cultura

L'antico Statuto di Allerona arriva a Umbria Libri. Se ne parla alla Sala Aurora venerdì

martedì 9 novembre 2010

Il Comune di Allerona, in collaborazione con la Deputazione di storia patria per l'Umbria, terrà la presentazione del volume LO STATUTO DI ALLERONA DEL 1585, sesto numero della collana Statuti Comunali dell'Umbria curata dalla stessa Deputazione. L'edizione è del compianto professore Roberto Abbondanza.
L'iniziativa, inserita nella manifestazione Umbria Libri 2010, si svolgerà venerdì 12 novembre 2010 ad Allerona capoluogo presso la Sala Aurora, con inizio alle ore 17,00.
Parteciperanno all'incontro Valentino Rocchigiani sindaco di Allerona, Maura Gilibini assessore comunale alla cultura, il professor Attilio Bartoli Langeli presidente della Deputazione, la professoressa Maria Grazia Nico Ottaviani, docente di storia medievale nell'Università di Perugia e direttrice della Collana degli Statuti medievali.
Per l'occasione sarà presente anche una delegazione di amministratori comunali di Arlena di Castro, cittadina dell'alto viterbese ricostruita da un nucleo di famiglie alleronesi ivi trasferitesi negli stessi anni dell'elaborazione dello Statuto in questione.

La riscoperta di una fonte come lo statuto medievale della comunità di Allerona, in cui è riportato il sistema di rapporti fra abitanti, autorità locali e territorio è molto importante per comprendere la realtà territoriale, l'esperienza comunitaria e l'identità civica del basso medioevo alleronese e del contado orvietano.
L'elaborazione di uno statuto rappresenta infatti un evento di enorme importanza, poiché esso registra fedelmente le condizioni amministrative presenti all'atto della sua stesura, condizionandone tutte le vicende successive: è un documento che, oltre al suo valore formale e giuridico, presenta un alto significato simbolico, nel quale i cittadini vedono riconosciuta, in modo ufficiale, la propria identità civica.

La fonte degli statuti comunali medievali è anche un validissimo strumento di 'storia totale' in cui si intersecano aspetti sociologici, economici, culturali, una fonte che costituisce quindi un'importante sfida per la ricerca storica relativa al formarsi della nostra realtà contemporanea.
L'edizione dello statuto comunale di Allerona del sedicesimo secolo appare dunque di straordinario interesse nel documentare la vita di Allerona, la sua quotidianità, le sue diverse modalità di esperienza comunitaria, in questa realtà territoriale così esposta e delicata.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 febbraio

Giulio Scarpati all'Unitre. Con Valeria Solarino al Mancinelli per "Una giornata particolare"

Cede una porzione di muro, tecnici della Provincia al lavoro sulla SP 31

Ultima settimana di scuola aperta all'Istituto Artistico, Classico e Professionale

Al Palazzo del Gusto, corso di qualificazione professionale per sommelier Ais

Final Four Under 18 Eccellenza, la finale sarà Ellera-Todi

Anteas e Gruppo Famiglie Parrocchia S.Anna promuovono l'incontro "Invecchiare bene"

Lancia una bottiglia contro il muro del commissariato, denunciato un 37enne

Anche il Comune di San Venanzo aderisce a "M'illumino di meno"

Visite guidate a "San Giovenale. La chiesa e il quartiere nell'Orvieto medioevale"

Provincia, la Rsu chiede certezza su servizi, personale e bilancio

Emanuele Carelli presenta la raccolta di poesie "Celeste come i cieli"

Ridistribuite le deleghe, fino a nuove determinazioni

Il Tar conferma l'aumento della litigiosità tra cittadino e pubblica amministrazione

Campo da calcio di Ciconia "in abbandono", la Uisp fornisce chiarimenti

Proposta di legge sull'ambiente, prosegue in tutta l'Umbria la raccolta firme

A "Cinema intorno al mondo", è la volta di "Lagos. Notes of a city"

Vinti: "Le dimissioni scoperchiano la pentola del conflitto interno al Pd"

Tecnici Enel al lavoro, traffico interrotto in Via Magalotti

Umbria e Orvieto protagoniste a Praga. Intensa l'attività per rafforzare relazioni e progetti

Comune spento per "M'illumino di meno". Gli interventi per razionalizzare i consumi energetici

Presentato in Regione il volume "Umbria, paesaggi in divenire 1954/2014"