cultura

Un fuori programma per il Libro Parlante. Enza Buono torna a “Quella mattina a Noto”. Giovedì 21 al Caffè Montanucci

mercoledì 21 luglio 2010
di Davide Pompei
Un fuori programma per il Libro Parlante. Enza Buono torna a “Quella mattina a Noto”. Giovedì 21 al Caffè Montanucci

Forse meno celebre e meno celebrata. Ma non meno raffinata della sua prole nel vergare parole. Enza Buono regala alla fortunata rassegna del Libro Parlante un fuori programma estivo. E, con ridotto margine d'avviso, sceglie la formula informale dell'aperitivo al Caffè Montanucci - appuntamento fissato per giovedì alle 19 - per presentare al pubblico la sua ultima creazione, "Quella mattina a Noto", edita da Nottetempo e seconda classificata al Premio Guerriero di Capestrano. L'incontro, promosso dalla Libreria dei Sette con il patrocinio del Comune di Orvieto, segue, solo in ordine di tempo, quello con Gianrico Carofiglio, suo primogenito, già ospitato sulla Rupe a fine maggio in occasione della prima nazionale di "Non esiste saggezza".

Nata a Noto, appunto, a cavallo tra Borboni e Savoia, e non nuova alla scrittura, Enza Buono ha collaborato con giornali e riviste letterarie, pubblicando articoli e saggi su autori italiani e francesi e dato alle stampe romanzi come Zaira, Perché Teresa Raquin, Arielle è andata via. Il nuovo racconto prende le mosse nella Sicilia di quando era giovane. A sollecitarne la narrazione, tre figure di donna che avanzano "con leggero passo di danza". Dando vita a un testo, breve ma intenso, popolato di figure femminili che si sono battute per la libertà di decidere, istruirsi e insegnare. Da Mariannina, costretta ad abbandonare Palermo dopo la perdita del marito e del patrimonio, alla figlia Lidduzza, custode gelosa dell'indipendenza conquistata, fino alla nipote Ituzza, che, laureata, a Noto insegna, si sposa e cresce i figli, salvo poi, spinta da necessità, abbandonarla alla volta di Bari.

"Ragazze bellissime e intrepide, madri tenere e orgogliose, nonne affabulatrici ma prive di leziosaggini" costituiscono così una galleria tutta al femminile, popolando pagine dove l'idea della continuità familiare viene espressa quasi paradossalmente dalla presenza della morte. Sempre sul filo della memoria, chiude il cerchio generazionale il racconto del figlio Gianrico, in bilico tra disincanto e umorismo, in cui ricostruisce l'incontro nell'aeroporto di Amsterdam tra una ragazza che si nasconde e un poliziotto fuori dal cliché. Un racconto che si lega al romanzo della madre dal momento che, spiega Carofiglio "esistono fili tematici comuni: i ricordi, la nostalgia, la forza dolorosa degli affetti in parte mancati, non compiuti, ammesso che si compiano mai".

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio