cultura

La Mostra del Tartufo a Fabro scommette e vince. Oltre 18.000 presenze in tre giorni

lunedì 14 novembre 2011
La Mostra del Tartufo a Fabro scommette e vince. Oltre 18.000 presenze in tre giorni

Si è conclusa ieri, domenica 13 novembre, con una straordinaria risposta del pubblico la kermesse dedicata al pregiato tubero Fabrese organizzata dal Comune di Fabro e realizzata dalla Cooperativa Terra. Le oltre 18.000 presenze nei tre giorni di manifestazione hanno visto le produzioni di eccellenza dell'agroalimentare avere il loro teatro nella magnifica location del borgo medievale.

Il pomeriggio di domenica l'offerta dell'intrattenimento è stata assai varia, dal concerto de I Solisti di Perugia, a fachiri e giocolieri del gruppo MateriaViva di Roma. La serata si è conclusa con la consegna del premio giornalistico Vanghetto d'Oro, consegnato all'Arch. Scoppola, Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Umbria ed il lancio di lanterne volanti, come buon auspicio e un arrivederci al prossimo anno.

Fabro quest'anno ha proposto una formula allargata con una caratteristica più commerciale, aprendo al pubblico il Parco Commerciale Naturale di Fabro Scalo. Questa nuova area espositiva vedeva l'apertura continuata di tutti i negozi dello Scalo, del nuovissimo Padiglione-Ristorante delle Degustazioni, con gli Chef di Mario e Lestini, in cui assaporare le produzioni tipiche del territorio orvietano e la fiera domenicale.

"L'importanza di questa manifestazione - spiega il sindaco Maurizio Terzino - è stato quello di aver rimesso l'intero territorio comunale al centro degli interessi turistici e commerciali del grande pubblico. Abbiamo puntato fortemente sulla ripresa di questa mostra come stimolo a tutta l'area dell'Orvietano. La 24° edizione della Mostra è il risultato evidente ed estremamente positivo della collaborazione di tutti gli Enti pubblici, i privati, le associazioni ed i cittadini".

"La risposta positiva del grande pubblico è il risultato più rilevante di un anno di progettazione di questa mostra - spiega il Presidente del Consorzio ITACA Matteo Ragnacci, organizzatore dell'evento - Un anno nel quale abbiamo messo a punto una macchina organizzativa in grado di richiamare oltre 18.000 persone che hanno visto nel territorio una risorsa ancora inesplorata ma in grado di esprimere un forte interesse commerciale, enogastronomico e culturale. L'Orvietano dimostra sempre di più che mettendo al centro dello sviluppo la filiera Turismo Ambiente Cultura e stimolando la rete delle aziende, si permette a quest'Umbria "minore" di essere al pari con le altre manifestazioni regionali e nazionali". La manifestazione, infine, è stata realizzata con i fondi del PSR 2007-2013.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità