cultura

Grande chiusura di Cantine & Chef alla ribalta con Le Velette e Antica Cantina

lunedì 21 agosto 2006
Dopo la “serata delle meraviglie” di venerdě 18 (autentica celebrazione delle glorie enogastronomiche di territorio) torna Cantine e Chef alla ribalta con una proposta memorabile per chiudere in bellezza la kermesse del gusto dell’estate orvietana. Per la sesta e ultima settimana di “Cantine e Chef alla ribalta”, l’evento enogastronomico del Palazzo del Gusto dedicato ai vini e alla cucina di territorio, la “Tenuta Le Velette” č la cantina protagonista dal 21 al 27 agosto: oltre cento ettari di vigneto a dimora e una cantina orchestrata da un’enologa, Gabriella Tani, di grande eleganza. Tre i vini in degustazione presso l’Enoteca Regionale / Palazzo del Gusto di Orvieto dalle 11 alle 13 e dalla 17 alle 19 dal lunedě al venerdě. Il primo, Berganorio 2005, č un Orvieto Classico proveniente da un vigneto di circa 30 anni. Le varietŕ costituenti sono quelle previste dal disciplinare “antico” (Trebbiano 45%, Grechetto 25%, Verdello, Malvasia, Drupeggio 30%) con una produzione che non supera i 95 q.li per ettaro. Il Berganorio esprime in maniera esemplare la tradizione dell’Orvieto secco: un vino a tutto pasto, fresco e armonico, fruttato e di buona complessitŕ. Il Velico 2005 (Umbria IGT), si compone in prevalenza di Chardonnay (60%) e Grechetto (20%), completato dalle varietŕ dell’Orvieto Classico (Trebbiano, Drupeggio, Malvasia, Verdello). Il Velico puň essere chiamato a rappresentare l’evoluzione dei bianchi orvietani a verso la qualitŕ e la complessitŕ organolettica. Le basse rese per ettaro (50 q.li), la criomacerazione per 12 ore e l’elevazione in barriques di Allier per 4 mesi sono gli ingredienti di un vino dal gusto pieno e di buon corpo, con piacevoli toni agrumati (pompelmo rosa) e floreali. L’Accordo 2004 č un Sangiovese in purezza di grande personalitŕ, bellissima espressione della potenza degli autoctoni. Anche in questo caso le basse rese per ettaro e la sosta in barriques per dodici mesi armonizzano la solaritŕ e la potenza di un vino che esprime le tinte profonde di una perfetta maturitŕ del frutto contrappuntate dalle note speziate e balsamiche del rovere. Appuntamento clou, com’č ormai costume, č la cena di venerdě 25 agosto (20.30) presso il Palazzo del Gusto di Orvieto. Lucia Gismondi, dell’Antica Cantina, č lo Chef alla ribalta. Firma autorevole della cucina di territorio, Lucia nemmeno questa volta ha voluto rinunciare al suo stile, generoso, appassionato e sensibilissimo alle peculiari identitŕ delle “materie prime” (che poi č una sapienza fatta di “ascolto” dei sapori e degli aromi…) Per informazioni e prenotazioni: 0763 393529 / 0763 341818 347 9125494

Il menů della cena di venerdě 25 agosto

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità