cultura

Dall'Inferno all'Infinito: scorre ma non convince lo spettacolo di Monica Guerritore

domenica 15 novembre 2009
di Jacopo Teodori
Dall'Inferno all'Infinito: scorre ma non convince lo spettacolo di Monica Guerritore

La stagione del Teatro Mancinelli è proseguita, dopo lo spettacolo "Il Vangelo secondo Pilato" con lo spettacolo di Monica Guerritore "Dall'Inferno all'infinito".
Lo spettacolo è interamente concentrato sulla figura dell'attrice che recita testi letterari o poesie, la scenografia è composta da una sedia e un tavolino con sopra una candela. Si parte da Dante con il primo canto dell'inferno e altre scelte di celebri brani, per passare poi a Morante, Pasolini, Patrizia Valduga, Leopardi, fino all'ultimo scritto di Pavese prima del suicidio.
L'idea, il filo rosso che dovrebbe collegare tutte queste citazioni, è quello di un incontro con il nostro "Io interiore", guidati dalle parole dei grandi autori del passato. Dunque come Virgilio fu la guida per Dante così la Guerritore dovrebbe esserlo per lo spettatore.
L'idea, non nuova, è sicuramente interessante, ma lo spettacolo lascia molti punti oscuri. Innanzi tutto la durata, circa 55 minuti: la qualità non è data dalla quantità, ma il costo del biglietto per neanche un'ora di spettacolo può apparire non del tutto adeguato.
Per tornare alla sostanza teatrale: i testi scelti, se pur sicuramente bellissimi, sono difficilmente collegabili tra di loro; sarebbe stata opportuna una spiegazione dell'attrice che aiutasse lo spettatore. Timidamente alla fine la Guerritore lo ammette, tra le righe, quando dichiara che questo è il viaggio di una persona arrivata a metà della sua vita, come Dante, e che guardandosi indietro ha ripercorso la sua vita portandola in scena con i testi che riteneva più opportuni. Questi testi, continua l'attrice, sono stati scelti in maniera soggettiva, ogni singola persona poteva sceglierne altri. Proprio perché questo percorso è soggettivo andava spiegato, lo spettatore andava guidato in modo più evidente.
Anche la spiegazione del V canto dell'Inferno lascia dubbiosi: la Guerritore afferma che la storia di Paolo e Francesca è il primo caso, in letteratura, di un amore libero, sul quale Dante - l'autore - non dà giudizi. Se si tratta di un'opinione dell'attrice possiamo accettarla, se parliamo di una spiegazione del testo assolutamente no. Perché Dante comunque situa Paolo e Francesca nell' "eterno dolore", tanto per usare l'epigrafe della porta infernale; ed esistono storie medievali più antiche trattate dai loro autori con ancora maggiore libertà e pietas. Come dimenticare, ad esempio, le varie versioni medievali di Tristano e Isotta, più antiche rispetto alla Commedia di Dante, o le sia pur faticose testimonianze e interpretazioni, ancora in corso di ricostruzione, ma non assenti, della storia di Eloisa e Abelardo, che al pari precede il grande poema dantesco?
La parte migliore è stata la recitazione, che tuttavia non convince pienamente. L'attrice carica di troppa retorica i versi di Dante, anche la musica in alcuni punti sembra eccessiva. La forza delle parole di questi testi è più che sufficiente per emozionare, voler portare lo spettatore all'emozione con l'aiuto della musica sembra una forzatura.
Lo spettacolo comunque divide, vi sono giudizi positivi ed altri negativi. Non casualmente l'applauso scatta solamente alla fine ed è molto convinto da parte di alcuni spettatori, debole o inesistente da parte di altri.
Spettacolo comunque da vedere.

Nella foto, tratta da wikio.it, Monica Guerritore in "Giovanna d'Arco". In parte lo stesso, in questo spettacolo, l'essenziale costume di scena. Di nuovo lunghe, ramate e folte, invece, le chiome dell'attrice.

Pubblicato da loretta il 16 novembre 2009 alle ore 19:12
Concordo con Jacopo nella sua equilibrata recensione tranne che nell'indicazione finale, pi che da vedere direi che "si pu vedere" se si estimatori della recitazione e della persona della signora Guerritore, se invece come nel mio caso si molto dubbiosi, se ne esce irritati per un'occasione persa, vista la suggestione e l'aspettativa che la scelta di testi per me "sacri" poteva creare, occasione persa per un percorso non credibile, recitazione mi si perdoni "orgasmatica" e monocorde nell'enfasi inutile e nello stravolgimento delle perfette terzine dantesche, gestualit ammiccante e descrittiva (che dire del librarsi delle braccia nel "naufragar m' dolce" ), saluto finale con bottiglietta di plastica e scioglimento delle gi menzionate chiome, citazioni antologiche da Hilmann a Galimberti, senza approfondimento e riduzione della dimensione immensa spirituale e umana del viaggio dantesco ad una banalizzazione finalizzata allo spettacolo. Nel rispetto di tutti coloro che hanno apprezzato suggerirei una maggiore attenzione nella scelta (di solito sempre competente e apprezzabile nel nostro teatro), a volte non basta il nome n l'aspetto divistico per reggere all'impatto e al confronto di chi ha affrontato questi grandi testi in maniera molto pi convincente.
Pubblicato da Francesca il 20 novembre 2009 alle ore 23:23
Non esatto parlare di testi scollegati tra loro. Si vero che la sensibilit femminile e individuale della Guerritore ne ha favoriti alcuni rispetto ad altri e che non c' una significativa rielaborazione. I testi vengono proposti cos come sono e l'attrice sembra quasi essere impaziente di fare citazioni e nominare gli autori dei versi, aspetto che forse poteva pi elegantemente evitare di sottilineare. Tuttavia i temi affrontati sono secondo me degni di un biglietto.
Spesso si tende a far rientrare questa eccessiva drammaticit dei gesti in una " cultura non cultura" , in un teatro forzato. Magari ha esagerato, ma io ci tornerei ad ascoltarla, se non altro per le parole!

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 febbraio

Meteo

domenica 25 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

21:00 -2.5ºC 92% discreta direzione vento
lunedì 26 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 -3.7ºC 71% buona direzione vento
15:00 -3.7ºC 64% buona direzione vento
21:00 -8.0ºC 95% buona direzione vento
martedì 27 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 -3.4ºC 69% buona direzione vento
15:00 -1.6ºC 63% buona direzione vento
21:00 -7.8ºC 87% buona direzione vento
mercoledì 28 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 -2.7ºC 67% buona direzione vento
15:00 0.4ºC 66% buona direzione vento
21:00 -3.7ºC 87% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni