cultura

Al Libro Parlante, Tullio Pericoli dialoga con Paolo Mauri. In mostra, alcune incisioni

venerdì 13 dicembre 2013
Al Libro Parlante, Tullio Pericoli dialoga con Paolo Mauri. In mostra, alcune incisioni

Nell'ambito della 18esima edizione della rassegna "Il Libro Parlante", il maestro Tullio Pericoli sarà ad Orvieto sabato 14 dicembre alle 18 per dialogare con Paolo Mauri e il sindaco Antonio Concina del libro "I Paesaggi".

Pittore e disegnatore marchigiano d'origine e milanese d'adozione, Pericoli è un grande Maestro del nostro tempo. Dipinge raffinati paesaggi e realizza ritratti di scrittori e di personaggi celebri del mondo culturale. Espone in numerose gallerie e musei italiani ed esteri e la sua attività di scenografo e costumista l'ha portato a lavorare per l'Opernhaus di Zurigo, il Teatro Studio e il Teatro alla Scala di Milano. Prestigiosa presenza nelle pagine culturali di Repubblica ha pubblicato numerosi libri, tra i quali: I ritratti, Adelphi, L'anima del volto, Bompiani, dove rivela le proprie riflessioni sul suo mestiere di ritrattista, Attraverso l'albero. Una piccola storia dell'arte, Adelphi. La Mondadori ha proposto recentemente una collezione speciale di Meridiani nel segno di Tullio Pericoli regalando un volto nuovo a dei classici. Così alcuni tra i più grandi autori della letteratura mondiale sono ritratti sul cofanetto che ne contiene le opere con il suo tratto elegante, ironico e inconfondibile: "Il ritratto è un racconto che racconta un altro racconto". Noto è il suo impegno civile soprattutto a tutela del patrimonio paesaggistico. È da poche settimane in libreria il suo ultimo lavoro editoriale

I Paesaggi (Aldephi)

Per tutto l'arco del suo percorso d'artista Tullio Pericoli ha ritratto paesaggi. In questo libro ne ha raccolti moltissimi, costruendo un appassionante racconto per immagini contrappuntato da brevi testi degli scrittori, degli artisti, dei poeti, dei pensatori che di volta in volta hanno accompagnato, anche solo con un frammento di prosa, il suo lavoro. Il risultato è un libro che non si riesce a smettere di guardare e rivedere, rimanendone ogni volta attratti, o sorpresi, per una ragione nuova.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 ottobre