cultura

Un ponte tra La Scala e il Teatro dell'Unione. Il Corriere di Viterbo dedica un bell'articolo a "Dodecapoli" di Laura Ricci

martedì 23 agosto 2011
Un ponte tra La Scala e il Teatro dell'Unione. Il Corriere di Viterbo dedica un bell'articolo a "Dodecapoli" di Laura Ricci

Mentre nella Città dei Papi fervono i preparativi per le prossime feste di Santa Rosa e si è appena concluso in Piazza San Sisto l'assemblaggio di "Fiore del cielo", la macchina che verrà trasportata la sera del 3 settembre, il Corriere di Viterbo dedica oggi (23/08/2011) un bell'articolo, nella pagina "Cultura e Spettacoli", alla nostra Direttora Laura Ricci e al racconto "Melodramma familiare", uno dei dodici del suo ultimo libro "Dodecapoli".
Riportiamo di seguito il testo dell'articolo.

dal Corriere di Viterbo del 23/08/2011:

È ambientato tra il mitico Teatro della Scala e il Teatro dell'Unione di Viterbo "Melodramma familiare", uno dei racconti dell'ultimo libro di Laura Ricci, "Dodecapoli" (ed. LietoColle). Giornalista e scrittrice, autrice di raccolte poetiche, di saggi letterari e del singolare romanzo breve "Insopprimibili vizi", Laura è pronipote del celebre baritono viterbese Fausto Ricci, e a Viterbo, dove vive la sua vasta famiglia d'origine, è nata, ha studiato e ha trascorso gli anni della giovinezza. Questo suo ultimo lavoro, costruito con grande originalità tra storia recente, celebri architetture nazionali e racconto intimo, sta riscuotendo da alcuni mesi gli apprezzamenti dei lettori e di riviste letterarie dedicate. In 150 pagine, avvincenti e scorrevoli per la ricchezza e al tempo stesso la leggerezza della scrittura, Laura Ricci ci consegna dodici indimenticabili storie di donne in dodici città; il tutto condito, in un'accurata veste grafica, con ventisei tavole illustrative della fotografa Ambra Laurenzi che, costruite a partire dalle sensazioni delle dodici protagoniste dei racconti, aiutano a comprendere la forza della loro tensione di vita e del genius loci che le anima.

Le storie che compongono il vasto affresco di "Dodecapoli" sono strettamente coniugate, infatti, a spazi architettonici che, delle riflessioni dei personaggi femminili narrati, costituiscono non un semplice sfondo, ma uno speculare luogo dell'anima: Verona, Roma, Torino, Trani, Brescia, Pisa, Malta, Siena, Mentone, Vigevano, Orvieto - la città in cui l'autrice attualmente vive – e Milano, in cui tra ricordo, passione e poetica ironia, declinata tra La Scala e l'Unione, tra intimità e ricostruzione storica, l'Opera lirica diventa specchio di una cultura delle tradizioni e di un'entusiasmante, perduta epoca. Quando a Milano e più in generale in Italia – al caffè Schenardi per quanto riguarda Viterbo - si incrociavano i capannelli dei tifosi di Di Stefano, Del Monaco, Corelli, Bechi, della Tebaldi e della Callas, e al Teatro dell'Unione "ogni anno, solo ogni anno per le feste di Santa Rosa era possibile ascoltare tre o quattro opere liriche. Generalmente sempre le solite, ad anni alterni con qualche piccola varietà". Con piccoli, azzeccati inserti di scrittura mutuati da celebri arie del melodramma, attraverso il continuo contrappunto tra le riflessioni di una ormai adulta Lucia – nome ovviamente non scelto a caso - e della precoce Lucia bambina che a sei anni leggeva i libretti d'Opera e si beava del bel canto all'Unione in compagnia del babbo tenore, "Melodramma familiare" restituisce, insieme a una vera e propria religione per una Scala lontano oggetto dei desideri, il quadro ironico e commosso di una Viterbo che non c'è più, ma che fa parte di una storia quotidiana da non dimenticare.

"Tessiture di piccola minuta bellezza che sono una diagnosi poetica del mondo grande": così Anna Maria Crispino definisce i racconti di Laura Ricci nella sua prefazione a questo libro che, impostato sulla ricerca di senso e di autenticità, sugli spazi di libertà e di realizzazione dei desideri che le donne hanno saputo conquistare nel secondo Novecento restituisce, della bellezza, anche il valore etico. Coniugato a cinquantasei vibranti fotografie di grande formato – tante sono diventate in una mostra correlata le illustrazioni del libro - e a dodici dense tavole di scrittura, il volume si è ampliato in un progetto con tanto di sito internet (www.dodecapoli.it) che, con le sue autrici, sta compiendo un interessante percorso con l'installazione "Dodecapoli – Multiscritture del femminile per un Grand Tour contemporaneo". La mostra, inaugurata a Orvieto nella splendida cornice del Museo Emilio Greco, è stata successivamente installata a Pisa e a Roma. Prossime tappe Vigevano, Verona e Torino. "Mi piacerebbe che Viterbo chiudesse il cerchio in modo perfetto e fortunato – afferma Laura Ricci – quello da cui, con la nascita, l'educazione e le radici, nella fertile e austera bellezza della mia città tutto è cominciato. Potrebbe essere la tredicesima e ultima tappa, quella non esplicitamente nominata, ma altrettanto viva, della magia di Santa Rosa e del Teatro dell'Unione".

Pubblicato da Silvio Manglaviti il 24 agosto 2011 alle ore 17:43
Cara Laura, come Orvietano (di natali e tana) operante in Viterbo (e razzolante in Tuscia) mi sono sentito orgoglioso e fiero di far notare ai miei collaboratori e colleghi la notizia. Non per piaggeria, ma Dodecapoli è un bel Viaggio di cui puoi farTi vanto e sul quale - noi Tuoi ammiratori e conterranei - possiamo spandere senza tema di esagerare. Auspichiamo che sia anche stimolo e foriero per e di futuri riequilibri territoriali, non fosse altro che per i meriti dell'Autrice. Complimenti ancora. Ad Majora!
Pubblicato da Laura Ricci il 24 agosto 2011 alle ore 21:27
Caro Silvio, grazie di cuore! Come "Etrusca", o quale razzolante da una Tuscia all'altra (calcola, poi, che la mia mamma e la mia nonna erano originarie di Tuscania), penso che, al di là dei riequilibri territoriali, almeno a fini culturali e turistici maggiori legami fra questi territori si debbano proprio creare. Ad Majora anche per questo scopo!
Pubblicato da mara il 25 agosto 2011 alle ore 08:00

Brava "Direttora"!Si merita senz'altro ogni attenta parola dell'articolo perchè il suo modo di trascrivere i sentimenti dell'anima nei suoi scritti è veramente ammirevole. Tra l'altro ieri ho ritirato i libri di mia figlia che va in terza media e sfogliando l'antologia di italiano ho letto la sua poesia "Il ciliegio" pubblicata appunto su Leggere Nuvole.Poesia dolcissima e forte,bella.Sarebbe bello se lei potesse avere un incontro con i ragazzi a scuola per parlare del valore della poesia come educazione ai sentimenti e a leggere "Il ciliegio",così che possano ascoltarla dalla viva voce dell'autrice.Un saluto.

Pubblicato da Laura Ricci il 25 agosto 2011 alle ore 12:41
Grazie di cuore anche a lei, Mara. Naturalmente, se a scuola volessero invitarmi, sarò ultrafelice di incontrarmi con ragazzi e ragazze sul valore della poesia. Grazie ancora delle sue parole e della sua gentile attenzione.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 settembre

Frate Alessandro Brustenghi, la voce di Assisi dona voce all'organo del Duomo

Le Giornate Europee del Patrimonio 2016 portano "Sotto e Sopra la Città"

Con "ChocoMoments Orvieto", scatta l'ora dei golosi. Tre giorni da leccarsi i baffi

L'Unitre inaugura il 26esino anno accademico. Recital al Palazzo Comunale

Michele Fattorini in Sicilia: "L'errore ci può stare, proveremo a rifarci"

Istruzioni per l'uso del compleanno

La Zambelli Orvieto torna in campo a Firenze

Poggio Gramignano, Chiesa della Collegiata e musei aperti per le Giornate Europee Patrimonio

"Orvieto sempre più distante da Roma". Sacripanti chiede conto della soppressione dei treni

Come un tremore

Province, entro fine mese tutto il personale avrà la sua destinazione

"AMAtriciana della solidarietà" in Piazza Roma

Memorial Alessio Corradini, il programma della giornata

"Architettura e Natura", chiusa la quarta edizione. Positivo, il bilancio [Video]

Seconda edizione per la Giornata della promozione dello sport e delle attività ricreative

Corso sulla cura dell'ictus e integrazione interna all'Usl 2

Ricordando Margherita

"Orvieto diVino". I vini della Rupe al simposio internazionale in Ambasciata d'Italia presso la S.Sede

Ultimo saluto all'uomo schiacciato dal crollo del solaio della propria abitazione

Promozione e marketing turistico, incontro in Comune per gli operatori del settore

Ventennale di OCC. Nel fine settimana, stand Fisar e incontro "Oltre il cancro...10 anni dopo”

Festa della Madonna della Mercede. Il programma completo, l'ordinanza della viabilità

Meteo

mercoledì 20 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 14.5ºC 56% buona direzione vento
15:00 18.1ºC 38% buona direzione vento
21:00 10.6ºC 72% buona direzione vento
giovedì 21 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.9ºC 51% buona direzione vento
15:00 20.4ºC 35% buona direzione vento
21:00 12.5ºC 76% buona direzione vento
venerdì 22 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.8ºC 58% buona direzione vento
15:00 21.3ºC 45% buona direzione vento
21:00 15.3ºC 86% buona direzione vento
sabato 23 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 19.0ºC 67% buona direzione vento
15:00 21.8ºC 47% buona direzione vento
21:00 16.1ºC 75% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni