cultura

"Orvieto Pulita". Presentazione della tela seicentesca che raffigura la dedicazione della città

sabato 13 dicembre 2014
"Orvieto Pulita". Presentazione della tela seicentesca che raffigura la dedicazione della città

A cura del Comune e dell’Istituto Storico Artistico Orvietano nel 70° anniversario della fondazione, Sabato 13 Dicembre - festa di Santa Lucia – alle ore 17,00 presso la Sala Consiliare del Palazzo Comunale verrà presentata la tela seicentesca, che raffigura la DEDICAZIONE DELLA CITTÀ DI ORVIETO ALLA MADONNA CON SAN GIUSEPPE E SANTA LUCIA INTERCESSORI, il cui intervento conservativo, per questa occasione, è stato curato gratuitamente dalla COOperativa Beni Culturali di Spoleto.

Il quadro della dedicazione appartiene al Comune di Orvieto e per molti anni è rimasto sconosciuto essendo collocato in un magazzino della Chiesa di San Francesco anch’essa di proprietà comunale. Si tratta di un dipinto molto importante per il grande interesse pubblico che riveste essendovi rappresentata la Città di Orvieto.

L’appuntamento è perciò l’occasione per conoscere meglio quest’opera che, dopo un primo test di pulitura (denominato Orvieto pulita) da cui è scaturita la raffigurazione della Città di Orvieto, in vista del restauro completo e della sua valorizzazione espositiva, ha riconsegnato alla memoria cittadina il simbolo di una storia antica che si fonde con una tradizione che gli orvietani ancora custodiscono.

Dopo i saluti iniziali del Sindaco, Giuseppe Germani, dell’Assessore ai Beni Culturali, Vincenzina Anna Maria Martino e del Presidente dell’ISAO, Alberto Satolli sarà lo stesso presidente dell’Istituto Storico Artistico ad introdurre la conferenza parlando del culto e dell’iconografia di Santa Lucia ad Orvieto. Al Prof. Bruno Toscano è affidata, invece, l’analisi storico-critica della tela e l’eventuale attribuzione all’artista che l’ha dipinta, Bruno Bruni Restauratore della COOperativa Beni Culturali di Spoleto parlerà, infine, della fase di pulitura della tela. Al termine la tela verrà disvelata.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 ottobre