cultura

È in libreria l'ultimo lavoro di Nello Riscaldati: "Assalto all'avvenire (La casa di via Francalancia) "

sabato 10 dicembre 2011
È in libreria l'ultimo lavoro di Nello Riscaldati: "Assalto all'avvenire (La casa di via Francalancia) "

Il titolo, senza dubbio accattivante, non deve trarre in inganno. L'opera non racconta storie di guerra popolate da eroi che, baionetta in canna o bomba a mano tra i denti, si guadagnano la gloria sul ciglio di una trincea muovendo all'attacco di un nemico.

L'assalto all'avvenire che Nello Riscaldati ci propone è più semplicemente il nostro quotidiano esame di maturità, esame difficile ma obbligatorio per tutti, talora facile da superare talvolta difficilissimo.

L'assalto all'avvenire è l'assalto al giorno dopo, l'assalto alla fine del mese, l'assalto alla vastità di una notte insonne, al pensiero per chi se ne è andato o per chi non arriva, è l'assalto alla solitudine, alla crisi depressiva, al dolore, all'immensità delle paure notturne, all'attesa dello squillo di un telefono, ai segreti del passato, ai misteri del sottosuolo, ai rumori lontani, ai progetti rimandati, ai perché, ai sogni e via dicendo. Ma certamente è anche quello che si combatte quando si va alla ricerca di un lavoro o si è in attesa di una diagnosi, di una lettera o del risultato di un esame.

E in queste occasioni siamo tutti eroi perché il vivere stesso è già di per sé un atto di eroismo.
Per nostra fortuna durante queste battaglie siamo, o ci sentiamo, tutti giovani perché sappiamo che solo alla giovinezza si addice l'audacia di combattere le guerre infinite.

Questo libro, intorno a un intreccio, racconta di vicende quotidiane, di storie che volano basso perché sono storie comuni, presenti in ogni casa in qualsiasi ora del giorno o della notte e l'importanza delle quali spesso ci sfugge e forse di sfugge proprio perché, vivendole, ne siamo al tempo stesso vissuti. Sono momenti qualunque della vita di chiunque.

"Una città antica, solenne, sonnolenta, semiabitata, stracarica di storia, ma soprattutto bisognosa di affetto e di cure, rivela un segreto,..."

Quasi un romanzo dunque, reso vivo qua e là dai colori del nostro dialetto, un romanzo buono dove i drammi sono tanti ma piccolissimi, però verosimili, dove non si ammala e non muore nessuno. O meglio qualcuno è morto, ma molto tempo fa. Quasi trecento pagine d'intreccio, di cronaca, di storia.

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 marzo

Semaforo mobile blocca il traffico sul Ponte dell'adunata

Comprensorio e Intercomunale del Pd pronti per le Regionali, ampio consenso su Galanello

Coppia di Ficulle vittima della truffa della casa di legno, i carabinieri denunciano due messinesi

La Conferenza permanente delle Donne Democratiche di Orvieto elegge portavoce Alice Leonardi

Il clero della diocesi di Orvieto-Todi in ritiro spirituale a Spagliagrano

Zambelli Orvieto: sarà una Coppa Italia di grande attrattiva

Un logo per Civita di Bagnoregio. Via al concorso di idee per realizzarlo

Polemica rientrata, la sala piccoli interventi dell'ospedale è operativa

Le iniziative a cura del Centro di Documentazione Popolare di Orvieto

Il Lions Club vicino al Gruppo Fai di Orvieto per le Giornate di Primavera

Rupe di Sugano. Entro fine estate, via agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico

Nuova data per la tappa di Orvieto del tour "In strada con sicurezza"

Sacripanti (FdI-An): "Affidare quanto prima il Centro Congressi a soggetti esterni competenti"

Royale Confrerie Prestige des Sacres. Serata di beneficenza per sostenere la lotta contro il cancro

Sul palco di "Amateatro" è la volta di "Come d'Autunno"

La Farsiccia di Archeofood pronta a conquistare il San Giovanni di Orvieto

A Camorena le celebrazioni in ricordo del sacrificio dei Sette Martiri orvietani

"SNS Meeting" al Palazzo dei Congressi. Attività svolta e programmi di gestione e di sviluppo

Verso la candidatura del merletto italiano come patrimonio immateriale dell'Unesco

Cerimonia delle Candele e due nuovi ingressi per la Fidapa di Orvieto

Centrale a biomasse. Ancora un contributo per capire meglio

Perché aderire all’associazione Libera. Anche in Umbria occorre impegnarsi contro le mafie

Buoni frutti dall'impegno politico di Emily Umbria: molte le socie elette. Nell'immediato un'iniziativa politica il 7 aprile e la piena attuazione sul lavoro dei diritti per le pari opportunità

Settimana della Cultura: '...che il buon Dio ci faccia ritornare a casa sani e salvi e vincitori'. Lettere e cartoline di soldati della I guerra mondiale. All'Archivio di stato di Orvieto fino al 30 aprile

Settimana della Cultura: 25-31 marzo 2008. Domenica 30 Marzo visite guidate presso i tre Antiquarium Comunali di Baschi, Lugnano in Teverina e Tenaglie

Un voto a sinistra per una scelta di parte. Mercoledì 26 marzo incontro-dibattito con il candidato al Senato Giuseppe Ricci: ore 21 a Palazzo dei Sette

La valorizzazione della Tuscia passa per il Casello autostradale Nord. Soddisfazione di Assocommercio per il comune impegno dei Comitati dell'aeroporto di Viterbo e del Casello Nord

La Nuova Biblioteca Luigi Fumi si arricchisce della donazione Giuseppe Gadda Conti

Il Dottor Terrezza confermato direttore sanitario alla Divina Provvidenza di Ficulle. 600 firme a suo sostegno

Protestano i lavoratori dell'autogrill di Fabro chiuso per inagibilità. Summit in Prefettura per trovare una celere soluzione

Confagricoltura Orvieto chiede coinvolgimento e trasparenza sulla centrale a biomassa

Giovedì 27 marzo a Orvieto incontro alle 21 con Giampiero Bocci e Carlo Emanuele Trappolino. Altri incontri a Viceno, Castelgiorgio, Porano