cultura

Sincera commozione a Monterubiaglio per il pomeriggio dedicato a Giovanni Paolo II

venerdì 13 gennaio 2012
Sincera commozione a Monterubiaglio per il pomeriggio dedicato a Giovanni Paolo II

"Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! Alla sua salvatrice potestà aprite i confini degli Stati, i sistemi economici come quelli politici, i vasti campi di cultura, di civiltà, di sviluppo. Non abbiate paura! Cristo sa cosa è dentro l'uomo. Solo lui lo sa!"

Così, nell'omelia romana del 22 ottobre 1978, per l'inizio del suo pontificato, Giovanni Paolo II alla folla accorsa di fronte al Papa "venuto da lontano". E' stato uno dei tanti, sensibili pensieri dell'amatissimo Santo Padre polacco recitato nella Chiesa Sant'Antonio Abate di Monterubiaglio dalla voce, emozionante, di Pino Strabioli, che ha saputo far rivivere, nella mente di ciascuno, il ricordo caro di un autentico Sant'uomo. Il M° Riccardo Cambri, al pianoforte, ha eseguito mirabilmente musiche di Mozart, Chopin, Liszt e Debussy, contribuendo alla realizzazione di un momento artistico elevatissimo.

Di qualità la partecipazione di alcuni giovani pianisti: Francesco Bergami, Stefano Greco e Sofia Fumi. Settanta minuti di intense vibrazioni, suscitate dalla potente forza evocativa della parola e della musica, e dall'universale sentimento d'amore verso Giovanni Paolo II.

"Siate fiaccole che ardono in mezzo al mondo: dov'è la notte dell'incredulità brilli la luce della vostra fede; dov'è la caligine dell'odio e della disperazione s'irraggi il fulgore del vostro ottimismo e della vostra speranza; dov'è la tenebra dell'egoismo e della violenza bruci il fuoco del vostro amore."

Ai tanti giovani accorsi ad Imola, il 9 maggio 1986, il Papa polacco instillava coraggio e senso di appartenenza alla famiglia del Cristo, con una frase, semplice e lapidaria, rimasta nella storia. L'amministratore apostolico della diocesi di Orvieto-Todi, Padre Giovanni Marra, ha speso parole di particolare elogio per il Maestro Cambri, ideatore di un evento che ha saputo coinvolgere una marea di fedeli accorsi a Monterubiaglio; per Pino Strabioli, che ha interpretato mirabilmente gli accenti del Santo Padre; per i giovani musicisti che hanno ulteriormente arricchito il cuore.

E poi, le riflessioni spirituali di Mons. Marra, che si sono intrecciate con vari e preziosi ricordi personali, catturando l'attenzione di tutti. Al termine di un pomeriggio entusiasmante, il sindaco di Castel Viscardo, Massimo Tiracorrendo, ha consegnato al M° Cambri una targa, a nome dell'amministrazione comunale e dell'intera cittadina, per la celebrazione del decennale dei "Corsi Estivi di Perfezionamento e di Interpretazione Musicale" di cui il pianista è direttore artistico, unitamente alla gratitudine della comunità castellese per il grande contributo alla causa culturale locale in tanti anni di attività artistica.

(foto per gentile concessione di Raul Lede)

Commenta su Facebook