cultura

La post-lettura di Guido Barlozzetti

venerdì 21 novembre 2008
Il sole braccato, mai rischiarante l’intero giorno. Quell’immagine esce dalle pagine della strega poeta e, prima di fissarsi in una memoria, nell’emozione di una memoria – come dice lei - si impone con la sua presenza interrogativa. E, nelle circonvoluzioni segrete che la lettura intrattiene con – dentro? – un testo, si impone e diventa segno di un gioco di segni. Il sole braccato che lotta per esplodere nella totalità della sua fiamma e non ci riesce, assediato, forse minacciato, perché basta una nuvola ad affievolirne i raggi e perché quel bagliore si tocca col bordo della notte. E’ lì che si aggira la strega poeta. Figura di un lavoro. Emblema di una possibile metamorfosi, Caronte che vorrebbe traghettare dalla realtà all’immaginazione. Quel sole braccato - e il fantasma del nero in controluce - nascondono e rivelano. Ma la loro epifania non ha a che fare con un territorio, con una mappa cartesiana, una geografia con longitudini e latitudini ordinate nel tempo e nello spazio. Non ci troviamo in un panorama, seppur contrastato, ma sul bordo di un’intersezione che è un punto di vista, quasi una faglia su cui le differenze si toccano e fanno attrito. Varco che manifesta la mancanza che fa nascere il linguaggio, contatto che genera la parola. Crepitante e piegata su se stessa, rumorosa e impercettibile, mai piana, volgare, banale. Ovvia. Quella linea coincide con la scrittura. Fantasmagorica, cangiante, ambigua, mutevole. Sospesa tra il volo fiducioso verso il cielo e il rischio temuto – forse provato - dell’abisso, tra il giallo dell’autunno e il germoglio vibrante di primavera. E’ il diagramma dei sensi e delle illuminazioni della strega-poeta, la sua costrizione e la sua libertà. Di volta in volta, quell’angelodemonio dà – si dà – l’illusione di fermarsi, di chiudere un senso, ma solo per sentirlo attraversato dal pulsare di ciò che lo nega, solo per avvertire che l’altro sta inesorabilmente arrivando. Ora si concede alla pazienza dell’attesa e le parole che tornano alla bonaccia del letargo, tese all’ascolto, “indagano per divenire freccia il nuovo tendersi dell’arco”. Ora si consegna tutta alla forza inarginabile ed esaltante dell’amore, che è sacrilego contrastare. Ora si ripiega, dopo l’accensione fino all’orgia, nella ricerca di una misura, di una mediazione, di un’umiltà del vivere. Il porto e la tempesta, l’illusione di una saggezza che rassicura e il moto improvviso che rapisce e squassa. La poesia in questi versi è stregonerìa. E viceversa. L’incanto non si dà che con l’incantesimo. Il fluire delle emozioni, che si rovesciano addosso e possono trafiggere l’anima, convive con quella pratica misteriosa, febbrile e raggelata, del linguaggio. Ma non si tratta – anche quando viene annunciato, detto - di un programma o di una dichiarazione d’intenti. La poesia è dentro di sé magìa, per quello che è e per quello che può fare. Non si limita a contemplare, ma si pone su una fessura che può essere lacerazione, ferita, piacere. Ed è attorno a quel taglio che quell’esserino infero e celeste non cessa di offrirsi al suo insaziabile vizio, trasportata dalle parole e insieme ardita al punto di sottomettere ad esse la vertigine sempreuguale e scheggiata della realtà. Veggente e profeta, quella creatura ondivaga, insetto coscienzioso che consuma la sua parabola tra fiore e fiore, sente su di sé la fatalità delle cose, il loro eterno ritornare nello stesso punto, ma ne vive ogni attimo come se fosse il primo o l’ultimo, la cellula germinale o l’alito estremo. Anche la strega poeta è sottoposta al dominio del tempo, ma ha il potere di attraversarlo, scomporlo, rovesciarlo. Può contemplare la linea o la spirale della vita, spezzarne la retta, invertirne la direzione e polverizzarla fino a concentrarsi su un istante. Avanti e indietro, ricordi che diventano visioni e futuro che ritrova un passato. Desiderio e pace. E quel potere è anch’esso una necessità, ma di libertà. Lei lo dichiara. “L’ostinazione della poesia”. E se ne assume l’onore oneroso, perché il gioco è inseparabile dal dolore. La poesia salva ma non perdona. E’ un destino inseparabile dal rischio, che gli antichi riconducevano all’entusiasmo di un’etimologica immedesimazione nel dio. Per questo, mortale. Si sente in questi versi, si sente che la magia si esercita su un fondo sofferto, a volte alluso, con il liquore della nostalgia e l’amarezza per un cerchio che non si è chiuso. L’avvolge un’oscurità che cerca di dirsi o di essere detta, di superare la barra che separa il corpo dalla parola. Come il parto difficile di una farfalla che anela ad uscire dall’involucro della crisalide e spera di levarsi sulla pesantezza opaca del mondo. Svolazzare secondo traiettorie mai euclidee, spandendo ovunque la polvere magica delle sue parole d’ordine, “la commozione della tenerezza/ la capriola sublime della bellezza/ l’acrobazia difficile della semplicità”, “la magica centrifuga” che trasfigura la “tritabanalità”. E, alla fine, arriva – esplicita, esibita senza timori e reticenze – la confessione che si rovescia su tutto il percorso. Quasi fosse il climax di una narrazione, perché – se ne ha a un certo punto l’impressione – queste poesie sembrano i frammenti di un percorso da ricostruire, i resti o i barlumi di una storia che forse, prima o poi, dovrà essere raccontata. O che, invece, come ripercorsa da un “dopo”, non abbia altro modo di dipanarsi se non nelle stanze separate e ambigue della poesia. Alla fine, la strega poeta si dichiara e offre la carta dell’isola del suo tesoro, trappola e tangente del desiderio. Svela l’ossimoro che la costituisce. “L’esorcista dei segni l’angelo decaduto ribelle senza spada dell’amore”. Un passo prima dell’immagine della vecchiaia, anticipata retrospettiva che si chiude sul silenzio.

Questa notizia è correlata a:

Il mondo altro della poesia. A Venti Ascensionali Laura Ricci presenta la sua ultima raccolta poetica

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

Nel "borgo magico" di Calcata, con Asds Polisportiva Castel Viscardo e Armata Brancaleone

Fermati tre ventenni all'uscita del supermercato con merce appena rubata

On line il primo numero del 2018 del periodico aziendale di informazione sanitaria "Usl Umbria 2 inForma"

All'Unitre riprende il Laboratorio di Pittura guidato da Donato Catamo

Regionali 2018, parte il viaggio di Bigiotti attraverso borghi e bellezze della Tuscia

Lo minaccia con il coltello e gli porta via l'incasso giornaliero

Umbria presente a "Winter School 2018. L'agenda sul futuro della sanità italiana"

Recupero evasione Imu, Orvieto al secondo posto tra i 16 Comuni umbri con oltre 15.000 abitanti

Sporcizia e siringhe vicino alla Casa dell'Acqua di Ciconia

Corsi serali all'Istituto Cardarelli. Un gruppo di alunni a Roma dal ministro Fedeli

"Gli Ebrei sono matti" sul palco del Teatro Boni

"Gli Psicodrammatici" mettono in scena "Il senso di colpa"

Procedura di Via. Sacripanti (Gm): "Questo è Germani, questa è la sinistra che ci governa"

Buono servizio sostitutivo del trasporto scolastico per le scuole dell'infanzia

"Vette in Vista", quando il cinema incontra la montagna

"A 80 anni dalle leggi razziali". La Regione ricorda la tragedia della Shoah

Zeno (Pci): "La città si svuota e il sindaco se ne fa una ragione"

Federalberghi: "Le risorse derivanti dall'imposta di soggiorno siano destinate allo sviluppo del turismo"

Toni e Peppe Servillo tornano al Mancinelli con "La parola canta"

Sostegno a domicilio per anziani e disabili, in pubblicazione i bandi

Assistenza sociale fittizia, le Fiamme Gialle portano alla luce oltre 4 milioni di euro di evaso

Esercitazione tecnico-tattica per i marescialli con specializzazione "Sanità"

Nuova geografia giudiziaria, Montegabbione e Monteleone con Orvieto

Testimonianze al Teatro Concordia per la Giornata della Memoria

"Vino made in biologico". Convegno all'Istituto Agrario "Ciuffelli"

Festa del Tesseramento per l'Associazione Andromeda

Orvieto FC, prima squadra nella tana del Cannara

L'allenatore Matteo Solforati valuta i progressi della Zambelli Orvieto

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce