cultura

Convivenza difficile al Mancinelli. In prima nazionale arriva la commedia "E fuori nevica" di Vincenzo Salemme

giovedì 15 novembre 2012
Convivenza difficile al Mancinelli. In prima nazionale arriva la commedia "E fuori nevica" di Vincenzo Salemme

Un imperdibile appuntamento nel calendario della Stagione Teatrale del Mancinelli di Orvieto è atteso per sabato 17 novembre alle ore 21 e replicherà, con una recita straordinaria, domenica 18 novembre alle ore 17.

In scena l'esilarante E FUORI NEVICA, commedia divenuta un cult del teatro comico partenopeo Vincenzo Salemme.

Scritto nel 1995 da Vincenzo Salemme che ne firma anche la regia, il nuovo allestimento approda al Mancinelli in PRIMA NAZIONALE (come tutte le commedie di Salemme, che da sempre sceglie il teatro orvietano per i suoi debutti) con tutta la grande verve dell'attore, regista e commediografo napoletano - uno degli attori comici più amati dal pubblico italiano - che proprio con E fuori nevica ebbe il primo successo nazionale della sua carriera artistica.

A distanza di anni, Salemme affida quello che fu il suo ruolo e quello degli altri tre interpreti ad un nuovo cast degno di tale eredità. Con in scena i bravissimi Giovanni Esposito, Mario Porfito, Francesco Procopio, Andrea Di Maria, lo spettacolo torna a raccontare la storia divertente e tenera di tre fratelli: Enzo, Cico, Stefano. Enzo, musicista di scarso livello. Cico, affetto da una strana forma di autismo. Stefano, "il normale", ossessionato da un eccessivo senso di responsabilità. Costretti a coabitare per decisione testamentaria della madre morta da poco, pena la perdita dell'eredità, due fratelli fanno buon viso a cattiva sorte accettando la convivenza forzata in una sorta di casa-gabbia con il terzo fratello, affetto da autismo. Questo l'incipit della commedia, tutta giocata sulle difficoltà di una convivenza coatta e sull' incompatibilità di tre caratteri così diversi tra loro. Riuscirà l'innato legame fraterno a tenere uniti i tre personaggi contrastanti? Enzo e Stefano, si liberanno di Cico o vincerà l'affetto che li lega a lui ?

Lo spettacolo, sotto la direzione di Vincenzo Salemme, è già in allestimento al Mancinelli, dove tecnici ed attori sono già al lavoro da lunedì. La pièce, moderna e divertentissima, ma velata da un amaro pessimismo sulla condizione della famiglia nella società attuale, dà la misura esatta di un autore formatosi come attore nella compagnia del grande Eduardo De Filippo. Le scene sono di Alessandro Chiti, i costumi di Mariano Tufano, le musiche di Antonio Boccia.

La recita di sabato 17 novembre sarà anticipata, alle ore 20, dal BUFFET AL FOYER a cura di Borgo San Faustino e Cantina Bigi. Prenotazione obbligatoria al n. 0763.340493. Per informazioni www.teatromancinelli.it  0763.340493.

"La sinossi della commedia l'ho scritta quasi vent'anni fa, quando debuttai al Teatro Piccolo Eliseo di Roma. E non è cambiata la trama. Non ho sentito il bisogno di rinfrescare la storia perché è una storia senza tempo. Una storia che parla di famiglia, affetto, tolleranza. Si parla della diversità senza prendersene gioco anzi ridicolizzando piuttosto gli aspetti più buffi della cosiddetta normalità. Sono più di 10 anni che non tocco "E fuori nevica". Mi ha sempre frenato l'idea di affrontare questa commedia che mi ha dato il primo successo "nazionale". Una commedia che a Napoli è un vero e proprio "cult", che conoscono e amano soprattutto i bambini, e quelli che bambini erano quando l'ho scritta e rappresentata per la prima volta. E sono quelli che hanno un legame quasi familiare con i personaggi di questa storia e con gli attori che li interpretavano allora. Ma io credo fermamente che "E fuori nevica" abbia un valore che va al di là degli artisti che l'hanno resa famosa. Credo che il buon successo di una commedia dipenda da un insieme di cose. E il nuovo cast che ho scelto per questa avventura ha tutte le carte in regola per proseguire il cammino felice di questi tre fratelli in cerca d'amore". Vincenzo Salemme

 

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità