cultura

Al Mancinelli Medea divisa tra amore e vendetta. In scena la tragedia senza tempo di Euripide

martedì 24 gennaio 2012
Al Mancinelli Medea divisa tra amore e vendetta. In scena la tragedia senza tempo di Euripide

Dopo il balletto "Il lago dei cigni" nell'interpretazione del Rostov State Opera Ballet che venerdì scorso ha registrato i tutto esaurito e riscosso un grandissimo successo, la programmazione del Teatro Mancinelli di Orvieto prosegue sabato 28 gennaio alle ore 21 con MEDEA di Euripide, per la regia di MAURIZIO PANICI.
Lo spettacolo è coprodotto da ArTè/Associazione Teatrale Pistoiese in collaborazione con Teatro dei Due Mari.

A dare voce e corpo a Medea, uno dei personaggi più affascinanti ed estremi della tragedia classica e moderna, un'attrice intensa e carismatica come PAMELA VILLORESI; al suo fianco, nel ruolo di Giasone, DAVID SEBASTI, già in coppia con la Villoresi nelle due precedenti produzioni Marlene e Appuntamento a Londra del Premio Nobel Vargas Llosa, entrambi applauditi al Mancinelli rispettivamente nel 2009 e nel 2010.
Nel cast, oltre allo stesso Panici, anche Renato Campese, Silvia Budri Da Maren, Andrea Bacci e Evelina Meghnagi.

Medea è una delle tragedie greche più amate e più frequentemente rappresentate, più attuali ed inquietanti della letteratura universale, che non smette di commuovere e alimentare riflessioni di fronte al perché di un gesto fatale come l'uccisione dei propri figli, che è anche cronaca dei nostri giorni. Un'opera ricchissima di problematiche sociali, etiche e psicologiche, dove gli scontri frontali fra la donna e il suo sposo, ovvero fra la maga della Colchide e il capo degli Argonauti Giasone, hanno una inimmaginabile ambivalenza, dal momento che le ragioni dell'una e quelle dell'altro fanno pendere la bilancia della giustizia ora da una parte ora dall'altra.

I due erano giunti a Corinto profughi dalla Tessaglia, coi loro due bambini. Ma qui Giasone, dimenticando i doveri di marito e di padre, in nome di potere, agiatezza e fama, aveva deciso di convolare a nuove nozze con Glauce, figlia di Creonte, re della città greca. È questa la scintilla che scatena prima gli sfoghi, poi le ire, poi la rabbia violenta e vendicatrice di Medea, che accusa, inveisce, minaccia e maledice, aprendo l'animo ad una puntuale analisi della condizione della donna nella molteplicità dei suoi ruoli: essere umano soggetto ai pregiudizi, moglie subordinata al marito, ospite rifiutata di una terra straniera che le è ostile, compagna tradita e offesa da chi avrebbe dovuto amarla e proteggerla.

Medea irrompe nel teatro antico come elemento di assoluta modernità. Euripide evidenzia il ruolo della figura femminile quale portatrice di nuovo pensiero, capace di mettere in discussione i rapporti tra uomo e donna lasciando intravedere nuove possibilità. La Medea messa in scena da Maurizio Panici è una tragedia capace di far emozionare di fronte al dolore di una donna e rabbrividire davanti alla forza devastante delle passioni.
Il testo di Euripide è presentato nella nuova traduzione e adattamento teatrale firmati da Michele Di Martino e Maurizio Panici, che evidenziano la potente attualità e ‘universalità' del testo.
I costumi ed il progetto scenico (elaborato da Giorgio Gori) sono di Michele Ciacciofera. La colonna sonora è di Luciano Vavolo, arricchita dai canti di Evelina Meghnagi, le luci sono di Emiliano Pona.

Dello spettacolo è in programma anche una matinée (sold out) riservata alle scuole secondarie di II grado di Orvieto e del comprensorio, che ancora una volta, come per gli altri spettacoli proposti nell'ambito del progetto "Scuole a Teatro", hanno particolarmente apprezzato l'iniziativa proposta da ArTè. Medea ha debuttato nel maggio 2010 al Festival dei Due mari di Tindari ed è attualmente in tournée in numerosi teatri italiani.

Per ulteriori informazioni sullo spettacolo www.teatromancinelli.it.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 febbraio

Le Velette e Il Botto, nuova escursione ed assemblea dei soci per il CAI di Orvieto

Italia Nostra solleva il caso sul rifacimento delle facciate in piazza Duomo

Nella Cripta del Santo Sepolcro. Dall'articolo su "MedioEvo" alle riflessioni in biblioteca

"Scoperte di Gusto", il calendario della seconda edizione

"Incredibili Ars e Arpat, sulla geotermia tirano dritti come nulla fosse"

Rubinetti a secco a Ciconia, sospensione dell'erogazione idrica dalle 22 alle 7

Corso di distillazione delle piante aromatiche ed officinali. Teoria e pratica a Villa Paolina

Collina e sole

L'opposta Elisa Mezzasoma felice per il primo posto della Zambelli Orvieto

Al Teatro Boni Seven Cults porta in scena "Maria Stuarda. Le donne e il potere"

"La Gazza Ladra" di Rossini apre il ciclo di ascolti "Nonsololirica in Sala Eufonica"

Il reparto manutenzioni del Comune si rafforza, in arrivo più mezzi e personale

Karate, 576 atleti in gara a Orvieto. Qualificazioni provinciali del Comitato FIK Viterbo

Nasce il "Circolo Arci Bene Comune Porano". Festa del tesseramento in Via Petrarca

Presentazione bandi regionali per le aziende. Incontro pubblico per micro, piccole e medie imprese

Il Cannara alza la voce, l'Orvietana fuori dalla Coppa

58° Charter Night del Lions Club di Orvieto, nuovi soci e rinnovati impegni

Corteo, la proposta di Ettore della Casa: "Rifare lo Statuto e abolire il collegio dei Decani"

Doppio gioco

A scuola con il tablet. Beneficiano dei vantaggi gli alunni della Primaria e Secondaria di primo grado

Giallo di San Valentino. Indagini non escludono nessuna pista: disposta autopsia sulla 17enne

Sull'Alfina ritorna il sorriso per il Castel Giorgio Volley

Presente e futuro dell'ospedale di Acquapendente a 15 mesi dalla riapertura