cultura

Inaugurato il "Tesoro della Cattedrale" nella Libreria Albèri

sabato 15 novembre 2014
di Davide Pompei
Inaugurato il "Tesoro della Cattedrale" nella Libreria Albèri

"Un senso di meraviglia invade i visitatori che entrano nel Duomo di Orvieto. Questo nuovo percorso porta all'attenzione pubblica tesori che erano in attesa di essere valorizzati. È una pagina importante non solo per la città, ma per l'intero Paese. Desidero sottolineare la vicinanza tra il Ministero e questa città nel mantenimento dell'immenso patrimonio culturale, che si arricchisce oggi di una nuova finestra aperta". Così l'onorevole Ilaria Borletti Buitoni, sottosegretario al Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo ha tenuto a battesimo sabato 15 novembre alla presenza del vescovo Benedetto Tuzia e del sindaco Giuseppe Germani, l'inaugurazione del cosiddetto "Tesoro della Cattedrale".

Ovvero, il nuovo allestimento della quattrocentesca Libreria Albèri che dal 2012, ultimati i lavori di restauro, è stata ricollegata ai Palazzi Papali, così da mantenere viva la memoria del fatto che, precocemente e per secoli fino ancora agli anni '90, l'ampia sala di raccordo tra la cattedrale e i palazzi apostolici è stata utilizzata come cappella privata e sacrestia dei vescovi. L'inaugurazione è avvenuta a conclusione dei tre giorni del convegno storico internazionale "Il Corpus Domini. Teologia, antropologia e politica" promosso dall'Opera del Duomo in collaborazione con la Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino.

"Un convegno molto specialistico – ha detto il presidente della Fabbriceria Francesco Venturiincentrato sui significati storici, religiosi e culturali per il mondo cattolico, correlato al biennio giubilare che si chiuderà ufficialmente domenica 16 novembre. L'allestimento definitivo della Libreria Albèri già usata come passaggio naturale tra la cattedrale e il palazzo vescovile viene ora inserito a tutti gli effetti nel contesto museale. L'Opera non poteva non contribuire all'afflusso alla cattedrale che con il giubileo è stato anche superiore alle aspettative. Per questo sono stati recuperati e trasformati in percorso giubilare i sotterranei del Duomo, che resteranno fruibili anche una volta chiusa la Porta Santa. Ed è stata dotata di nuova illuminazione la Cappella del Corporale, così da rendere leggibili gli affreschi".

Da qui è stata ora rimossa la teca di vetro che custodiva il Reliquiario del Corporale, il tabernacolo d’argento firmato dall’orafo senese Ugolino di Vieri nel 1338 che nei suoi smalti contiene il racconto figurativo più antico della storia del miracolo eucaristico, e collocata al centro della Libreria Albèri, a coronamento delle stanze del Museo, insieme ad alcuni oggetti sacri.

"Da quando sono in questa regione – ha aggiunto Fabio De Chirico, soprintendente per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici dell'Umbria – sono in contatto con tesori inestimabili. Nella basilica di San Francesco di Assisi è conservato il calice realizzato dall'orafo senese Guccio di Mannaia per Papa Niccolò IV, lo stesso che ha dato avvio all'erezione del Duomo di Orvieto. La Libreria Albèri, aperta in concomitanza con la mostra su Luca Signorelli, costituisce uno spazio intermedio tra quello del rito eucaristico e quello del museo, un luogo dal profondo valore umanistico".

A guidare la visita al nuovo allestimento, passando eccezionalmente dal Coro – l'ingresso ufficiale resta quello del Museo – è stata la curatrice del Modo Alessandra Cannistrà. "Oltre al Reliquiario – ha spiegato – la musealizzazione propone anche una selezione di opere del Modo dedicata agli oggetti rituali, tessere importanti della storia della liturgia e fonte materiale per le vicende della Chiesa locale e della città. Queste pregevoli oreficerie sono spesso legate alla memoria dei vescovi orvietani, come il cardinale Girolamo Simoncelli, personaggio cardine della storia religiosa e culturale della città nella seconda metà del Cinquecento, che donò alla cattedrale lo splendido pastorale rinascimentale e il fermaglio di perle che chiudeva le vesti cerimoniali.

Oppure richiamano una storia recente e l’interesse per figure come quella di Bonaventura Cerretti, che prima di diventare cardinale, unico orvietano nel XX secolo, fu il primo delegato apostolico in Australia, proprio cento anni fa nell’anno cruciale della guerra mondiale. Ma si tratta anche di oggetti davvero antichi e di particolari accessori liturgici e devozionali, che la Fabbrica del duomo custodisce da secoli. E' il caso di un manufatto tessile di eccezionale interesse e antichità, oggi incluso nel Tesoro e mostrato per la prima volta dopo il restauro: una fascia di lino, rimasta incompiuta nel ricamo così da lasciar ammirare il disegno preparatorio riferito alla fine del XIII secolo, che fu rinvenuta alla fine dell'Ottocento tra le reliquie di Pietro Parenzo".

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità