cultura

Chiude i battenti la mostra dedicata a Umberto Prencipe. Successo di critica e di pubblico

mercoledì 14 gennaio 2009
La mostra “Umberto Prencipe, Paesaggi dell’anima” chiude i battenti registrando un buon successo di pubblico e di critica. L’esposizione aperta gratuitamente al pubblico per circa 3 mesi, 18 ottobre 2008 -11 gennaio 2009, ha infatti ottenuto il plauso e l’apprezzamento dei numerosi visitatori. Organizzata nelle nuove gallerie espositive di Palazzo Coelli, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto che ha promosso l’iniziativa, la rassegna monografica ha presentato 79 opere tra oli, disegni ed incisioni donate all’ente orvietano dalla stessa figlia dell’artista Giovanna Prencipe. Un excursus cronologico ha ricostruito l’estetica del grande maestro di origine napoletana legato ad Orvieto da un rapporto molto stretto e privilegiato. Un lirismo il suo dove il paesaggio diventa medium di una condizione esistenziale coinvolgendo ed attirando lo spettatore. Il picco č stato raggiunto soprattutto nel periodo delle festivitŕ natalizie, ma il trend generale č stato complessivamente positivo con una considerevole presenza di turisti italiani e stranieri. Non sono poi mancati gli appassionati ed i cultori del famoso pittore ed incisore del XX secolo attratti dalla eccezionalitŕ dell’evento che ha avuto una buona eco sulle testate nazionali e sulle riviste di settore. Molti tra i visitatori gli orvietani, interessati soprattutto all’iconografia del paesaggio cittadino. Particolarmente apprezzate l’intera selezione delle opere e la cornice di assoluto prestigio ed eleganza, la funzionalitŕ dell’esposizione e la chiarezza e completezza del percorso. La mostra-evento dedicata alla terza Collezione d’arte acquisita dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, dopo Pollidori e Frittelli, assumerŕ carattere di esposizione permanente e sarŕ visitabile su prenotazione. Note di merito anche per la prima monografia su Prencipe rientrante nella collana dedicata agli orvietani illustri, di cui la Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto si č fatta da tempo promotrice nell’ambito di un programma di politiche culturali a sostegno della valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 ottobre

Poker dell'Orvietana sul campo del Lama

Blocco Studentesco, sit-in contro "l'ostruzionismo della dirigenza al liceo Gualterio"

Unitus, via al Master "Crisis" su investigazioni e sicurezza

Gitana

Orvieto FC: vincono le ragazze del calcio a 5, sconfitta la prima squadra

Gnagnarini: "Auspico che Palazzo dei Sette torni ad ospitare i sette saggi"

Parcheggi in Piazza Duomo negati alle famiglie dei cresimandi di Fabro. Olimpieri (IeT): "Perchè?"

Un'autoambulanza per i cittadini. "La Locomotiva" chiede il supporto delle associazioni

Donato un servizio di ceramiche all'istituto alberghiero di Amatrice

"Metti via quel cellulare", a casa Cazzullo un confronto tra generazioni

Tornano "I Giorni dell'Olio Nuovo". Anteprima, "I segreti dell'ulivo. Dalla coltivazione alla raccolta"

"Rifiuti tossici, le dichiarazioni del sindaco Germani non bastano"

Vetrya Orvieto Basket di autorità sull'Atomika

Tutti in piazza a San Vito per festeggiare le cento primavere di Cesarina

Rafael Varela realizza un quadro per i trenta anni dell'Associazione "Piero Taruffi"

Interregionale Gpg di Scherma ad Ariccia. Vince Rocchigiani, terze Tognarini e Urbani

Fine settimana a tutto rugby per l'Orvietana

A Foligno i pensionati della Cisl puntano sul territorio e sulla formazione

"Chi legge naviga meglio". Anche un omaggio ad Anna Marchesini per "Libriamoci"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 17

Premio Vetrya per la migliore tesi di laurea sulle applicazioni di intelligenza artificiale nell'industria 4.0

Confagricoltura rinnova le cariche, Giuseppe Malvetani confermato presidente

Progetto EVA+, attivo il distributore di elettricità per la ricarica veloce dei veicoli

Le akebie di Bianca

Juniores regionale di calcio a 5, reso noto il calendario

Regione Toscana e 13 Comuni firmano il protocollo d'intesa per il rilancio dell'Amiata