cultura

"Relazioni Pericolose", il rock nato a Orvieto

mercoledì 16 ottobre 2013
"Relazioni Pericolose", il rock nato a Orvieto

La band tutta orvietana Relazioni Pericolose - che è anche il titolo del loro primo lavoro in studio, presto disponibile in 750 digital stores online - è il progetto di cinque musicisti che hanno già solcato diversi palchi tra Umbria, Lazio e Toscana condividendo la scena con artisti come Nobraino, Max Zanotti, Rancore & DjMyke, per fare qualche nome. L'incontro tra i nostri avviene quando al power trio costituito da Valerio Bellocchio (chitarra), Enrico Bellocchio (basso) e Iacopo Bianchini (batteria e percussioni) si uniscono Enrico Sabatini (tastiere) e Bernardo Mattioni (voce).

Nel 2012 prende il via la fase embrionale di Relazioni Pericolose. Nell'ottobre dello stesso anno si affidano alla produzione di Gabriele "Svedonio" Tardiolo (The Reverse, Bartender ecc...) - musicista/produttore molto apprezzato nella scena musicale rock (e non solo) italiana e europea - per la registrazione del primo EP ufficiale, totalmente autofinanziato, composto di cinque tracce, successivamente mixato presso il Mami Studio Records di Orvieto. La promozione dell'EP è iniziata l'estate scorsa, in occasione della partecipazione della band a festival quali "I Suoni di Villalba" e "Ficulle In Rock Festival" (con l'apertura a Il Pan del Diavolo). La band è giunta alla composizione del disco, la cui anima caratterizzante è una sintesi tra stoner, blues, elettronica, alternative e post-rock, dopo una gestazione abbastanza lunga, che fa seguito ad un'intensa attività di lavoro in sala prove e di esibizioni dal vivo.

L'Ep contiene cinque brani originali, con testi in Italiano. Il primo brano "Le Relazioni Pericolose" si avvicina molto allo stoner mentre in "Ardaq" il ritmo incalzante è molto più influenzato dalla musica elettronica. Entrambi i brani presentano ritornelli che vi rimarranno in testa. "Senza Confini", come anticipato dal titolo stesso della canzone, non ha barriere, è un brano introspettivo che si sviluppa continuamente su sé stesso. "Libico" richiama la musica orientale, con i suoi tempi dispari ed un arrangiamento minimale. In "Deserto", infine, la band si è avvalsa della collaborazione con il rapper Rancore. Al testo, elogio del dubbio e della crisi, fa eco un riff potente e violento.

Alla domanda sull'origine del progetto Relazioni Pericolose, Bernardo risponde: "Trascorsi musicali antitetici ci hanno portato a suonare insieme. Dopo aver sperimentato vari generi ci siamo finalmente messi a scrivere qualcosa di nostro. Unire le nostre esperienze non è stato e non è obiettivamente cosa facile, ma siamo riusciti a stabilire un metodo di creazione musicale efficace".

"I nostri ascolti - aggiunge Enrico il tastierista - riflettono, com'è ovvio, i nostri personali gusti in fatto di musica, non sempre sovrapponibili tra loro. Ecco, io credo che la nostra più grande sfida sia proprio quella di riuscire ad amalgamare i contributi e le idee che ognuno di noi fornisce alla causa comune del gruppo nell'atto della scrittura di un pezzo. Così facendo, molto spesso ci troviamo a rigirarci tra le mani un oggetto strano. Insomma, il nostro obiettivo è quello di fare musica, ottenendo un risultato che sia maggiore della somma delle parti. E tutto ciò per noi, oltre che essere stimolante, è anche molto divertente". 

A proposito della loro recente pubblicazione e dei progetti immediati Iacopo ci dice: "Il lavoro a cui siamo giunti in studio rappresenta una sorta di "pietra angolare" dalla quale partiamo per costruire una nostra identità all'interno del variegato mondo della musica indipendente. Un punto di partenza per poi andare oltre. Stiamo definendo la stagione invernale con la collaborazione di un booking agent e stiamo anche preparando una versione acustica delle nostre cose. Questo esperimento acustico ci consente di rilavorare su noi stessi in una nuova veste, oltre che rendere il concerto più godibile in situazioni diverse. Questa estate abbiamo suonato su palchi davvero buoni, come quello de I Suoni di Villalba, il Ficulle in Rock Festival (per lo stesso concerto de Il Pan del Diavolo) o per il concerto di Rancore & DjMyke e stiamo facendo in modo di continuare a promuovere la nostra musica ovunque ci sia qualcuno disposto ad ascoltarci. Oltre a questo stiamo continuando a produrre nuove canzoni che presto andranno a comporre il nostro primo full length album".

Per saperne di più:

Facebook: https://www.facebook.com/PericoloseRelazioni
YouTube: http://www.youtube.com/RelazioniPericoloseX
E-mail: pericoloserelazioni@gmail.com
Booking: www.groovenationagency.com

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 aprile

"Gli Ordini mendicanti e predicatori nella Diocesi di Orvieto-Todi: la povertà come ricchezza"

Anche la Compagnia delle Lavandaie della Tuscia alla Sagra dell'Aparago Verde

Alla Festa della Birra Artigianale di Piazza del Popolo, anche "I Fritti della Castellana"

"Una birra per piacere, senza sballo si può". Se ne parla con Cittaslow e A.Ge.

"Occhi sulla Luna. Un omaggio al nostro satellite naturale"

Soffiava il vento

Nei weekend estivi, i giovani del Servizio Civile aprono la Torre e il Palazzo Comunale

"Diversità e integrazione" a Rocca Ripesena, in festa per "Il Paese delle Rose"

Il Palio dei Comandi ai runners della Scuola Sottufficiali dell'Esercito

Guasti alla linea telefonica, è possibile contattare il Comune da Facebook

La Zambelli Orvieto volta pagina, la semifinale comincia a San Giovanni in Marignano

Per "Parrano Feudo 900" iniziativa con le scuole dell'Alto Orvietano a "La Badia" di Ficulle

Festa della Liberazione, pomeriggio di iniziative alla Fortezza Albornoz

La Corte dei Conti accerta il ripiano finanziario e la conclusione del Piano di riequilibrio pluriennale

"Claudia Giontella, una archeologa e la sua dialettica del territorio"

Match point al PalaPorano per la Vetrya Orvieto Basket

Cinema Teatro Turreno, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia dona l'immobile a Comune e Regione

Per "San Pellegrino in Fiore", sei visite guidate tra chiese, fontane e palazzi

Chiusura temporanea del casello autostradale di Orvieto per lavori di pavimentazione

Inaugurato il Polo tecnologico per l'Umbria dell'Università Internazionale Uninettuno

Caso discarica, ancora 10 giorni. Italia Nostra contesta la Soprintendenza

Il direttivo Fisar si rinnova: 5 su 7 sono nuovi consiglieri, Amilcare Frellicca nuovo delegato

Disabilità, le famiglie in presidio sotto il palazzo della Regione

Venticinque secco al Lotto

Orvieto FC, prima vittoria per le ragazze del calcio a 11. Big match contro il Ciconia

Punture di vespe, "l'Ospedale è in grado di affrontare con efficacia queste situazioni"

'Sette giorni di... vini nella provincia di Terni'. Dal 24 al 30 aprile degustazioni con prelibatezze a Orvieto, Ficulle, Amelia e Terni

Il programma della manifestazione

'Umbria, verde rinascita dell'italico vino': convegno giovedì 26 aprile

Il Team Eurobici Orvieto si fa onore alla ‘10° gran fondo dei Colli Albani’

Soddisfazione dello SDI per Ségolène Royal candidata alle presidenziali francesi. Lo segnala il consigliere provinciale Marinelli

Supera le 179 mila adesioni la raccolta firme per la Legge di iniziativa popolare per la tutela e la gestione pubblica dell’acqua. Obiettivo: 500 mila firme per dare più forza alla proposta di legge

Convegno del Centro studi Gianni Rodari venerdì 27 aprile: 'La mente scientifica - Come fare Scienze a scuola'

Ripartito il fondo regionale 2007 alle Comunità montane. Oltre 535 mila euro alla Monte Peglia e Selva di Meana

All'insegna del rinnovamento nominata la nuova segreteria dell'Unione Comunale DS Orvieto. I FORUM CIVICI altro elemento di novità

Villa San Giorgio in cantiere. Pronti tra 450 giorni la nuovissima Residenza Protetta e il Centro Riabilitativo

Voci su un'ipotetica cava di basalto in località Biagio: un'interpellanza del consigliere Imbastoni per saperne di più

Contraddittorio educare gli studenti al riciclaggio e al mangiar sano e farli mangiare con stoviglie di plastica. Perché non si installa una lavastoviglie all'Ippolito Scalza?

Bella affermazione per l'orvietano Gian Marco Fusari, vincitore del Premio Nazionale Musica d'Autore