cultura

Tutto pronto a Montegabbione per il weekend con "Il maiale in carne ed ossa"

giovedì 24 gennaio 2013
Tutto pronto a Montegabbione per il weekend con "Il maiale in carne ed ossa"

Torna a Montegabbione il tradizionale appuntamento con "Il maiale in carne ed ossa", l'evento cultural-gastronomico in programma nella due giorni di sabato 26 e domenica 27 gennaio. Salute, territorio, ma anche cultura ed enogastronomia saranno i protagonisti indiscussi dell'edizione 2013. "Per il nostro Comune e per tutto il territorio dell'Alto Orvietano - dichiara il sindaco di Montegabbione Andrea Ricci - questa manifestazione rappresenta un punto fermo nelle politiche di sviluppo produttivo, improntate alla ricostruzione del distretto alimentare che fa capo all'ex salumificio "Vergari" e ad una strategia di sviluppo turistico basata sull'accoglienza di viaggiatori colti e consapevoli delle bellezze storiche, ambientali e gastronomiche del territorio. Nel corso della manifestazione verrà presentato il progetto per la ricomposizione del paniere alimentare dell'Alto Orvietano, in collaborazione con la facoltà di Agraria dell'Università di Perugia e con il Centro Ricerche Agricoltura di Arezzo".

Anche la manifestazione de "Il maiale in carne ed ossa" si inserisce nel "Progetto100-Centopportunità a Montegabbione" su cui l'amministrazione di Montegabbione sta lavorando alacremente per completare tutti i tasselli che andranno a comporre il mosaico de "L'Ecomuseo - Strumento di valorizzazione del territorio".

"Il tema guida della nostra azione è il recupero per i nostri Territori di una economia resiliente - ha sottolineato Ricci - E' importante andare alla ricerca di tutte le potenzialità inespresse della nostra zona: aprire questo scrigno e farlo conoscere ad un pubblico più amplio possibile, restituendo fiducia agli operatori locali.  Nelle giornate del 24, 25 e 26 gennaio saremo presenti per promuovere i nostri Oli d'Alta Quota, con uno stand del Comune di Montegabbione alla manifestazione "OlioOfficina Food Festival" a Milano, al Palazzo delle Stelline a due passi dal Cenacolo di Leonardo Da Vinci. Ci conforta inoltre il fatto che la legge di stabilità 2013 converga sui temi che noi sosteniamo con il nostro progetto, come la dignità dei territori, la valorizzazione dei comuni montani, dell'agricoltura di montagna e dell'agriturismo. In questo quadro si inserisce anche la creazione dell'istituto professionale per l'agricoltura e l'ambiente dei 5 Comuni dell'Alto-Orvietano, le cui iscrizioni sono aperte fino al 28 febbraio".

 

Commenta su Facebook