cultura

Evaristo Seghetta Andreoli, montegabbionese doc, presenta a Siena "I semi del poeta"

giovedì 14 novembre 2013
Evaristo Seghetta Andreoli, montegabbionese doc, presenta a Siena "I semi del poeta"

Passare dai numeri alle parole, dai conti ai versi che prendono corpo su pagine bianche per Evaristo Seghetta Andreoli, montegabbionese doc e dirigente di banca, è diventata quasi routine, una passione a cui ha deciso di dare sfogo per sincera dedizione. "I semi del poeta" (Edizioni Polistampa) è la sua prima raccolta di versi che verrà presentata presso la Sala degli Specchi dell'Accademia dei Rozzi a Siena, venerdì 15 novembre alle 17.30. Una serata dedicata all'arte poetica che sarà introdotta dal critico letterario Fernanda Caprilli. All'incontro, a cui sarà presente l'autore, interverrà il giornalista e scrittore Carlo Fini, l'attrice Paola Lombardi e Patrizia Fazzi, poeta e critico letterario.

Evaristo Seghetta Andreoli è nato nel 1953 a Montegabbione (Terni). Ha vissuto in molte città, tra cui a Ferrara, Parma e Modena. Attualmente vive e lavora ad Arezzo. È dirigente in una banca ma coltiva da sempre la scrittura e la passione per la letteratura. La sua poesia "Sono il cipresso" è stata premiata al concorso letterario «Aronte» di Carrara nel 2012 e ha ricevuto il premio speciale della giuria al concorso letterario internazionale «Sempre caro...» di Recanati nel marzo 2013. I semi del poeta (Polistampa 2013) è la sua prima raccolta di versi pubblicata.

Come ha scritto Patrizia Fazzi nella sua intensa Prefazione al volume, il poeta si era realizzato finora solo nella profondità della sua applicazione continuata alla pratica continua del verso:

«Evaristo Andreoli, quasi novello Italo Svevo, pur se calato, come l'autore triestino, nelle stanze dei conti e dei rapporti commerciali, ha mantenuto il "vizio" segreto di scrivere, di annotare e trasformare in poesie l'esercizio altrettanto quotidiano di ascoltare se stesso e di "osservare" la realtà esterna e i fenomeni naturali nella loro mutevole misteriosa epifania» (p. 5).

Ma la poesia di Andreoli non è soltanto un "giornale di bordo" dell'Io e un'evocazione in versi di eventi quotidiani che si rastremano in voce che canta o sussurra utilizzando le parole per decantarli; è sostanzialmente un omaggio alla poesia come ragione di vita, come "seme dell'uomo" e della sua necessaria vocazione al superamento della quotidianità in nome di un Oltre necessario. È quello che accade in molti dei suoi testi più suggestivi legati alle letture di formazione del loro autore:

«DE RERUM NATURA. Scende al tramonto / nel pulviscolo / di un raggio di sole / di Lucrezio il verso, / clandestina anima / nella penombra canicolare. // Lui canta per me, / senza timore / nel girotondo perpetuo : / nenia latina, / vortice lento d'arcaiche parole, / frammenti del tutto, / di luce di stelle, / di atomi eterni, / di vita divina» (p. 47).

Sono "i semi" dell'Universo, atomi immortali e cangianti, che il clinamen che li guida spinge a realizzare il mondo in cui viviamo e che continuamente si compone e si ricompone. Allo stesso modo è fatta la poesia: parole che si intrecciano e si rinnovano continuamente, utilizzando i pre-testi più labili per trasformarli in momenti che aspirano all'eternità. A questo modo, le città in cui Seghetta ha amato o in cui ha lavorato (Parma, Ferrara, Orvieto, Carrara rivissuta assai efficacemente come "vela di marmo"), le situazioni poetiche più frequentate (la pioggia, l'alba, l'amore contrastato o vittorioso), la cultura del passato che non si rifiuta all'attraversamento di una modernità mai esaltata in maniera astratta ma pesata in modo tale da saggiarne la portata universale, la passione e i sentimenti della vita che permettono alla poesia di porsi sullo stesso piano delle necessità dell'esistenza costituiscono la sostanza del debutto di un poeta che ha scelto la scrittura per verificare la verità profonda della propria vocazione.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 dicembre

Anatomia di un addio

Fine settimana da incorniciare per l'Orvieto FC. Palmerini: "Stiamo crescendo"

"Tanto per dire", seconda edizione. Al Liceo Classico "Tacito" torna il corso di dizione

Jazz e strumenti antichi al Museo Archeologico Nazionale in occasione di Ujw

Celebrata la Giornata Garibaldina, in memoria della battaglia di Mentana

Inaugurata la prima area di sgambatura per cani, previste altre due

Denunciata dalla Polizia una giovane pluripregiudicata

Partita la procedura di rilascio del passaporto elettronico

Rischio ghiaccio per i contatori, i consigli per proteggerli ed evitare spese

Umbria.GO raddoppia e si presenta nella versione dedicata ai pendolari regionali

Campagna Ocm Vino 2017/2018, incrementate le risorse a sostegno delle imprese

"Intrecci", inaugurata la scuola di alta formazione della famiglia Cotarella

"Concerto di Natale" nella Sala Unità d'Italia del Palazzo Comunale

"Geotermia a bassa e media entalpia, rischi e conseguenze"

"È nato un Re povero". Rappresentazione nei Giardini di Villa Faina

Presentata l'edizione 2018 della "Guida ai sapori e ai piaceri della regione Umbria" di Repubblica

Vetrya riceve il Premio Imprese per l'Innovazione di Confindustria e il Premio dei Premi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Eletto il nuovo Coordinamento delle Cittaslow Italiane. Barbara Paron al vertice

Il tenente Giuseppe Viviano è il nuovo comandante della Compagnia Carabinieri

"Madonna con Bambino appare a San Filippo Neri", il dipinto su tela torna a splendere

Storia e segreti di Palazzo Franciosoni nel volume "Anatomia di un palazzo"

E dico ancora di Bianca

"La Tregua di Natale. Lettere dal Fronte". Lettura ad alta voce in Biblioteca

Nuovo video di Francesco Barberini in Campania con la LIPU

Infiltrazione d'acqua a scuola, le precisazioni del Comune