cultura

Ad Allerona una performance artistica dedicata al Natale allestita nella Sala dell'Acqua

mercoledì 15 dicembre 2010
Ad Allerona una performance artistica dedicata al Natale allestita nella Sala dell'Acqua

L'Associazione Amici di Allerona ha allestito nella Sala dell'Acqua in piazza Santa Maria una performance artistica dedicata al Natale con le opere del pittore Antonio Benedetto Barrella, artista del next age e della spiritual art. La mostra sarà inaugurata sabato 18 dicembre alle ore 16 e resterà aperta fino al 6 gennaio nei giorni prefestivi e festivi dalle 16 alle 18.


Antonio Benedetto Barrella si è formato a Bologna alla scuola del pittore Tonino Dal Re apprendendo nuove tecniche sul surrealismo esoterico e creando poi un proprio genere, uno stile denominato dal critico Mario Bernabò "surrealismo azzurro". Ha fatto parte, insieme al pittore Valerio Toninelli di Pistoia, della "Nuova Accademia dell'Arcobaleno", sviluppando in seguito nei paesi orientali nuove tecniche basate sulla "espressione pittorica come metodo cromoterapico". Ha frequentato a Trento lo studio della rinomata pittrice Rosa Bracchetti. Ha esposto in molte città italiane tra cui Milano presso la galleria Solo arte insieme allo scultore Russo Tilman, a Rovereto, Trento, Città della Pieve, Città di Castello e molte altre.ù


All'estero le opere di Antonio Benedetto Barrella sono state ammirate e apprezzate a Salisburgo e in Boemia.
Lo scrittore e filosofo Raphael Kandy ha scritto di lui: "Osservando e meditando le opere di Antonio Barrella si ha la sensazione netta e costante di volare lontano sulle ali di una nota che si fonde con una celebre sinfonia cosmica, in una dimensione dove tutti i colori si fondono e diventano come un altare di stelle, armoniosamente dipinte[...]questi dipinti trasmettono un genuino messaggio d'amore che solo la coscienza può raccogliere e intendere. Ti accorgi di intraprendere un viaggio su un'astronave silenziosa apparsa all'improvviso in un dipinto di questo insolito artista viaggiatore stellare...".

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 gennaio