cultura

Quell'oscura vitale forza dell'Africa: coinvolgente e di grande livello il progetto multimediale di UJW

domenica 3 gennaio 2010
di laura
Quell'oscura vitale forza dell'Africa: coinvolgente e di grande livello il progetto multimediale di UJW

Un lavoro molto coinvolgente e di grande livello il concerto multimediale Ap-punti di vista jazz che, all'interno di questa fortunata edizione 2009-2010 di Umbria Jazz Winter, ha fatto il pieno in questi giorni alla Sala del Carmine di Orvieto, con grande soddisfazione di chi ha in vario modo contribuito alla sua realizzazione. L'idea, che si è sviluppata con la consulenza di Franco Fayenz, è di Massimo Achilli, direttore artistico dello spazio teatrale e di arti visive della Sala del Carmine; intorno ad essa sono stati chiamati a lavorare Maurizio Negri per la ricerca cinematografica, Rita Mele per le elaborazioni pittoriche, Enzo Pietropaoli e Fulvio Sigurtà per la parte musicale.

Il viaggio inizia dal magma originario del jazz, l'Africa, e all'Africa ritorna con un percorso circolare che trascina a vari livelli lo spettatore in un movimento sostanzialmente ipnotico, quasi tribale. Il ritmo iniziale del contrabbasso di Pietropaoli, dapprima puramente afro, potentemente onirico, arriva a caricarsi di effetti sempre più complessi grazie agli effetti elettronici live e rende conto, con una complessità crescente, di quella straordinaria contaminazione fra tradizioni musicali africane ed europee che fu il jazz, a partire dal Sud degli stati Uniti e dai primi anni del millenovecento. Finché la tromba di Sigurtà, anch'essa accompagnata dal live elettronico, si unisce stupendamente al contrabbasso e lo affianca per la maggior parte dello spettacolo, a testimoniare un'evoluzione del genere musicale sempre più americana e sofisticata, sempre più inserita nel tessuto metropolitano degli States.

Sullo schermo le immagini vanno di pari passo: dalle arcaiche maschere africane e dai misteriosi segni primitivi, alle immagini documentaristiche sulla grande deportazione della Louisiana e sulla civiltà sudamericana del cotone, fino alla nascita delle grandi metropoli, in particolare New York. Sfilano colori e note, corpi e volti: da folle metropolitane non meglio identificabili a Louis Amstrong e Duke Ellington, da Lennie Tristano al mitico Bird, a Sun Ra. Ma anche potenti immagini dell'arte africana, in gran parte tratte dal film documentario di Alain Resnais "Anche le statue muoiono", dove l'arte negra si mostra nella sua sconvolgente complessità: radici, antropomorfismo legato al quotidiano e al sacro, danze, riti, gesti ordinari.
Infine le conseguenze della colonizzazione: secondo la tesi di Resnais gli oggetti prodotti diventano una lingua morta, il loro ingresso nella storia dell'arte occidentale sbocca nella nascita di un semplice artigianato indigeno, di una riproduzione priva di senso all'uso dei bianchi. Eppure, per paradosso, l'arte occidentale deve tornare alle forme primordiali dell'Africa per trovare una sua originalità e rinnovarsi: sfilano forme di Gauguin, di Picasso, forme-danza metamorfizzate di Rita Mele.

Parallelamente il jazz si occidentalizza; pur nella nostalgia dell'anima nera - di cui i suoi esasperati ritmi e le sue improvvisazioni senza regole e senza spartito non cessano di parlarci - si espande sempre più come patrimonio della civiltà dei bianchi, come icona di un genere moderno, elitario , anticonvenzionale di cultura.
Ed ecco allora che a un certo punto la mirabile, sofisticata tromba di Sigurtà si perde, il contrabbasso di Pietropaoli, proprio nel colmo dell'esplosione dei suoni, ci riporta pian piano al tribale ritmo iniziale, alla forza monotona, onirica e incancellabile delle origini; mentre sullo schermo danzano le antropomorfiche figure pittoriche di Rita Mele, i suoi colori assoluti: rosso, bianco, blu, nero...

Si può leggere in vari modi questo viaggio dall'Africa all'Africa, questo ritorno in musica al magma del continente nero. Noi lo leggiamo come quella forza vitale e oscura, quel dinamismo ancestrale e rischioso che l'Occidente più volte ha cercato di domare, ma che nel cuore dell'Occidente stesso riemerge e implode. Oggi, probabilmente, come non mai.

Nelle foto Enzo Pietropaoli e Fulvio Sigurtà, Franco Fayenz, Rita Mele e Massimo Achilli

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

"Frantoi Aperti" compie vent'anni. Eventi a macchia d'olio nei borghi dell'Umbria

"Autunno. Archeologia, Arte, Architettura", quattro incontri alla Rocca dei Papi

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello e cede il passo a Caserta

Liste d'attesa...di morire

Orvieto FC, secondo anno di iscrizione a tutti i campionati della Figc

Gloria in Excelsis Deo

A Sferracavallo Dom Quix realizza un'opera murale dedicata ad Aldo Netti

"Festa dell'Aria". Parrano BioDiversa riflette su qualità dell'aria e cambiamenti climatici

Erasmus+, tra gli studenti che partecipano anche quelli dell'Agrario di Fabro

"Il Governo eroghi risorse necessarie alla gestione dei servizi da parte della Provincia"

Pampepato, via al percorso per il riconoscimento della certificazione Igp

"World Francigena Ultramarathon", domenica l'arrivo dei partecipanti

Volatili

Nuova sede di Cittaslow International, incontro con il presidente Stefano Pisani

La Fondazione "Peres center for peace" premia la presidente della Regione Catiuscia Marini

Zambelli Orvieto scontenta ma pronta a lavorare per migliorare

Sì della giunta al Piano per il passaggio a tariffa puntuale sui rifiuti

Amerina, convenzione tra Comune e Provincia per concessione di aree di pertinenza stradale

Sì al progetto per opere di urbanizzazione in vocabolo Fosso Fanello

Giornate della Castagna, nel secondo weekend arriva il Palio degli Asini

Rinnovato il Consiglio Provinciale dell'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Perugia

"Ospedale da campo. Memorie di un medico cattolico dalla guerra di Libia a Caporetto"

Il punto di Guido Barlozzetti: "Una brutta notizia"

Riscaldamento in Via Scalza, Olimpieri (IeT): "In assenza di interventi Ater, provveda il Comune"

"La Libreria dei Sette di Orvieto compie 95 anni...e adesso rischia la chiusura. Parliamone!"

Autunno ricco di proposte alla Biblioteca Comunale

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia