cultura

Marlene Dietrich, trionfi e tramonto di una diva in scena al Mancinelli

mercoledì 25 novembre 2009
Marlene Dietrich, trionfi e tramonto di una diva in scena al Mancinelli

Al Teatro Mancinelli di Orvieto Pamela Villoresi dà vita a Marlene Dietrich. Va infatti in scena domenica 29 novembre alle ore 17.30 la pièce Marlene, un testo forte e intenso che racconta, attraverso recitazione e canto, le ultime fasi della parabola artistica ed esistenziale di una grande diva della storia, femme fatale per antonomasia. Il mistero di un fascino assolutamente singolare, lontano da ogni canone, la seduzione di una voce conturbante, l'appeal di un'intelligenza sottile e raffinata fecero di lei la prima moderna icona di bellezza, forse la più significativa e imponente del Novecento.

La pièce, scritta da Giuseppe Manfridi e diretta da Maurizio Panici, porta a riflettere - ritraendo la diva nel momento in cui inizia il suo declino - proprio sulla sua ineguagliabile figura e sulla nostra paradossale necessità di crearci dei miti.

La messinscena procede per capitoli e scandisce la vicenda biografico-artistica della Dietrich in tre passaggi: il primo, ambientato a Londra nel '54, ce la mostra nelle ore che precedono il debutto con un fastoso recital al "Café de Paris" e alle prese con il suo grande pigmalione Joseph von Sternberg (regista de L'Angelo azzurro); il secondo ci trasporta, sei anni dopo, a Berlino, dove Marlene, stavolta in compagnia del musicista Burt Bacharach, si appresta a tenere un importante concerto; nel terzo capitolo, infine, l'azione si svolge a Toronto nel '75, quando ormai la diva è ben diversa da come appariva agli esordi. Sempre più vittima dell'alcol e afflitta da problemi di salute, si scontra con la figlia Kate in un faccia a faccia dai risvolti giocoforza drammatici. A dare un tocco di surreale teatralità ci pensa poi l'epilogo, nel quale l'autore immagina che la donna, proiezione di un seducente Faust, stringa un patto con il suo amante e mentore Sternberg/Mefistofele.

Decisivi in questo lavoro la duttile emotività di un'interprete come la Villoresi, non nuova a ruoli insoliti e robusti (nel cast, oltre alla partecipazione di Orso Maria Guerrini, anche David Sebasti, Silvia Budri e Cristina Sebastianelli) e l'apporto significativo delle musiche, compreso il celebre brano "Lilì Marlene".

Per informazioni: Teatro Mancinelli tel. 0763.340493
www.teatromancinelli.it

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio