cultura

Il nuovo corso della Galleria zerotre dall'affascinante sede dei vecchi magazzini Seccafieno

sabato 23 giugno 2007
Mentre continua a Orvieto, nella nuova sede della Galleria Zerotre (Via Di Loreto, 5) “Frequenze rituali”, l'esposizione di Marion Forssell e Valentina Crivelli, l'Associazione culturale zerotre ha inaugurato proprio oggi, presso il Palazzo della Corgna a Cittŕ della Pieve, una mostra dello scultore Marco Perli, “L'attesa”. La mostra č organizzata dall’Assessorato alla Cultura di Cittŕ della Pieve, curata da Liliana Grasso ed allestita dall’architetto Vanessa Correro. Ventidue sculture, di cui sei grandi e 16 di media e piccola, che hanno in comune lo sforzo dell’artista per ritrovare e poi perdere l’identitŕ corporale. Solo volti e mani permettono loro d’esprimersi perché il corpo si mimetizza nella geometricitŕ della materia. I materiali utilizzati sono la sabbia, la creta ed il legno lavorati in modo da rievocare un marmo polveroso ed arcaico quasi che le sculture, pur essendo espressione di un’arte attualissima, provenissero da molto lontano e parlassero un linguaggio antico. Marco Perli, nato a Caracas, si č diplomato all’Accademia di Belle Arti di Perugia e, da alcuni anni, vive in Umbria dove lavora come scultore e fotografo. “Perli ha scelto il linguaggio lento della scultura – scrive Liliana Grasso - e appartiene a quella scuola di scultori contemporanei che hanno scelto la tradizione figurativa assimilandola prima e poi usandola con libertŕ e naturalezza. Questo atteggiamento nei confronti della tradizione permette a Perli di affrontare la contemporaneitŕ con la consapevolezza che, con lo strumento della tradizione, egli č chiamato non a rievocare il passato, ma a raccontare il suo tempo, a dare significato e forma agli argomenti ed alle istanze dei nostri giorni. Ecco allora le sue sculture, creature che abitano luoghi di frontiera sospese fra il presente e il futuro. Creature ambigue, molto antiche e allo stesso tempo molto moderne, figure modellate dai venti e dalle piogge in un luogo senza tempo. Immobili, assorte, in ascolto di un messaggio misterioso che sembra giungere dall'infinito. Testimoni di un mondo lontano anni luce dalla nostra epoca, che pure con la loro fioritura di umanitŕ sono a noi vicinissime. Marco Perli trasferisce nella pietra, nel legno o nella creta un mondo interiore fatto di riflessioni; ci conduce ad osservare la dimensione del tempo vissuto e delle sue figurazioni nell’anima. Ci trasporta in una dimensione in cui il tempo dell’attesa e quello della speranza ma anche il tempo della noia e della malinconia, della vecchiaia e della giovinezza, sono le strutture portanti della condizione umana.” Per tornare a Orvieto, da sottolineare che il nuovo corso della Galleria zerotre ha permesso la lodevole riqualificazione di un ambiente di antico e popolare valore: il vecchio magazzino di frutta e verdura “Seccafieno”, che mantenendo le sue originarie peculiaritŕ č tornato a pulsare di nuova e diversa vitalitŕ, rivelandosi un luogo quanto mai adatto a una galleria d'arte che ambisce ad essere, anche, un punto di piů vasto riferimento culturale. La mostra di Marion Forssell e Valentina Crivelli merita davvero una visita. Innanzi tutto per il pregio delle due autrici e per il loro singolare contrasto: le entusiaste esplosioni di colore di Marion da un lato, “straordinarie” e certamente fuori della quotidianitŕ; i rituali quotidiani, domestici e sacrali, misurati e silenziosi di Valentina dall'altro. E in secondo, ma in non meno importante luogo, per godere della nuova, affascinante funzione dei vecchi magazzini. Nella foto il gruppo portante dell'Associazione zerotre al momento dell'inaugurazione della nuova sede della galleria. Ai lati le artiste Marion Forssell (con l'abito a fiori) e Valentina Crivelli (in jeans).

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità