cultura

Nel seme di Eloisa: con Angelica attraverso Teresa, Edith, Etty. Dal castello interiore all'agire politico

domenica 24 gennaio 2010
di laura
Nel seme di Eloisa: con Angelica attraverso Teresa, Edith, Etty. Dal castello interiore all'agire politico

Tre donne di grande, autorevole statura, tre pensatrici teologhe - due canonizzate - accomunate dalla ricerca ardua e rigorosa, talvolta impietosa, della parte più profonda e autentica del proprio sé; unite dal vuoto, originario deserto di silenzio in cui la ricerca scava per diventare sapere comune e, al tempo stesso, dall'assordante frastuono di epoche storiche percorse da una fragorosa manifestazione del male: Teresa de Avila, Edith Stein, Etty Hillesum. Queste le tre grandi figure femminili scelte da Angelica Ridolfi, giovane ricercatrice di filosofia, per guidare il pubblico della Sala del Carmine - durante una conversazione a cura dell'associazione "Il filo di Eloisa" nell'ambito di Venti Ascensionali - in un percorso di forte e densa intensità.



L'immagine del "Castello nomade" scelta da Angelica Ridolfi e illustrata da Marion Forsell parte dalla figura architettonica e spirituale del "Castello interiore" di Teresa de Avila - la più importante delle opere della Santa Dottora della Chiesa - per arrivare alle altrettanto solide, inespugnabili fortezze del sé di Edith Stein e Etty Hillesum, entrambe martiri della persecuzione nazista nel campo di sterminio di Auschwitz: l'una come ebrea convertita al cattolicesimo, strappata al convento delle carmelitane scalze di Echt dove era diventata Teresa Benedetta della Croce; l'altra martire volontaria per aver voluto assumere fino in fondo il tragico, storico destino del suo popolo. Nomade, il loro castello di libera e autentica bellezza all'interno del sé, per quel continuo e indefesso andare e venire, costruire e decostruire che ogni ricerca estrema comporta; nomade per l'avventurarsi senza timore, dalla luminosa forza del proprio profondo nucleo, nell'azione e nel mondo; nomade per l'attraversare, con le medesime costanti, l'onda lunga dei secoli.

Così Teresa, indagando nell'insoddisfazione che genera in lei l'ordine monastico troppo leggero e mondano, andando al fondo del sé riesce, nella Spagna degli Alumbrados, a sfuggire all'Inquisizione e a riformare il Carmelo, a parlare ai grandi, alle monache sorelle e ancora oggi, attraverso i suoi scritti, al mondo. Così Edith Stein, toccata da Teresa dopo aver letto la sua autobiografia, ascoltando la voce più profonda del sé passa  dall'ebraismo al cattolicesimo, non esita a scrivere, dal suo nuovo interiore castello, a papa Pio XI e al suo segretario di Stato - il futuro papa Pio XII nunzio apostolico in Germania - perché non tacciano e denuncino le prime persecuzioni contro gli ebrei; né ad assumere con ferma dignitosa grandezza - gasata nel campo di Auschwitz - la passione personale e collettiva di quella croce. Così Etty Hillesum, penetrando nel suo profondo sereno sé, sceglie e sperimenta un altruismo radicale, decide di condividere il destino del suo popolo e si stabilisce spontaneamente nel campo di smistamento di Westerbork, dove diviene un luminoso riferimento per molti fino al suo definitivo trasferimento ad Auschwitz: una continua e vigile conquista la sua, un itinerario spirituale che la porta ad aprire quel suo libero, sicuro castello nomade all'altro e agli altri, per amarli e proteggerli nell'immenso flusso di tragedia e dolore.

Come quella di Teresa e di Edith Stein, la sua scrittura riesce ad illuminare i pensieri e gli eventi dall'interno, specchio dell'intensità del suo spirito, della fonda ricchezza della sua interiorità: quella parte più profonda di me, ella affermava, che chiamo Dio. Che lo si chiami Dio - o in qualunque altro modo - è un tesoro interiore, una verità che sta a noi scoprire, scrive Teresa de Avila, con un itinerario verso il proprio centro. Il divino che abita l'anima è la verità del soggetto. Il cammino di perfezione è dunque un venire ad essere di quel che in realtà già si è; ed è ciò che si è, questo vero essere, ad essere sovrano. Trovare il proprio centro, la propria dimora, libera dunque le potenzialità e i desideri del soggetto, li autorizza nel mondo, li traduce, come per queste donne avvenne, in azione potente e trasformatrice. Non esiterei a dire che, dall'interno, il sentire etico diventa azione politica: azione che dai suoi fondi semi - come la stessa Ridolfi ha sottolineato - libera e propaga fiori e frutti.

Quegli stessi semi che, tante volte e in innumerevoli occasioni, la stessa Eloisa Manciati - al cui pensiero e agire l'associazione "Il filo di Eloisa" fa riferimento - ha sparso con mani esperte e generose tra le sue relazioni e nella nostra città. Teresa, Edith, Etty è stata Eloisa che - attraverso libri, scritti, film, mostre, conversazioni - ce le ha in vario modo offerte, porgendole, direttamente o attraverso noi, anche alle più giovani generazioni. Il suo seme, ieri ripetutamente nominato, continua a "mettere al mondo il mondo".

Nelle foto: Angelica Ridolfi e Loretta Fuccello, che ha introdotto la conversazione; Martina Sciucchino, che ha eseguito un canto di letizia scritto da Teresa de Avila per le sue monache.

Loretta Fuccello, Olimpia Cesaroni, Teresa Equitani, Enrico Ridolfi dei Lettori Portatili del Laboratorio Teatro Orvieto hanno inoltre accompagnato l'emozionante percorso con la lettura di alcuni brani tratti dalle opere di Teresa de Avila, Stein e Hillesum.

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 maggio

Chi vincerà le elezioni regionali in Umbria

Premio "OrvietoSport" 2015. Tutti i premiati, le menzioni speciali

"Orvieto in Fiore", anche senza sole. Al S.Maria della Stella il Palio della Palombella

Grazia Di Michele in visita a "Oltre la finestra". Allestimento prolungato fino al 2 giugno

Falsi maiali biologici, nel mirino un allevamento orvietano

Al Palazzo dei Congressi convegno su "Cento Anni di Grande Guerra in Italia"

Servizi intensificati in occasione della Pentecoste. Denuncia e foglio di via per due nomadi

L'Asd Tennis 90 organizza l'edizione 2015 del Circuito dell'Olio

Francigena Marathon da Acquapendente a Montefiascone. Oltre 700, gli iscritti online

La tre giorni didattica inserita nel progetto "Approccio multidisciplinare al sito archeologico di Carsulae" fa centro

Carta costituzionale e bandiera italiana ai 18enni per la Festa della Repubblica

Castel di Fiori profuma per l'edizione 2015 di "Archeoflora"

Seconda edizione per il mercatino delle eccellenze

Cena elettorale a San Venanzo, al centro del dibattito il degrado della SS 317

In tanti alla "Giornata della Salute". Parola d'ordine: prevenzione

Amanda Sandrelli al Mancinelli per "Oscar e la dama in rosa"

Posti ancora disponibili per il seminario teatronaturale#01

Oggi i funerali di Beatrice Orsini

Incontro al Palazzo dei Sette su "Droga, doping e adolescenza. Che fare?"

Al Palazzo del Popolo, via al convegno "I linguaggi del corpo alla luce del contributo delle Neuroscienze e della Esperienza Ipnotica"

Sottoscritti i contratti di locazione del Belvedere e di comodato gratuito per l'ex scuola di Corbara

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni