cultura

Convegni di Studi sull'Etruria. Dal 24 al 26 novembre 'Etruschi, Greci, Fenici e Cartaginesi nel Mediterraneo centrale

mercoledì 15 novembre 2006
Dal 24 al 26 novembre presso la Sala dei Quattrocento del Palazzo dei Congressi si svolge la quattordicesima edizione dei Convegni Internazionali di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria. Il tema scelto per l’anno 2006, di ampia portata e prettamente a carattere storico, è "Etruschi, Greci, Fenici e Cartaginesi nel Mediterraneo Centrale". Al centro dell’attenzione vi è il ruolo svolto dagli Etruschi nel Mediterraneo e i rapporti instaurati con le altre popolazioni, in particolar modo con i Greci e i Fenici. Verranno presi in esame, sotto diversi punti di vista, gli intensi scambi commerciali e culturali. I lavori si apriranno nel pomeriggio di venerdì 24 novembre con i saluti di Isidoro Galluccio, Presidente della Fondazione Faina, di S.E. Giovanni Scanavino, Vescovo di Orvieto-Todi, e di Stefano Mocio, Sindaco di Orvieto. L’incontro proseguirà con un intervento di Giovanni Pugliese Carratelli (Accademia dei Lincei), con le relazioni di Giovanni Colonna (Università degli Studi di Roma “La Sapienza”), di Federica Cordano (Università degli Studi di Milano) e di Giovannangelo Camporeale (Università degli Studi di Firenze). La giornata di sabato 25, divisa in due sessioni, vedrà gli interventi dei protagonisti diretti delle ricerche, tra i quali ci si limita a segnalare quelli di Francesco Roncalli (Università degli Studi “Federico II” di Napoli), Carmine Ampolo (Scuola Normale Superiore – Pisa), Adriano Maggiani (Università degli Studi di Venezia) e Laurent Haumesser (École Française de Rome). La mattinata di domenica sarà caratterizzata soprattutto dagli interventi di Marisa Bonamici (Università degli Studi di Pisa), Maria Bonghi Jovino (Università degli Studi di Milano) e Simonetta Stopponi (Università degli Studi di Macerata) che presenterà in anteprima i risultati della campagna di scavo 2006 presso la località Campo della Fiera. Sarà l’occasione per discutere tra studiosi di alto livello la tesi dell’ubicazione del Fanum Voltumnae in Orvieto. Il Convegno come da tradizione è organizzato dalla Fondazione per il Museo “Claudio Faina” in collaborazione con il Comune di Orvieto. Nell’occasione saranno presentati anche gli Atti della precedente edizione dei Convegni, che era incentrata sul tema "Gli Etruschi e il Mediterraneo. Commerci e politica".

Il Programma del Convegno

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"