cultura

"Il futuro del nostro Territorio è quello della qualità integrale". Intervista a Andrea Ricci, sindaco di Montegabbione

martedì 11 gennaio 2011
"Il futuro del nostro Territorio è quello della qualità integrale". Intervista a Andrea Ricci, sindaco di Montegabbione

Torna "Il Maiale in carne ed Ossa"; a ridosso dell'iniziativa che si svolgerà a Montegabbione dal 14 al 16 gennaio, parla in sindaco sugli sviluppi culturali ed economici legati all'evento.

Il maiale rappresentava un tempo la soglia di sopravvivenza e di ricchezza di una famiglia contadina. Oggi, al di là della festa paesana che culmina con il "braciere umbro", l'incontro di Montegabbione, Il maiale in carne ed ossa 14-15-16 gennaio, può contribuire allo sviluppo economico del territorio comunale e provinciale?

Lo sviluppo in senso culturale ed economico è l'obiettivo prioritario della nostra Amministrazione, promosso attraverso il Progetto 100 mestieri in cui si individuano alcuni temi: "L'economia del Bosco", "Il Paesaggio della Pietra" e appunto "Ager-Cultura" che prevede la ricostruzione di un distretto per le carni di qualità.

Nel comune di Montegabbione il rapporto tra residenti e alberi è di un abitante a diecimila piante. Siete, quindi, innanzitutto dei produttori di aria e di spazio. Quali potrebbero essere le attività legate al bosco capaci di salvaguardare sia l'una che l'altro?

È stato il professore Luciano Giacché della facoltà di Agraria dell'Università di Perugia, nel corso della precedente rassegna, a suggerire l'approccio più interessante, individuando nell'allevamento semibrado di suini di razza cinturello umbro una possibilità concreta ed immediata a tutto vantaggio del prodotto finale, cresciuto a ghiande, tuberi e prodotti del nostro sottobosco.
L'idea, che ha radici nel nostro passato, si è fatta strada e insieme al professore Francesco Panella, sempre della facoltà di Agraria di Perugia, stiamo studiando l'impatto ecologico sul territorio.

A che punto sono le ricerche sul cinturello umbro?

In Valnerina, l'Università di Perugia è già riuscita ad isolare la razza cinturello umbro, mentre ad Orvieto l'azienda agricola Urbevetus alleva il "cinturello orvietano".

A Montegabbione esiste una importante tradizione norcina che fino a qualche tempo fa aveva come punto di riferimento e di formazione professionale il salumificio Vergari.
È qui, tra l'altro, che è nata la corallina. Ci sono stati contatti per la sua riapertura?

Il rilancio di un distretto delle carni di qualità passa necessariamente dalla valorizzazione delle imponenti strutture, lasciate in eredità dal salumificio Vergari. Una realtà, impostata con criteri tuttora validi, direi addirittura di grande attualità, come nel caso dei locali destinati al riposo dei maiali dopo il trasporto e prima della macellazione.
È chiaro che se riuscissimo in questo importante passo, attirando investitori, potremmo riannodare i fili di una tradizione, profondamente radicata.
Non ci limiteremmo più solo a ricordare lo scritto giocoso del "Testamentum porcelli" dove l'animale si preoccupa, in un immaginario testamento, di regalare "..a' fanciulli la mia vescica da giocar a palla" o la presenza del cinturello umbro, effigiato al fianco di S. Antonio Abate in un trentina di affreschi solo in Umbria, di cui forse il più rappresentativo si trova all'interno del Duomo di Orvieto.

Quali sono le maggiori difficoltà e quali i vantaggi per un eventuale acquirente?

Fino ad ora, le difficoltà riscontrate sono soprattutto legate alla congiuntura economica e all'elaborazione delle risposte da parte delle istituzioni provinciali e regionali, obbligate alla massima ponderatezza, vista la generale difficoltà di bilancio. Per quanto riguarda, invece, la messa a norma degli impianti sono in corso dei contatti per dividere i vari aspetti della lavorazione delle carni dalla macellazione in modo da coinvolgere anche altre realtà a livello regionale.
I principali vantaggi si scoprono visitando il luogo, accolti dalla visone a trecentosessanta gradi dei nostri boschi e dalla brezza costante proveniente dalla valle del fiume Sorre che, prima di arrivare al salumificio, lambisce i vigneti della Tenuta Corini dove la scommessa di impiantare del Pinot nero ha dato dei sorprendenti risultati.

Recentemente, in una guida gastronomica, è stato citato un particolare tipo di prosciutto, prodotto proprio a Montegabbione. Che prospettiva avrebbe se potesse contare su un allevamento in loco?

Riccardo Lagorio, allievo del grande Veronelli, durante una piccola degustazione, ha voluto mettere il naso nella particolare lavorazione del prosciutto ed è giunto ad una affascinante ipotesi legata alla storia naturale e sociale della Valdichiana.
Per quanto riguarda l'ipotesi di utilizzare maiali allevati in loco, posso dire che la lavorazione tradizionale funziona bene già con esemplari di suini in stabulazione fissa.
Non oso sperare cosa potrebbe succedere se riuscissimo a reintrodurre l'allevamento brado, con una importante risposta anche a livello della Sicurezza Alimentare teatro dei fatti di cronaca in Germania proprio in questi giorni, dove gli esemplari di cinturello umbro potrebbero nutrirsi naturalmente di ghiande, ricche di acido oleico, la stessa sostanza chimica presente nelle olive, che incide notevolmente nel gusto del prodotto come dimostra, tanto per fare un esempio, il Pata negra spagnolo.


Questa notizia è correlata a:

A Montegabbione dal 14 al 16 gennaio torna "Il Maiale in carne ed Ossa"

Pubblicato da alessandro il 05 febbraio 2011 alle ore 21:31
Complimenti agli amici di Montegabbione sempre attenti alle tradizioni e alla valorizzazione delle peculiarit del territorio; continuate cos : W IL NOSTRANO MAIALE CINTURELLO.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 28 marzo

Martedì 29 marzo, 67° anniversario dell'eccidio nazi-fascista di Camorena. Le celebrazioni

All'Unione Orvietana Rugby il titolo di campione umbro di serie C

FUTURO IMPERFETTO - Domani

"Il recupero del patrimonio architettonico in termini slow". Convegno al Palazzo del Gusto sabato 2 aprile

I piccoli centri come modelli resistenti di cultura slow

Il programma del convegno

Gemellaggio tra Allerona e Arlena di Castro nel segno dell'etnia comune

La Guardia di Finanza cambia look. Via le vecchie divise, arriva il grigio antracite

Palazzo Monaldeschi della Cervara sede del Liceo Artistico Statale. Appello del Prof. Donato Catamo

Nek sul palcoscenico del Mancinelli. Domani la data zero del nuovo tour europeo

"Se un uomo è gentile con uno straniero, mostra d'essere cittadino del mondo". Ma a Lampedusa la situazione è difficile

Le scuse del sindaco Concina. "Nessuna intenzione di offendere chicchessia"

Scoperta dalla Guardia di Finanza di Orvieto evasione da oltre 1 milione di euro in azienda edile

San Venanzo festeggia i 150 anni dell'Unità d'Italia. Una mostra storica e altri eventi dall'1 al 3 aprile

Protezione Civile: la Giunta regionale approva piano riparto fondi per 3 mln 800 mila euro

Arrestati il direttore della Confcommercio di Terni e un collaboratore. L'accusa è di estorsione

"La guerra non si può umanizzare, si può solo abolire". I Comunisti Italiani in piazza sabato 2 aprile per dire "no alla guerra"

Chi erano i sette martiri. Breve nota per ricordare

Un'osservatrice dagli States. Le due cose che preferisco di Orvieto

CITTASLOW in FESTIVAL DINNER MUSIC #13 torna sul lago di Corbara. Sabato 2 aprile Rita Marcotulli, Biondini e Girotto in concerto e il menù di San Miniato

Camorena: 29 Marzo 1944 - 29 Marzo 2011. Voci che ancora gridano: Libertà!

Meteo

martedì 28 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
21:00 7.4ºC 64% buona direzione vento
mercoledì 29 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 14.7ºC 41% buona direzione vento
15:00 19.3ºC 31% buona direzione vento
21:00 9.9ºC 65% buona direzione vento
giovedì 30 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.3ºC 44% buona direzione vento
15:00 20.6ºC 34% buona direzione vento
21:00 11.5ºC 65% buona direzione vento
venerdì 31 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.5ºC 44% buona direzione vento
15:00 21.3ºC 34% buona direzione vento
21:00 11.3ºC 72% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni