cultura

Cristalli di splendore in un mondo alla rovescia. Così "La strega poeta" di Laura Ricci

sabato 22 novembre 2008
di Ornella Cioni
Quando leggo il testo di qualcuno che conosco mi sembra, mentre leggo, di sentire la sua voce e il suono di quella si mescola ai ricordi di situazioni, di frasi, di discorsi scambiati con la persona, a volte molto tempo prima. E la risata squillante di Laura, ironica e irridente, mai aspra, ci che mi risuona per prima leggendo La strega poeta. Sul filo sottile di chi ha fatto della rilettura una pratica culturale e politica, lautrice ci conduce infatti, nella prima parte del testo, tra figure della classicit e della storia suggerendoci capovolgimenti di sguardo per disvelare quanto incredibile come lamore inganni, quanti siano gli incontri mancati tra uomini e donne nel mito, nella storia, nelle nostre vite. Ma intanto ci offre tracce per percorrere nuove strade e costruisce una genealogia: da Penelope, che non pi aspetter tessendo la sua tela, a Giovanna dArco, che si ricongiunge alla madre chiedendo abiti da donna al grande inquisitore. Ci fa intravvedere la speranza di compiere, sorelle e non pi nemiche, quella tanto procrastinata gita al faro, ci fa baluginare il miraggio che, invece dei mille appuntamenti mancati, uomini e donne, interi e intere, possano scambiare doni, di ritorno ognuno dai propri viaggi. Una forza nuova va scoprendo la strega poeta di pari passo a una consapevolezza pi atroce della vita e dei suoi vincoli temporali: dieci anni fa avrei piantooracomposta osservo. In re minore ci canta il dolore del mancato incontro, del mancato ascolto, ma nel movimento ripetuto di volgersi indietro alle proprie origini e senza mai staccarsi dal ciclo della natura, che sempre nuovo ritorna, trova risposte a domande esistenziali e strategie di vita. Rintraccia lorigine della propria forza tenace, un padre poco maschile e una bisnonna divinante, misura in s la stessa forza di una pianta, che ferma si attanaglia al suolo, affonda le radici e succhia la vita. Anche se fredde stelle e una luna muta sembrano restare insensibili e sorde alle note dondolanti e soavi che innalza nella notte, lei ormai sa che una donna raddoppia le sue forze se vive sola. Ci conduce con s tra i ricordi buoni del mondo materno, dove il cotone era cotone, la lana infeltriva e si portavano gli abiti che sfuggivano a sorelle e cugine pi grandi. Ci mostra i doni preziosi delle amiche, la sapienza di sopravvivere senza noia con piccole cose fino al disgelo, per rivelarci un altro punto di coagulo nella fatica del vivere quotidiano: rivendicare il diritto di essere gentili. Ma non questo un atteggiamento facile, richiede anzi di essere disposti a movimenti pericolosi come capriole, acrobazie, danze e lessere fedeli al salto mortale dellinterezza. La strega poeta ancora pi apertamente ci disvela i suoi segreti: quella che vuole luccicare in perle iridescenti le briciole, le lacrime in cristalli di splendore, la maga dolorosa delle parole, lesorcista dei segni, colei che sa che la libert non loasi, non il porto. E colei che ha consumato mille passi nel deserto, ha veleggiato pericolosamente nella tempesta e adesso pu nominare anche la morte, pu chiedere a chi ama di aiutarla a morire, perch anche se adesso della morte ha la forza di parlare, sa che quando giunger quello sar il silenzio/ n pi dolore n bellezza. La vita per per ora continua e torniamo alle pagine che precedono il testo per rintracciare un ulteriore messaggio. La vita si manifesta talvolta beffardamente nel disordine o nella magia di un mondo alla rovescia e, per cogliere tali epifanie, solamente ci possono guidare la saggezza dellattesa e il saper voltar pagina, atto metaforico, e quello reale del ripetuto gesto che accompagna e rinnova lamata lettura. Il percorso di ricerca della strega poeta dedicato alla cara amica Eloisa.

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio