cultura

Pietrangelo Buttafuoco "I cinque funerali della signora Göring"

giovedì 20 novembre 2014
di Alessandra Fassari
Pietrangelo Buttafuoco "I cinque funerali della signora Göring"

Se esiste uomo disposto a proteggere la propria amata sin oltre la morte, a volerla con sé, polvere ed ossa, a raccoglierla pezzo dopo pezzo “gocciando lacrime di tenerezza più che di angoscia”, allora è l’amore, il vero topos del nuovo romanzo di Pietrangelo Buttafuoco. Un amore travolgente, passionale, a tratti oscuro, ma di certo altisonante, dolce e struggente che, trascritto in un’altalena di profondi sentimenti e coinvolgenti emozioni, ha spinto l’autore ad andare fra le rovine del Goering’s Carinhall alla ricerca deduttiva del bene nel male, di un altro punto di vista di quella che fu la Germania nera del nazionalsocialismo.

In una cornice storica che si pone a cavallo delle due guerre, minuziosamente descritta e indagata con l’acume giornalistico che gli è proprio, lo scrittore ha voluto cogliere l’essenza del reale, conducendo il lettore in un contesto narrativo, tracciato, etimologicamente parlando, con una mano “schizofrenica” degna di una personalità inquieta qual è la sua. In bilico fra tensione e distensione, ora irriverente e sfrontato, ora timido e imbarazzato, si nutre di malinconia, Buttafuoco, e non può farne a meno, rapito com’è dall’universo femminile da cui si lascia affascinare, catturare ed irretire.

E ce lo dimostra ancora una volta, infatti, partendo dalla «curiosità derivata tutta da lei, quella donna bellissima in quella foto sul piroscafo, da quella foto, appunto, è scaturita la vicenda di due che si amarono sempre, oltre la tomba», due che, con uno stridente ossimoro lessicale, potremmo definire demoni innamorati, inermi e indifesi come Tristano e Isotta sotto l’effetto estatico della pozione amorosa. 


Lei, baronessa Carin von Fock, in una sera nevosa di Svezia, il 20 febbraio del 1920, riconobbe in lui, Hermann Wilhelm Göring, erede del grande Barone Rosso, la sua stessa maligna natura e se ne innamorò all’istante. Così, in un turbinio di fulmini, struggimento e passione “tutto in loro s’incendia”; così, consapevole di avviare “un fatto d’amore che semina il proprio germe nel dolore”, Carin decise di lasciare marito e figlio per quell’atleta biondo dei cieli che le prese l’anima; così scelse di perdere tutto, affrontando povertà, malattia e scandali, pur di averlo sempre con sè; così, in partenza, cantò “una canzone in cui chi si abbraccia sa di abbracciarsi per dovere poi morire”, quasi preludio di quella prematura scomparsa che non le avrebbe dato pace se non dopo ben cinque sepolture. 


Un racconto nel racconto, dunque, una narrazione su due livelli che vede da un lato il folle amore di due amanti, dall’altro gli accadimenti storici che imperversavano intorno a loro, dall'incontro con Hitler che gli avrebbe cambiato la vita, all’esilio europeo dopo il fallito colpo di Stato, dalla morte di Carin che, già malata, si spense nell'ottobre del 1931, al nuovo Hermann, grasso e morfinomane, ombra del giovane che l'aveva fatta innamorare, preso di sé e da una vanagloriosa smania di potere.

Una storia che pur non essendo leggenda è leggendaria, pur non essendo poesia, la si respira, pur non essendo irreale, si colora di mito, grazie allo stile scrittorio reso liricamente melodico dalla passione che Buttafuoco, ancora una volta, effonde nel testo.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 maggio

TeMa, botta e risposta in consiglio. Pino Strabioli prossimo all'ingresso nel CdA

Con Italia Nostra, nei luoghi etruschi e templari tra Bardano e Rocca Ripesena

Bagno di folla ad Acquapendente per i Pugnaloni. Al Gruppo Sant'Anna, l'edizione 2017

Bocciato dal Tar il bando sulla gestione dei servizi dei parcheggi. Minoranza: "Ennesima figuraccia della Giunta Germani"

Unitre, eletto il nuovo direttivo. Alla prima riunione, la formalizzazione degli incarichi

Palermo chiama Italia...e il "Dalla Chiesa" risponde: "Presente!"

La Scuola Primaria di Orvieto Scalo festeggia...al sicuro

Dedicata delicata

Parte a ottobre la terza edizione di Master Luce in comunicazione territoriale per lo sviluppo turistico

"Todi Fiorita", si chiude nella luce e nella musica l'edizione 2017

Settima edizione per "Venerdì Orvietani in Ostetricia e Ginecologia"

Giardino, una sera

"Armonie Solidali". In scena al Teatro Boni uno spettacolo musicale di beneficenza

Due giorni di appuntamenti a Torre Alfina nel nome di San Bernardino

La radioattività naturale dell'Umbria: presentato lo studio della Regione e dell'Istituto nazionale di fisica nucleare

Servizi scolastici di mensa e trasporto. Aperte le richieste per il nuovo anno 2017/2018

Nuovo dirigente alla Squadra Mobile di Terni, arriva il commissario capo Davide Caldarozzi

Riconoscimento nazionale per Francesco Barberini. La LIPU premia l'aspirante ornitologo

I due finalisti di AmaTeatro 2017. Ad autunno le finali al Mancinelli

Edilizia: mobilitazione dei lavoratori umbri per pensioni, lavoro, contratto e ricostruzione

Delegazione cinese in visita alla Provincia. Incontro su istituzioni, trasparenza e controlli

Università USA al Centro Studi: il console generale saluta l'avvio della Summer School

Al Palazzo dei Sette va in mostra la "Pittura Ermeneutica" di Pier Augusto Breccia

Nove giorni di dolci tentazioni con I Gelati d'Italia 2017

"Lea Pacini ed il Corteo Storico: quando a Orvieto sfila la Storia", tutti i premiati

In archivio la sesta "Giornata dello Sport". Basket, tennis, pallavolo e calcio per gli alunni della scuola primaria

Guardea Paese Cardioprotetto. Tra la scuola e il campo da calciotto, arrivano defibrillatore e teca

"San Sebastiano in Festa", seconda edizione. Cultura, enogastronomia e Palio del Carciofo

La scuola Giovanni XXIII di Fabro tra i premiati regionali del concorso "Play Energy Enel"

Tre giorni per visitare e conoscere i Nidi Comunali

Corso di compostaggio domestico a Sferracavallo promosso da Cosp Tecno Service e Comune

L'Asds Majorana va alla scoperta dei sentieri dislocati intorno al Castello di Corbara

Nella Sala delle Muse di Palazzo Corgna, apre la mostra "Mia"

Gli alunni dello Scientifico devolvono alla Chianelli il premio di "Lettura Dantesca"

La Azzurra Orvieto e coach Romano ancora insieme

Morto in Ospedale, medici prosciolti

“Vanno bene i campi di calcio, ma almeno pulite le aree per bambini”

"Ludi alla Fortezza", svelato il programma. Tre giorni a tutto Medioevo

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni