cultura

Cambio di gestione al Museo delle Maioliche di Orvieto. Sabato il taglio del nastro

giovedì 23 maggio 2013
Cambio di gestione al Museo delle Maioliche di Orvieto. Sabato il taglio del nastro

Accomunate dall'origine che le vede sorte nell'antico territorio della Tuscia, Orvieto e Viterbo continuano a mantenere tradizioni comuni come l'amore e la passione per le creazioni ceramiche. Ed è proprio in virtù di tale legame che Archeoares S.n.c., che già gestisce a Viterbo il Museo Colle del Duomo ed il Museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa, si è interessata al Museo delle Maioliche Medievali e Rinascimentali Orvietane iniziando una collaborazione con il proprietario Marco Marino, che ha affidato alla società la gestione del museo, definito il punto di incontro tra archeologia medievale e archeologia industriale.

I locali che ospitano il Museo sono particolarmente suggestivi e di per sé costituiscono un'attrattiva notevole. Quasi interamente scavati nella roccia tufacea, contengono al loro interno strutture archeologiche medioevali e rinascimentali, quali l'unica fornace del Quattrocento per la cottura di maioliche ancora intatta esistente in Italia e, forse, nel mondo. Sono inoltre visibili i pozzi da butto e le strutture di una tipica cantina per la conservazione del vino. Il museo, sito in via della Cava 8, verrà aperto al pubblico a partire da sabato 25 maggio, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 19.

Sicuramente una bella notizia, quella della riapertura di questo bene, che restituisce alla fruizione un ambiente e una collezione di grande suggestione, oltre che una testimonianza importante della storia e della tradizione dell'arte ceramica nella città di Orvieto. Per festeggiare la riapertura del suo museo, Marco Marino offrirà una visita guidata speciale alle ore 17,30 ai visitatori interessati a conoscerne la storia.

Per avere maggiori informazioni, è possibile contattare i responsabili di Archeoares S.n.c. scrivendo all'indirizzo di posta elettronica info@archeoares.it, oppure telefonando ai numeri 338/1336529, 347/7010187 e 320/7911328.

Commenta su Facebook