cultura

Conclusa la mostra a Fabro "Leonardo da Vinci-Uomo-Genio-Inventore". Grande successo dell'iniziativa

martedì 12 gennaio 2010
Conclusa la mostra a Fabro "Leonardo da Vinci-Uomo-Genio-Inventore". Grande successo dell'iniziativa

Si è conclusa domenica 10 gennaio, la mostra "Leonardo da Vinci-Uomo-Genio-Inventore" ospitata nelle segrete del castello di Carnaiola nel comune di Fabro. La mostra realizzata e gestita dalla cooperativa TERRA ha riscosso un notevole successo di pubblico arrivando a 6.000 presenze nei due periodi esposizione. Dopo una prima fase durata circa 20 giorni è stato infatti necessario prorogare l'iniziativa per il gran numero di richieste.


Tante le scuole ed i gruppi organizzati che si sono voluti avvicinare al "genio di Leonardo" ma anche famiglie e singoli, sintomo della qualità della mostra e dell'efficacia di questo tipo di manifestazioni per il territorio dell'alto orvietano. Soddisfatto Matteo Ragnacci presidente della cooperativa Terra. "E' stata una sfida che abbiamo raccolto e vinto. Non era semplice, nei pronostici, proporre Leonardo da Vinci in un luogo sconosciuto al grande pubblico. Il lavoro di squadra, la disponibilità della famiglia Dal Savio, la grande passione per il lavoro unita alla filosofia del sistema cooperativo, hanno fatto si che molte persone si avvicinassero ai luoghi dell'orvietano e non solo, scoprendo pregevolezze nascoste delle quali la mostra di Leonardo è stato un vero motore propulsivo". Valori aggiunti dell' esposizione sono state le conferenze organizzate all' interno del Castello di Carnaiola riguardanti il volo e le energie alternative a cui hanno partecipato importanti personalità come il Dott. Donato Catamo, preside dell'istituto d'arte di Orvieto, il Dott. Helios Vocca, fisico, il Dott. Andrea Bertaglio del movimento di Decrescita Felice, l' ing. Moreno Morcellini, l'ing. Pittoni, esperto di aerodinamica, l' umanista Dott. Paolo Pupo, l' ornitologo Dott. Iavicoli e il Dott. Mugnuolo dell' Asi (Agenzia Spaziale Italiana).

Un'altro importante momento è stata la sfilata delle auto d'epoca a cura della Famiglia Dal Savio e dell' Associazione Slow Driving Italia.La mostra ha cooperato con altre due importanti vetrine turistiche umbre, la mostra su Pier Matteo d'Amelia e il Tour del Perugino di Città della Pieve. Acquistando l'ingresso al castello di Carnaiola è stato possibile infatti avere agevolazioni per accedere alle altre due significative iniziative.

Commenta su Facebook