cultura

Esercizi di stile II puntata. La 2H della Scuola Media "Luca Signorelli" reinventa Queneau

domenica 24 marzo 2013
Esercizi di stile II puntata. La 2H della Scuola Media "Luca Signorelli" reinventa Queneau

 

Raymond Queneau scrisse i suoi "Esercizi di stile" nel 1947, ma in Italia apparvero solo nel 1983 presso Einaudi con la traduzione (ma definirla tale sarebbe riduttivo) di Umberto Eco. E' un libro singolare: c'è un breve testo base (chiamato "Notazioni") in cui si racconta in tono neutro un banale episodio avvenuto su un autobus. Nel resto del libro Queneau racconta la stessa storiella in 99 variazioni stilistiche, ognuna a tema: gerghi, approcci enigmistici, linguaggi settoriali, figure retoriche, varie tipologie testuali... insomma un luna park linguistico che stordisce e incanta.
Oltre a essere un libro gustoso e sorprendente, gli "Esercizi di stile" sono uno straordinario "motore stilistico", un fruttuoso modello di possibilità di scrittura creativa. Come tale lo abbiamo utilizzato in una classe, la 2H, della Scuola Media "Luca Signorelli" di Orvieto Centro. Ho selezionato per i ragazzi 14 degli esercizi di stile di Queneau, li ho distribuiti in fotocopia, poi li abbiamo letti (con grande gusto, bisogna dire) e analizzati. Infine, visto che sapere senza fare poco vale (o, per dirla alla Gaber, un'idea bisogna mangiarla) ecco che ho pensato di fornire ai ragazzi un altro testo base su cui mettere alla prova la propria creatività scegliendo alcuni dei "modi" suggeriti da Queneau. Quello che ne è uscito mi è sembrato così interessante, arguto e divertente, che non me la sono sentita di archiviare il tutto alla voce "compito a casa". 
A OrvietoNews va il mio sentito ringraziamento per aver consentito, con questa pubblicazione a puntate, che alcuni di questi piccoli scritti preziosi non si siano persi in qualche cassetto, e poi in qualche scatola, e poi in qualche macchina trita-carta, e poi in qualche falò. 

prof. Andrea Caponeri

 

Esercizi di stile. I lavori di Stefano Barreto Avila, Giulia Martinez Brenner, Elia Portarena, Costanza Ciolfi

Commenta su Facebook