute Mentale di Orvieto.

Di quei set, conserva lo sguardo vivace e i ricordi. "C'era – dice – un grande spirito di collaborazione e aiuto. Un fonico mi raccontava storie per non fammi annoiare, altri tecnici della troupe avevano costruito una canna per farmi pescare dentro una pozzanghera. Quando il film è finito, giova anche del rapporto umano con il cast artistico e tecnico che c'è stato dietro le quinte, durante la sua realizzazione".

Accantonata l'idea liceale di diventare investigatore e ammesso dopo il diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, ha appena partecipato alla webserie diretta da Antonio Marzotto "AUS. Adotta uno studente", progetto vincitore de "La Bottega delle Web Series", concorso-laboratorio promosso da Premio Solinas e RaiFiction per scoprire nuovi autori e distribuire una serie destinata principalmente ad Internet.

Cinque, ad oggi, le puntate-pilota della durata di circa 7-8 minuti l'una disponibili, insieme ad extra e backstage, su www.ray.rai.it che potrebbero diventare 20. Lui stesso, non è a conoscenza della sceneggiatura completa anche se gli hanno raccontato un possibile seguito. Girate con budget contenuto, le riprese sono durate dieci giorni. Protagonista, il tenero 19enne Mattia che lascia la provincia abruzzese per frequentare l'università a Roma, ignaro di dover condividere la casa con l'anziana Firmina. Ospite della nona edizione di "Est Film Festival", venerdì 31 luglio Giorgio è alla Rocca dei Papi di Montefiascone per presentarle.

"L'idea di fondo – spiega – è ispirata a una iniziativa vera, rivolta agli universitari dal Comune di Bologna. Il regista cercava un ragazzo tra i 18 e i 23 anni. A dicembre ha visto uno spettacolo nella mia scuola e ha pensato che potessi interpretare Mattia. Ci siamo subito trovati bene a lavorare insieme. Poi, è venuto il resto del cast. L'ultima parola spettava alla Rai che ha voluto investire su giovani preparati e su un progetto che utilizza il linguaggio dei giovani.

Non ero un grande frequentatore di social, non ho persone che gestiscono le mie pagine. Credo che ancora non mi serva. Riconosco, però, che per giovani che, come me, devono farsi conoscere e vogliono mostrare un prodotto è fondamentale progettare una strategia che passi anche per la Rete. Non ho scisso identità lavorativa e privata. Il formato della webserie valorizza l'interpretazione dell'attore. Su uno schermo piccolo come quello di un computer o addirittura di uno smartphone, l'attenzione si concentra su di lui, prima ancora che su musica e fotografia.

A differenza dei grandi set, in questi lavori più piccoli in cui si collabora, si instaura un clima più bello. Ci si aiuta, per necessità, e nascono spesso rapporti veri. Nel cinema e nel teatro, non esiste individualità. Non c'è più il divo che arriva sul set e si comporta come tale. È un lavoro che si costruisce insieme. È successo così anche con Barbara Valmorin, l'attrice che impersona Firmina. Sul set, mi ha riempito di consigli e quando lei era stanca, l'ho supportata con un po' della mia energia. Alla prima, a Roma, mi teneva la mano, come fossimo nonna e nipote”.

Il trasferimento nella Capitale? "Per me – rivela – è stato un cambiamento radicale. Era fondamentale trasferirsi a Roma. Il cinema, in Italia, è ancora Roma. A Montefiascone, praticamente, non esistono semafori. Dove abitavo, era pieno. Passare da andare al lago a trascorrere nove ore in accademia con gente più grande di me, è stato un po' traumatico all'inizio. Ma si colgono delle cose meravigliose".

"Sono cresciuto con l'idea che l'attore è quello dell'autografo e delle foto – prosegue – poi, mi sono appassionato e ho capito che la recitazione è studio e passione. A febbraio, ho girato questa serie. E a marzo ho seguito la mia ragazza a Parigi, per imparare il francese e trovare un'agenzia. Ho provato ad aprirmi una finestra. La Francia è molto valida, sotto il profilo cinematografico. C'è un approccio diverso alla cultura. Politicamente, ci si investe di più. E poi c'è maggiore libertà, espressiva e mentale, per gli attori di interpretare un testo.

Non vorrei fossilizzarmi in Italia. Qui, non sento molto fermento. Per lavorare all'estero, non è necessario andare in America. È sufficiente un video-provino con l'iPhone. L'attore è un artista e l'esercizio, anche sulle emozioni, è fondamentale. Non implica mettersi tutti i giorni su un testo. Ciò che cerca di fare è guardarsi intorno e replicare la vita. Provando ad immaginare cosa dicono le persone, quale è la loro storia. Tutto ciò porta a sviluppare e tenere allenate fantasia e creatività.

Per chiunque, è importante leggere tante storie o vedere tanti film. Un attore si prepara anche così, andando in giro, a guardare la vita, a rubarne i gesti e studiare come trasporli. Per questo, prediligo i lavori con attori bravi. In generale, guardo film dove non si dà spazio alla gag. Non amo molto la commedia all'italiana, ma quando un attore tira fuori qualcosa di vero mettendo in scena forze e paure.

Cercando di suscitare al pubblico un'emozione, applicando la propria arte per dare al personaggio ciò che viene dalla persona. Riproducendo una sensazione vera, senza cliché. L'emozione passa per la verità. L'aiuto del regista è fondamentale. In Italia, Paolo Sorrentino fa un lavoro meraviglioso con gli attori. Anche Daniele Luchetti sperimenta molto. Io, non sono un attore da 'buona, la prima'. Preferisco ripetere, provare, fare cose diverse. Ho solo 23 anni".

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 ottobre

Bazar

La Zambelli Orvieto combatte ma si piega al forte Cuneo

Tecnici dell'Orvieto FC alla Parma Academy per un weekend di aggiornamento

Ecco i Comuni umbri da dove fuggono i giovani tra 25 e 40 anni

Sulla fecondità morale di una non più rinviabile rivoluzione culturale

Vendemmia vita

I violini barocchi vanno in mostra all'Antiquarium di Tenaglie

Nuovo parroco ad Allerona Scalo, alla guida della parrocchia don Eugenio Campini

Chiusa per lavori la Chiesa di San Pancrazio Martire. Riaprirà a dicembre

"Via Signorelli chiusa h24. Perché?". Olimpieri (IeT): "Danni e disagi per i cittadini"

La Narnese rovina la festa all'Orvietana, 4 - 2: biancorossi ko

Tra mistero e racconto, l'universo femminile di Pietro Archis

Via ai lavori sulla strada regionale 205 Amerina. Interventi per quasi 70.000 euro

Noto professionista stroncato da un malore, inutili i soccorsi

Buona la prima per la Vetrya Orvieto Basket

Di nuovo "On Air". Radio Orvieto Web riprende le trasmissioni

Il Castello di Torre Alfina diventa fiaba per "The Hunting. Il Gioco dell'Amore" dei Cherries

Scuola, concluse le conferenze d'ambito. A giorni, il Piano complessivo da trasmettere in Regione

Chianella al convegno di Alta Scuola: "Maggiore attenzione al dissesto idrogeologico"

Fondazione Giovanni Paolo II e Centro Peres per la Pace, si firma l'accordo

"Cannabis, il farmaco e la droga". Uil presenta il corso di formazione

Inaugurato il nuovo campo in erba dello Stadio "Luigi Muzi"

"Omaggio a Stefano Rodotà". Doppio appuntamento in Sala Consiliare e al Palazzo dei Sette

Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni, "un'esperienza da ripetere"

Asl 2, i sindacati dei pensionati chiedono il rispetto degli impegni presi

La Azzurra Ceprini torna da Bologna a mani vuote

Simon Picone, mediano di mischia della Nazionale, incontra i rugbysti al De Martino

Giornate della Castagna, primo weekend da incorniciare

Al via pulizia e taglio della vegetazione presso il Belvedere del Moai

Mostra fotografica e brindisi a "La Casella" per festeggiare trent'anni di attività

Dall'Otto per Mille, oltre 480.000 euro al Parco di Vulci

Con "CamminainTuscia", la Via Francigena è sulla buona strada

Arriva "Box 18". Il Comune regala la Costituzione ai neo-maggiorenni

"Alternanza Day" alla Camera di Commercio, tra scuola e lavoro

Sul timpano spunta "Il gruccione". L'arte di strada per migliorare il decoro urbano

Inaugurato il giardino inclusivo della Scuola dell'Infanzia di Ammeto

Ricci (RP): "La Regione si attivi per valorizzare Parco e Museo Vulcanologico"

Nuovo libro per Claudio Lattanzi, "Orvieto nel Medioevo. Ascesa e declino"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 16

Il clero della Diocesi elegge il nuovo consiglio presbiteriale

Nucci (San Venanzo Viva): "Il sindaco se ne infischia dell'opposizione"

Il Comune dichiara guerra alle biciclette: "Via dal parcheggio di Via Roma"

Tordi (M5S) replica a Bizzarri: "Segnaletica inesistente e monumenti bistrattati"

Incontro partecipativo per costruire insieme la "mappa di comunità"

Foto, storie e ricordi di Orvieto fuori dai cassetti. Il primo ad aprirli è Reno Montanucci

Si presenta il restauro artistico e architettonico di San Giovenale

Il Centro Antiviolenza di Orvieto apre le porte

Alert System, cosa è e come funziona. Rischio denuncia per chi procura falsi allarmi

Al Mancinelli Pino Strabioli e Alice Spisa portano in scena "L'abito della sposa"

Vergaglia (M5S): "Portiamo Orvieto a Bruxelles. Nota stonata la bocciatura dell'Ufficio Europa"

Vertenza Ast, Orvieto aderisce allo sciopero. Germani: "Sostegno ai lavoratori"

In arrivo la prima edizione del festival del dialogo "CuriosaMente"

Prima giornata per il festival del dialogo CuriosaMente

Seconda giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Terza giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Al via la 24esima edizione della Mostra Micologica

Le cooperative di Orvieto: "Lo sciopero sortisca effetti"

La Libertas Pallavolo Orvieto se la vede con il Clitunno Volley

Cgil, Cisl e Uil: "Dalla mobilitazione una proposta alternativa per il futuro della nostra comunità"

Un convegno per riflettere su "Alzheimer. Una lotta contro la disabilità"

Al Giubileo del Malato le testimonianze di Giosy Cento

Gioventù nazionale insieme all'associazione "Non c'è fango che tenga"

A Morre la castagna è regina dell'autunno

Ars Wetana, una tradizione ritrovata. Alla ricerca delle artigiane artiste del prezioso merletto orvietano

Breve storia dell'Ars Wetana

Trasferimento dei rifiuti campani. Nettamente contraria Altra Città: 'Le ecoballe dirigetele altrove'

Yunus, un esempio per tutti: i veri grandi non hanno presunzione

Il comunicato del Comune di Orvieto sull'assegnazione del Premio per i Diritti umani 2004 a Muhammad Yunus

Prime giornate cardiologiche orvietane: il progetto Orvieto Cittàcardioprotetta si presenta a livello nazionale

Si mobilita l'UDC. Enrico Melasecche: occorre difendere Orvieto dalla falsa solidarietà ambientale della sinistra

27-29 ottobre. Convegno a Collevalenza sulla prima Enciclica di Benedetto XVI DEUS CARITAS EST

La Romeo Menti a Collescipoli viene raggiunta nei minuti finali

Prova maiuscola della Romeo Menti che in juniores regionale batte la capolista Nestor

Debutto in scioltezza per i maschi del volley orvietano: la Libertas Pallavolo Orvieto schiaccia il Gualdo Tadino per 3-0

Abile excursus pianistico nella forma Fantasia. Pieno successo del Concerto del maestro Cambri al Festival Valentiniano

Diffondere la cultura d'impresa tra i giovani. L'impegno congiunto dell'amministrazione orvietana e Novaumbria

Insediamento della Coop centro Italia sull'Amerina: la Conferenza dei Servizi ha detto sì. Al via la megadistribuzione

Il piano integrato del sistema commerciale del Comune di Orvieto: le linee

La lavorazione del merletto orvietano

Velia Pollegioni

Renata Cardarelli

Maria Piacentini

Antonietta Burattino Ubaldini

Manuela Ciotti

Scrosci di applausi per Luca De Filippo al Mancinelli. Il lavoro della Te.Ma comincia a dare buoni frutti