cultura

Solidarietà al Vescovo Scanavino dalla comunità islamica orvietana

lunedì 13 dicembre 2010
Solidarietà al Vescovo Scanavino dalla comunità islamica orvietana

Dopo la tragica scomparsa del diacono Luca Seidita, tante sono state le manifestazioni di affetto e solidarietà espresse dai cittadini nei confronti di S.E. padre Giovanni Scanavino, Vescovo della Diocesi di Orvieto-Todi. A questa va ad aggiungersi anche un importante contributo che la comunità islamica orvietana ha voluto porgere al Vescovo tramite un suo esponente, Soleman Mohamed:

"Al mio ritorno in Orvieto dall'Egitto, dopo un periodo di assenza , sono venuto a conoscenza della disgrazia capitata ad un giovane che era alle soglie dell'ordinazione sacerdotale.
La comunità musulmana, che non ha propri rappresentanti né una sede, ma è comunque presente in Orvieto sente tuttavia l'esigenza di manifestare il proprio cordoglio e la vicinanza solidaristica ai famigliari del giovane Luca e a tutta la chiesa Cattolica, per quanto accaduto, ma in particolar modo a Sua Eccellenza il Vescovo che rappresenta anche per noi un punto di riferimento per le sue doti umane e la sua Pastorale, unificante anche per chi ha una religione diversa.
Vivo ad Orvieto da oltre venti anni - conclude Soleman Mohamed - conosco personalmente Il Vescovo, e, sentiti i miei fratelli, abbiamo deciso di manifestarGli la nostra profonda stima e gratitudine. Colgo l'occasione per porgerGli, assieme a tutta la comunità cristiana, i migliori auguri di Buon Natale."

Pubblicato da sangiovannidellacroce il 14 dicembre 2010 alle ore 14:29

Cari amici mussulmani... grazie di questo gesto di solidarietà. Noi cristiani dovremmo guardare agli integralisti cattolici, che nel nome del Vangelo fanno più danno dei talebani. Ma per fortuna in ogni crisi il Signore ispira sempre profeti come il nostro vescovo, amato dalla sua gente ... Vieni signore........

Pubblicato da Un'orvietana qualunque il 14 dicembre 2010 alle ore 17:40
Quando Padre Scanavino arriv ad Orvieto rimasi fortemente colpita dalla capacit che ebbe di capirci, dal coraggio ed insieme dalla grazia con cui, attraverso alcune interviste, riusc a comunicarci il suo punto di vista.
Quest'uomo dalla cultura infinita e dalla fede solida, ci fece capire senza giri di parole, che sulle nostre teste conformiste vedeva due dita di polvere e sulle facce dei nostri figli una discreta noia e demotivazione, il messaggio fu semplice: svegliatevi!
In seguito ebbi modo di ascoltarlo nelle sue omelie e nei suoi discorsi, mi sono convinta che sia un dono del Signore.
Non vorrei che questa sia la sua unica colpa, essere un vero Pastore.
Sua Eccellenza mi permeto di augurarLe buon Natale, spero che il Signore protegga Lei e tutti noi e mi raccomando si ricordi: questa citt ha bisogno di Lei, della sua capacit di dialogare con tutti e di vedere ben oltre i confini comunali, per crescere e scrollarsi di dosso la polvere.

Pubblicato da giancarlo giacomini il 15 dicembre 2010 alle ore 15:04
Faccio seguito al commento dellarticolo apparso su alcuni giornali online ed avente come titolo: Bufera sulla Curia, di cui qui di seguito accludo la trascrizione.
Faccio riferimento a quanto apparso nellarticolo e mi chiedo, visto i silenzi preoccupanti da parte di coloro che invece dovrebbero fornirci spiegazioni sui motivi che hanno determinato e continuano a cagionare questi continui attacchi al vescovo, se nella Chiesa diocesana ci sono alcuni distinguo oppure si tutti solidali con il presule.
Trovo, altres, estremamente vergognoso il continuo pettegolezzo di basso profilo che ormai da tempo ci pervade e che non si ferma nemmeno di fronte ad una morte tragica come quella del diacono; come possibile che nel fatto di specie non ci sia uno, dico uno, che esca finalmente allo scoperto e che ci venga a dire di quali colpe il vescovo accusato. Come ci si pu trincerare dietro a un no comment quando riscontriamo che i propositi, pi o meno buoni espressi dai pulpiti pi alti, restano nel cassetto. Fra le tante ragioni si pu ipotizzare che la continua quotidiana analisi del presule sulla situazione orvietana sembra che abbia procurato disagio e disorientamento in alcuni dei soggetti istituzionali, dai quali, sembra, siano partite ripetute sollecitazioni agli Organi superiori della Chiesa tendenti a stigmatizzare le scelte del vescovo. Da troppo tempo ormai si ha la percezione che i cosiddetti cattolici della Messa domenicale siano preoccupati in modo eccessivo pi del successo e della popolarit che dellinteresse vivo e costante di riscoprire la gioia del Vangeloe non potr mai esercitare in modo adeguato la sua responsabilit di missionario.
Come si pu comprendere compito difficile stare al passo con la storia gloriosa della citt e del territorio e, quindi, oggi che si parla di dimissioni o allontanamento del vescovo ritengo che invece stato dono del Signore che sia venuto un nuovo Pastore, che abbia saputo scuotere con intelligenza e sapienza, con equilibrio e fortezza danimo, le coscienze di chi ha la responsabilit, per fronteggiare le complesse e difficili problematiche.
La vita sociale, le relazioni con le istituzioni e ogni altro tipo di rapporto sentono la necessit di una rivisitazione. Tutti noi, oggi, siamo chiamati a compiere lannuncio del Vangelo come primo e fondamentale atto di carit verso luomo. Una comunit ecclesiale animata da un intenso clima di comunione e di carit deve saper esprimere il perdono, vivere la carit, con uno stile di vita caratterizzato da servizio, condivisione, perdono e riconciliazione e sentire anche il bisogno di crescere nellAmore. Concludo con una frase di Papa Giovanni Paolo II: Il cristiano deve anche assicurare che il sale del suo impegno cristiano non perda il suo sapore e che la luce dei suoi ideali evangelici non venga oscurata dal pragmatismo o, peggio, dallutilitarismo.
Grazie Eccellenza, non molli! Fortunatamente nella chiesa diocesana esiste ancora tanta gente con valori cristiani integri, c urgente bisogno, per, di approfondire i rapporti con il clero.
Come si evince dallo scritto, ponevo una domanda ben precisa e ed esprimevo anche alcune considerazioni di carattere generale. Alla richiesta se nella Chiesa diocesana vi sono alcuni distinguo oppure si tutti solidali con il presule, non stata data alcuna risposta e ci ci fa capire che non vi unanimit di intenti e che il perdurare dei silenzi da parte della Chiesa tristemente noti in passato e che speravamo fossero terminati- sono anacronistici e ambigui. Dove finita la Chiesa del dialogo, del perdono, della riconciliazione e dellamore, cos tanto conclamati nelle omelie domenicali?
Comprendo perfettamente che tutto ci pu aver determinato disagio e disaccordo in quelle persone che da tempo osteggiano e stigmatizzano le scelte del Vescovo. Non faccio alcun riferimento al tragico epilogo terreno di una giovane vita, anche se debbo dire che il giovane diacono non sarebbe stato certo n migliore e n peggiore degli attuali diaconi, presbiteri e di coloro che oggi hanno la responsabilit dellimpegno in tutti i campi, ma soprattutto mi riferisco al reiterato attacco che da tempo in maniera sbdolo viene perpetrato ai danni del Presule.
Potrei anche essere daccordo con chi vuol farci intendere che la questione non si risolve con i commenti online, ma comunque servono, a fronte dei silenzi, per scuotere e risvegliare quelle coscienze che stanno andando alla deriva e che non riescono a comprendere che la situazione molto pi grave di quello che immaginano. Non si tratta di trascinare un socio di un club nel baratro, anche seppur grave ma, nel caso di specie, trattasi di attacchi al Pastore di una Diocesi e che o credenti o atei comunque ci coinvolge.

Grazie per la pubblicazione. Giancarlo Giacomini

Pubblicato da Laura il 15 dicembre 2010 alle ore 15:44
Pure io credo che la nostra citt, ora pi che mai, ha bisogno di un grande Vescovo e Padre Giovanni lo perch, oltre ad avere grandi capacit di dialogo e di comunicazione, veramente una "bella" persona !
Pubblicato da Laura il 15 dicembre 2010 alle ore 15:44
Pure io credo che la nostra citt, ora pi che mai, ha bisogno di un grande Vescovo e Padre Giovanni lo perch, oltre ad avere grandi capacit di dialogo e di comunicazione, veramente una "bella" persona !

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce

Meteo

mercoledì 24 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

15:00 11.8ºC 70% buona direzione vento
21:00 4.5ºC 93% buona direzione vento
giovedì 25 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 5.8ºC 90% buona direzione vento
15:00 10.5ºC 72% buona direzione vento
21:00 3.7ºC 97% buona direzione vento
venerdì 26 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.4ºC 93% buona direzione vento
15:00 9.3ºC 86% buona direzione vento
21:00 7.3ºC 93% buona direzione vento
sabato 27 gennaio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.3ºC 85% buona direzione vento
15:00 11.0ºC 76% buona direzione vento
21:00 8.4ºC 89% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni