cultura

Progetti sulla Via Romea. Perché l'Ente Cassa di Risparmio di Firenze e la Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto non partecipano al progetto dell’Associazione italiana Via Romea Germanica

venerdì 20 settembre 2013
Progetti sulla Via Romea. Perché l'Ente Cassa di Risparmio di Firenze e la Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto non partecipano al progetto dellAssociazione italiana Via Romea Germanica

Con riferimento a quanto contenuto in articoli di quotidiani apparsi in questi giorni in merito alla partecipazione di Fondazioni bancarie al progetto promosso dall'Associazione Via Romea Germanica, che ha organizzato per sabato 21 settembre un convegno presso il Teatro Comunale di Fabro, la Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto e l'Ente Cassa di Risparmio di Firenze ritengono necessario precisare che non partecipano a tale iniziativa, in quanto stanno portando avanti un progetto - iniziato prima della costituzione della citata Associazione - con la fattiva collaborazione anche del Consiglio d'Europa, delle regioni Toscana ed Umbria, delle province umbre e toscane e dei comuni interessati, per la riscoperta e la valorizzazione dell'antico percorso della Via Teutonica.

"L'Associazione Via Romea di Stade - si afferma nelle precisazioni - costituita nel 2012 e che ha cambiato nel 2013 la denominazione in Via Romea Germanica, era stata invitata a partecipare al progetto iniziato prima del 2012 dalle due Fondazioni bancarie (Ente Cr Firenze - Fondazione Cr Orvieto), ma a quanto risulta dai contenuti di detti articoli e dai recenti comportamenti posti in essere, sembra non essere interessata a tale collaborazione. Per quanto riguarda le attività delle nostre Fondazioni, proseguono i rapporti a livello istituzionale per giungere alla definizione di accordi operativi, così come sono in via di completamento materiali cartacei ed informatici utili per la migliore fruizione del percorso".
La Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto e l'Ente Cassa di Risparmio di Firenze annunciano inoltre che a breve verrà diramato uno specifico comunicato stampa per illustrare gli sviluppi dell'iniziativa.

Pubblicato da silvio manglaviti il 21 settembre 2013 alle ore 08:58
Mi sia consentito esprimere un parere in qualità di studioso della geografia storica e del reticolo viario antico del nostro territorio. Ero presente all’incontro di marzo scorso tenutosi presso la FCRO. Ho rinnovato in quell’occasione la mia consueta totale disponibilità agli organizzatori, ma soprattutto al professor Stopani; l’autorevolezza in materia del quale è senz’altro fuori discussione. Quale titolare del corso sulla “Viabilità antica e storica” all’UniTre Alto Orvietano, mi sono messo a disposizione del CAI locale (essendo il sottoscritto un ‘vecchio’ del CAI di Milano) e dell’associazione Maiorana (da cui sono stato invitato a tenere un incontro su tali tematiche in seno ai corsi di formazione per guide escursionistiche). A Montefiascone nel luglio scorso, l’Amministrazione locale ha organizzato una giornata sulle Romee. L’Associazione Italiana Via Romea di Stade (www.viaromeadistade.eu), con l’omologa tedesca «Förderverein “Romweg – Abt Albert von Stade” e.V.» (www.viaromea.de), stanno ultimando in questi giorni i tratti in Umbria e Tuscia. Non capisco a questo punto però dove sia il problema. Al di fuori delle polemiche più o meno pretestuose più o meno strumentali, come al solito cavalcate ad hoc, e come tali cacio sui maccheroni per gli organi di informazione e comunicazione, veramente non si capisce perché prendersela così tanto. Non entro nel merito di cosa stiano facendo i soggetti che lavorano sulla “Teutonica”, non sono informato e non mi riguarda; mi suona male tuttavia lo strano accanimento dei “Golia” bancari (e relativi accoliti) verso i piccoletti insignificanti “pedestri” delle libere associazioni popolari come quelle che stanno lavorando alla Romea stadense. Alias Via Germanica, così ribattezzata perché agli omologhi d’oltralpe non va giù – lo sanno benissimo anche a FCRO (fu evidenziato peraltro a marzo) – in quanto troppo evocativo degli omonimi cavalieri medioevali guerrafondai. Conosco tutti gli attori, dall’una e dall’altra parte, di questa che sta assumendo, al solito purtroppo, sempre di più i contorni di una grottesca farsa all’italiana maniera (fatta di fondi europei in ballo; finanziamenti golosi; avidità; invidie e gelosie; interessi partigiani e di botteghe). Sono stato invitato a collaborare (gratis, come sempre; anzi, in rimessa … sarò idiota?) per le mie specifiche competenze in materia geocartografica, con Italia Nostra Orvieto, ai lavori che si chiuderanno oggi nel convegno di Fabro. Posso garantire una cosa: iscriversi all’Associazione Italiana Via Romea di Stade non costa nulla. Chi vi partecipa lo fa mettendovi risorse di cervello e di tasca proprie. Si opera per l’interesse collettivo. Non solo locale, ma proiettato ben “Oltre” nel tempo e nello spazio. Invece di accapigliarsi e disconfermarsi, i forti (in quanto danarosi) e i deboli (in quanto piccole realtà di libero associazionismo popolare, autonomo e indipendente) devono (non uso il condizionale) incontrarsi e superare le divisioni, farina del diavolo. Siamo nel giubileo della Transiturus. Ancora non si vede un cartello in giro (non dico per il mondo: negli aeroporti, sulle strade), ma nemmeno qui da noi (cosa gravissima se si pensa invece alla promozione turistica culturale), in cui si ricordi che ad Orvieto l’11 agosto 1264 papa Urbano IV ha istituito la solennità universale del Corpus Domini (e a Todi passa il papa). Per quanto ci riguarda, la promozione dell'evento orvietano è parte integrante, anzi fondamentale, del progetto Via Romea di Stade (che, ricordo è l’itinerario di un abate tedesco del XIII sec. da e per Roma in cui si riporta la tappa “Orbete” tra il Trasimeno e la Tuscia). Il progetto è ambizioso, bello, affascinante anzi ed intrigante. Quale miglior metafora di quella che veda tutti, tanti (almeno quelli che contano che non abbiano vergogna di mettersi insieme alla plebe), adoprarsi per costruire un percorso agevole, interessante e dalle mete agognate ristoratrici e di benessere? Come ho già scritto, basta chiacchiere: il fiato serve per camminare. Le teste per trovare le vie giuste. Da percorrere insieme. Buona Strada.
Pubblicato da Leonardo Brugiotti il 21 settembre 2013 alle ore 09:31
Ringraziamo per questa comunicazione, restiamo in attesa di novità , delle comunicazioni, del materiale cartaceo ed informatico e, possibilmente di sapere come si raccorderà questa iniziativa con le istituzioni, le associazioni e tutti gli interessati. Va detto però che se la via teutonica e' in itinere da tempo, la via Romea e' già una realtà e, comunque, i primi pellegrini sosteranno a Lubriano e faranno il congresso a Fabbro.
Cordialità Leonardo Brugiotti
Pubblicato da Arnaldo Capini il 23 settembre 2013 alle ore 01:17

Intervengo sull'argomento in quanto " informato sui fatti ", meglio dire , minuziosamente informato sui fatti , avendo personalmente seguito e co diretto lo sviluppo della Via Romea di Stade prima e successivamente della rinominata Via Romea Germanica sul nostro territorio , da Castiglion Del Lago a Montefiascone . Con l'incarico affidatomi dal Sindaco di Fabro Maurizio Terzino mi occupai di questo argomento in qualità di assessore al turismo, partecipai alla fondazione della associazione "Via Romea di Stade " insieme ad una trentina di altri sindaci italiani e associazioni no profit e alla stesura del suo statuto , suggellando con la mia firma di amministratore pubblico l'adesione del Comune di Fabro come socio fondatore della suddetta associazione , il che avvenne circa due anni or sono. Continuai a seguire l'associazione nell'organizzazione degli eventi sul nostro territorio e per lo sviluppo dei rapporti con le istituzioni comunali interessate e con enti anche dopo la remissione dei miei incarichi amministrativi al Sindaco Terzino che forzatamente dovetti fare per motivi personali . Circa un anno fà come associazione organizzammo una camminata anche con Pellegrini Tedeschi della Romvell per assimilare ufficialmente all'intero tracciato della Via Romea di Stade , il tratto da Città Della Pieve a sud verso Fabro ,secondo le cartografie fornite da Silvio Manglaviti .In quella occasione mi preoccupai di coinvolgere i sindaci più direttamente interessati all'attraversamento in quanto confinanti con il territorio di Fabro , il Sindaco di Monteleone Mario Pattuglia aderì osservando che il tracciato metteva in risalto per molti chilometri il territorio monteleonese peraltro lungo una direttrice servita da agriturismi trattorie e altro . Tentai di coinvolgere il sindaco di Ficulle Gino Terrezza nel tentativo di passare il testimone per l'organizzazione del proprio territorio comunale .Il Sindaco Terrezza non aderì in quanto orientato ad un progetto a suo dire Istituzionale (Via Teutonica) in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto , la Provincia di Terni ecc..ecc..ecc.., . In realtà , circa due anni fà ,i comuni dell'alto Orvietano e dell'Orvietano erano stati tutti informati dalla Fondazione CRO circa l'intenzione di allestire uno studio sulla cosiddetta "Via Teutonica" ma l'informazione non ebbe un seguito concreto al punto che ancora oggi i Sindaci di Orvieto , dell'Orvietano e dell'alto Orvietano non hanno la più pallida idea di cosa abbia prodotto di concreto la Fondazione CRO , ad eccezione come dicevo del Sindaco di Ficulle , dell'assessore di Orvieto , Marco Marino a cui il Sidaco Concina demandò la gestione dell'argomento, dichiarandosi , durante una recente riunione nella sede della Fondazione CRO , promossa dai Sidaci di Monteleone di Orvieto , Montegabbione , Parrano , Ficulle , Allerona , Castelviscardo , Porano e rappresentati dal Sindaco Terzino , che lo vedeva al tavolo della discussione e che appunto in quella occasione si dichiarò poco informato sull'argomento ma desideroso di recuperare , erano indubbiamente presenti i Dirigenti della Fondazione nella persona del Presidente Enzo Fumi e del Sig. Adolfo Ciardiello una rappresentanza dei Sindaci e il sottoscritto esperto della "Via Romea di Stade" già rinominata Via Romea Germanica . Lo scopo della riunione era ,nelle intenzioni dei proponenti Sindaci , di trovare un accordo fra la Fondazione CRO in solido con il Comune di Orvieto e Ficulle e la Provoincia di Terni fin li contrapposti al Resto del Mondo , il quale resto del mondo , ridendo scherzando e camminando ha allestito un prodotto reale , storico , culturale , turistico e quindi economico che già sta dando i suoi frutti , condiviso da Stade nel Nord della Germania fino al suo confine sud con l'Austria , dall'Austria fino al suo confine sud con l'Italia , da buona parte dell'Italia che dal Brennero arriva a Roma , ad eccezione di una certa parte di attraversamento in Veneto e del territorio Ficulle e Orvieto (quaranta km a dir tanto , quanto può arrivar lontano una sputacciata) fin qui dichiaratisi fuori . Tuttavia non abbiano timore Riccardo Paoletti e Renato Testa , il territorio ficullese sul suo suolo pubblico è transitabile come tutti i territori italiani anche contro i desideri degli amministratori , i pellegrini , grazie al fattivo impegno di Italia Nostra che ha messo a disposizione attraverso i soci Presidente e Vice Presidente Lucio Riccetti e Silvio Manglaviti i tracciati della Via Romea e propri iscritti con competenze di guida , hanno potuto attraversare il territorio ficullese per tutta la sua lunghezza , assimilandone le suggestive bellezze , annotandole per la divulgazione . Riccardo Paoletti e Renato Testa , sappiano che i pellegrini sono stati accolti alla Badia da occasionali cittadini Ficullesi che naturalmente incuriositi hanno voluto conoscere questi signori e si sono amichevolmente intrattenuti con loro per oltre un ora spiegandogli ciò che sapevano della Badia , proseguendo sono stati accolti da Silvio Topo all'Hotel Rilarosi con un vero e proprio banchetto , al laboratorio delle terrecotte di Fabio Fattorini hanno potuto godere anche di dimostrazioni di tornitura della creta , alla cantina Vitalonga di Gigi e Ghengo Maravalle hanno capito che significa costruire un vino , sono stati visitatori speciali del Castello della Sala . Sono ritornati a cena alla Cantina Vitalonga dopo aver raggiunto il paese di Allerona . Sapete miei cari Signori Riccardo Paoletti e Renato Testa chi c'era sulla porta del Comune ad aspettarli? Il Sindaco Valentino Ricchigiani , li ha accolti ha mostrato loro orgogliosamente il suo Paese e glielo ha raccontato . Spero di aver apportato un tassello utile alla comprensione di questo fenomeno Arnaldo Capini

Pubblicato da Abbiamo l'autore il 23 settembre 2013 alle ore 08:26
Apprendiamo con piacere che Capini è il vero organizzatore.
Carissimo Arnaldo quello che lei sembra non capire è il fatto, quantomeno curioso, che sulle tappe che lei ha inserito nel manifesto di presentazione dell'iniziativa, non ha messo Ficulle, che invece nelle mappe dell'Associazione è indicato con chiarezza. Si è andato ad inventare un tragitto, Fabro- Sala, che sulla cartografia dell'Associazione non esiste, pur di non nominare Ficulle. Lei capisce che è questo che ha infastidito tutti. Ora poi scopriamo che a far questo è un Ficullese come lei, che avrebbe dovuto sapere qual'era l'antica strada romana.
Si è trattato di un errore? basta dirlo.
Se uno non vuole le polemiche basta non provocarle.
Se lei ha problemi con il Sindaco di Ficulle, non deve coinvolgere in questo una Comunità intera, la sua storia e le sue tradizioni.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 ottobre

Vittorio compie cento anni. Auguri "uomo silenzioso, umile e con un grande cuore"

Il vento mi ha detto

Linux Day 2016. Dodicesima giornata orvietana dedicata al sistema operativo GNU Linux

Partenza con il botto per la Vetrya Orvieto Basket

Orvieto Fc si impone sul campo di Spello contro i Grifoni

Il popolo italiano unito per il No (primo paragrafo)

Orvietana in palla, niente da fare per il Ducato

Piloti orvietani in evidenza, stagione ad alti livelli

In arrivo 1,4 milioni di euro per il centro storico. Soddisfazione dell'amministrazione comunale

Prosegue il programma di sostituzione dei contatori dell'acqua obsoleti

Umbrex a Orvieto. Il circuito di credito commerciale che facilita gli scambi tra aziende, professionisti e organizzazioni

"Corso introduttivo per assaggiatori di olio di oliva", ecco le tappe del viaggio

L'intervento del Comitato per l'Acqua Pubblica dell'Orvietano

Vetrya e Università della Tuscia: formazione 4.0 per gli studenti del corso Marketing e Qualità

Dall'Ohio a Lugnano, una famiglia statunitense adotta alcuni ulivi della collezione mondiale

Tari, il Comune di Alviano vara sgravi per le famiglie meno abbienti

E mi chiedevo nella luce del sole

Inaugurato il nuovo campo sportivo. Gli auguri di Leonardo Bonucci, l'apprezzamento della FIGC

"Destination Wedding: Orvieto città per gli sposi". Il giorno più bello parte dall'ex Chiesa di San Giacomo

Azzurra Ceprini Orvieto. Con Empoli si decide tutto all'ultimo minuto

"Teatri Aperti" tra visite guidate ed eventi gratuiti. Ecco dove l'arte dà spettacolo

Corsi di formazione gratuiti e tirocini retribuiti con il programma delle politiche del lavoro della Regione

Thyssen. Ferma la risposta dei Sindacati all'Antitrust Ue: "no a spacchettamento Ast"

Ast Terni. Il Consiglio provinciale approva un ordine del giorno a sostegno della vertenza

Ast Terni. Anche Orvieto sostiene l'integrità del polo, approvato un ordine del giorno in consiglio

Ast Terni. Presidente Polli: "Il governo ha condiviso le posizioni di istituzioni e sindacati"

Ast Terni. Presidente Marini: "Il Governo ha fatto propria la nostra richiesta di mantenere l'integrità del sito"

Fisar. Non solo a Orvieto per diffondere e promuovere il buon bere e il bere consapevole

Tk-Ast Terni. Decisiva la mobilitazione dei lavoratori, Outokumpu cambia strategia e vende tutto insieme

Ast Terni. Polli: "L'apertura di Outokumpu è importante, ora lavorare uniti"

L'assessore regionale Rometti incontra i pendolari e fa il punto della situazione

Il sindaco di Fabro Maurizio Terzino è stato ricevuto a Roma dall'ambasciatore del Marocco

"... A tutto palco", la nuova stagione del Santa Cristina di Porano

Giubileo Eucaristico 2013/2014. Incontro tra Mons. Tuzia e i comuni di Bolsena, Orvieto e Todi

Screening su prevenzione e salute del cavo orale nei bambini di 6 e 12 anni dell'Orvietano. Buoni i risultati

A Allerona la XXII° Mostra Micologica Interregionale dal 20 al 23 ottobre

Orvieto piacevolmente invasa dalle riprese cinematografiche di "Buongiorno Papà"

Riordino istituzionale dell'Umbria. Consiglio comunale urgente convocato per sabato 20 ottobre

La Compagnia Mastro Titta torna al Mancinelli con Hello Dolly

Meteo

martedì 17 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 19.1ºC 51% buona direzione vento
15:00 23.0ºC 33% buona direzione vento
21:00 11.7ºC 75% buona direzione vento
mercoledì 18 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.4ºC 58% buona direzione vento
15:00 21.7ºC 33% buona direzione vento
21:00 10.8ºC 76% buona direzione vento
giovedì 19 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.3ºC 55% buona direzione vento
15:00 21.1ºC 37% buona direzione vento
21:00 10.9ºC 80% buona direzione vento
venerdì 20 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.7ºC 57% buona direzione vento
15:00 21.0ºC 35% buona direzione vento
21:00 11.5ºC 74% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni