cultura

Successo per il convegno di Assoenologi, successo per l'Orvieto

martedì 12 luglio 2011
Successo per il convegno di Assoenologi, successo per l'Orvieto

Si è concluso, con grande successo, il 66° congresso nazionale di Assoenologi che ha visto la partecipazione a Orvieto, dal 9 al 12 luglio, dei migliori esperti del settore.

Grande soddisfazione per il Consorzio Vini di Orvieto, che, in qualità di ente patrocinatore,  ha visto svolgersi sulla Rupe il congresso dal tema "1891/2011: centoventi anni di Assoenologi al servizio della categoria, del settore vitivinicolo e della loro evoluzione", il primo appuntamento che la storica organizzazione di categoria del settore celebra in Umbria nella sua lunga storia.

Per tre giorni, dal 9 al 12 luglio 2011, oltre 600 persone, tra congressisti e accompagnatori, hanno potuto conoscere ed apprezzare le eccellenze enogastronomiche, artistiche e culturali di una terra da sempre vocata all'accoglienza e alla produzione di vini di alta qualità.

All'evento hanno partecipato molti tecnici e imprenditori della zona che hanno avuto l'opportunità di ampliare le proprie conoscenze professionali ed aggiornarsi sui temi più attuali della vitivinicoltura italiana. Il tutto in tre sessioni di lavori caratterizzate dagli interventi di autorevoli relatori, esperti del settore nazionali e internazionali su argomenti di tecnologia e di mercato che hanno occupato oltre dieci ore di relazioni, confronti e dibattiti.

I vini di Orvieto, inoltre, sono stati protagonisti di primo piano, sia nei momenti conviviali lungo tutto il corso dell'evento, che negli appuntamenti più tecnici. In particolare, nell'ambito della degustazione che ha caratterizzato la seconda sessione dei lavori congressuali sul tema "L'Umbria e le sue eccellenze enologiche a confronto", tra i nove vini presentati, gli "Orvieto Classico Superiore" e la nuova Denominazione "Muffa Nobile" hanno riscontrato grande interesse di fronte ad un pubblico così altamente qualificato.

Il convegno è stato anche utile a tracciare un identikit del vino che più incontra le tendenze dei mercati, ora che il settore sembra finalmente avviarsi ad uscire dal tunnel della crisi. La scelta della qualità e dei vitigni autoctoni tradizionali sono le indicazioni che arrivano in maniera pressoché unanime da imprenditori ed esperti intervenuti al convegno: dal professor Fabio Mencarelli dell'Università della Tuscia al potente importatore nonché fondatore della Winebow Inc. Leonardo LoCascio, passando per l'enologo Gianni Zonin, cavaliere del lavoro e presidente dell'omonima casa vincola a cui Assoenologi ha assegnato quest'anno il Grappolo D'Oro 2011. Si tratta di indicazioni da cui il Consorzio Vini di Orvieto trae ottimi auspici per il rilancio della storica Denominazione locale, anche alla luce delle recenti misure adottate per la vendemmia 2011.

"Desideriamo ringraziare, - dice Luigi Barberani presidente del Consorzio, - il presidente e il direttore di Assoenologi, rispettivamente Giancarlo Prevarin e Giuseppe Martelli, nonché il presidente della sezione Assoenologi Lazio/Umbria, Riccardo Cotarella che ha profuso grande impegno perché l'evento celebrativo dei 120 anni di vita della più antica associazione del settore si celebrasse proprio ad Orvieto"

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità