cultura

"Storia di amicizia e di guerra", al Mancinelli spettacolo per ragazzi tratto dal romanzo "Il cacciatore di aquiloni"

martedì 21 aprile 2009
"Storia di amicizia e di guerra", al Mancinelli spettacolo per ragazzi tratto dal romanzo "Il cacciatore di aquiloni"

Venerdì 24 aprile alle ore 10 al Teatro Mancinelli, nell'ambito della rassegna Teatro Ragazzi della Fonte Maggiore, verrà messo in scena lo spettacolo "Storia di amicizia e di guerra" tratto dal celebre romanzo "Il ragazzo degli aquiloni" di Khaled Hosseini con Stefano Panzeri ed Enrico De Meo. Regia di Renata Coluccini. Luci di Michele Nazione.

Lo spettacolo "Storia di amicizia e di guerra" è ispirato al romanzo "Il cacciatore di aquiloni" di Khaled Hosseini e ne ripercorre soprattutto la prima parte. E' la storia di due giovani ragazzi in Afghanistan, prima dell'invasione russa. La storia di un'amicizia, di un tradimento e di una colpa che non si può dimenticare. Amir e Hassan, vivono a Kabul, in una Kabul dove i bambini possono essere ancora bambini. Amir e Hassan sono amici, sono come fratelli, pur essendo uno il servo dell'altro, pur essendo uno pashtun e l'altro hazara. La loro vita scorre tra giochi, scorribande e conflitti fino al giorno in cui in un vicolo di Kabul qualcosa la cambierà per sempre... L'infanzia di Amir e Hassan finisce dietro un vicolo e poco dopo la Storia, la storia terribile di questo paese, entra violenta in quella dei due ragazzi, spazzando via ogni possibilità di infanzia. Lo spettacolo si concentra soprattutto sulla vicenda umana, spiando in profondità l'anima dei due adolescenti protagonisti e narrando, quindi, una vicenda che non ha confini né territori né tempo, ma al contrario possiede la stessa forza di un mito antico. La Storia lascia nelle vite dei due ragazzi un solco altrettanto incancellabile, anche quando diventeranno uomini. Ma esiste sempre una possibilità di riscatto: "Esiste un modo per tornare ad essere buoni".

Commenta su Facebook