cultura

L'Opera del Duomo e la Fondazione CRO orgogliose della ricollocazione della Maestà: "Quella copia è stata eseguita a regola d'arte"

domenica 14 giugno 2009
L'Opera del Duomo e la Fondazione CRO orgogliose della ricollocazione della Maestà: "Quella copia è stata eseguita a regola d'arte"

Si è svolta nella mattinata di ieri, 13 giugno 2009, la presentazione del gruppo scultoreo della Maestà ricollocato in copia sopra al portale del Duomo. Numerosi i cittadini accorsi ad assistere alla reinstallazione. Il Presidente dell'Opera del Duomo Francesco Venturi e il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto Vincenzo Fumi desiderano ringraziare, anche a nome dei rispettivi Consigli, la città e tutti coloro che hanno voluto partecipare all'atteso evento. In primo luogo S.E. il Vescovo Padre Giovanni Scanavino e il Parroco della cattedrale Mons. Italo Mattia, che con la recita dell'Angelus hanno dato commossa solennità all'avvenimento. La città ha manifestato una calorosa accoglienza e ha atteso riunita nella piazza del duomo il disvelamento della Maestà riprodotta, effettuato con perizia e grande attenzione dai Vigili del Fuoco del Comando di Orvieto.

I due Presidenti rivolgono un sentito ringraziamento anche al Presidente dell'Ente Ca.Ri.Fi. per il generoso solidale impegno a favore della realizzazione del progetto, e alle autorità intervenute alla presentazione. Tra loro, anche il Sottosegretario del Ministero per i Beni e le Attività culturali On. Francesco Maria Giro, in rappresentanza del Ministro Sen. Sandro Bondi, che non ha fatto mancare il suo saluto e i suoi personali rallegramenti per l'importante restituzione dell'immagine simbolo della cattedrale.

"Ringraziamenti particolari - affermano in una nota stampa - vanno anche a tutti coloro che hanno contribuito con passione e professionalità alla riuscita del progetto, nelle modalità e nei tempi programmati: tutto il personale e gli Uffici dell'Opera, e i curatori e direttori dei lavori, i tecnici e maestri artigiani che hanno operato con precisione e zelo".

Francesco Venturi e Vincenzo Fumi ricordano che il progetto è frutto di una efficace collaborazione tra l'Opera del Duomo e il Ministero BAC. Avviato fin dal 1983, dopo la rimozione del gruppo originale dalla facciata per il grave degrado che ne metteva a rischio la conservazione, esso si è svolto in due direzioni: da un lato il restauro delle sculture trecentesche, dall'altro lo studio del progetto per la loro riproduzione. Fin dagli anni Novanta, ottenuta l'approvazione dei Comitati Ministeriali, la Soprintendenza aveva commissionato la formatura di copie in gesso degli originali, copia realizzata con tecnica tradizionale di rilievo indiretto per punti, in modo da evitare di danneggiare le sculture con un calco a contatto.

Questo primo importante investimento è stata la base di partenza per riprendere il progetto nel 2007: il nuovo gruppo di lavoro, coordinato dal Prof. Giorgio Accardo dell'Istituto Centrale per il Restauro, organo interno del Ministero BAC, ha condotto il nuovo rilievo con tecnica 3D delle sculture e ha redatto il piano esecutivo per la copia, approvato dall'organo competente, la Soprintendenza unica BAPSAE. Successivamente, la fase del montaggio in situ delle copie è stata studiata dall'ENEA: l'Ing. Gerardo De Canio ha redatto il progetto esecutivo che è stato autorizzato dagli enti di competenza, la Soprintendenza Beni Architettonici e Paesaggistici, e la Soprintendenza Beni Storico Artistici e Etnoantropologici, e lo stesso De Canio ne ha diretto i lavori.

"Tutte le fasi - continua la nota stampa trasmessa dall'Opera del Duomo - sono state seguite con competenza dai funzionari delle due Soprintendenze: nel sopralluogo a chiusura dei lavori, effettuato direttamente dalle Soprintendenti Arch. Anna di Bene e Dr.ssa Vittoria Garibaldi, le stesse non hanno fatto mancare il loro apprezzamento, dichiarando che, avendo preso visione dell'opera realizzata, essa in qualità di copia del gruppo scultoreo della Maestà risponde perfettamente alla funzione per la quale è stata realizzata, rispetta il progetto ed è stata eseguita a regola d'arte".

Un ulteriore ringraziamento viene rivolto, infine, ai relatori che hanno arricchito la presentazione di ieri con i loro contributi, grazie alla cui disponibilità verrà presto organizzata una giornata di studi dedicata alle preziose sculture della facciata e, in particolare, allo straordinario complesso della Maestà, che in originale è attualmente conservato, a pochi metri dalla copia collocata, presso i Palazzi Papali: qui è esposta la magnifica marmorea Madonna col Bambino tra gli Angeli bronzei che sorreggono le falde del Baldacchino, che, dopo il complesso intervento di restauro, mostra di essere opera davvero meritoria del titolo di Maestà per la sua imponenza simbolica e artistica.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 settembre

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni