cultura

Tra cultura, tradizione ed enogastronomia i Cavajoli festeggiano la Madonna della Cava

giovedì 25 maggio 2006
Ritorna nelle giornate di sabato e domenica 27 e 28 maggio il classico appuntamento con la tradizionale festa della Madonna della Cava, che unisce come ogni anno il sacro e il profano nel quartiere pi antico di Orvieto. Pur rimanendo fedele al palinsesto ormai consolidato, l'Associazione Culturale La Cava e i Cavajoli - a cui il parroco Don Enrico Bartoccini ha affidato i festeggiamenti civili - proporr diverse novit. Perci, accanto alle due irrinunciabili serate di ballo in piazza Malcorini e alla tradizionale porchetta degli artigiani, questanno il programma enogastronomico vedr in scena la frittura, cos, anche grazie ad una collaborazione col Palazzo del Gusto, si potranno assaporare lattarini, verdure e cicale, accompagnati da formaggi e prodotti tipici locali. Lassociazione, il cui scopo non si esaurisce alla realizzazione della festa, ma vuole valorizzare e promuovere lantico rione della Cava, ha anche organizzato un paio di appuntamenti culturali nella zona di Porta Maggiore: una mostra di foto depoca del prezioso archivio del maestro Mauro Sborra e un incontro con lautrice di Fronte della Fame, in cui si raccontano le vicende del fronte di liberazione nelle campagne orvietane. Oltre allautrice del libro, la orvietana Santina Muzi, parteciper allinsolito e rustico salotto culturale, anche il poeta e critico Mario Mazzantini. Naturalmente il clou della festa sar costituito dalla processione della domenica pomeriggio, che questanno si svolger lungo un percorso ancora pi esteso, passando per Via Garibaldi, come era in origine e come non succedeva ormai da oltre trentanni. Nei due giorni dei festeggiamenti, per chi viene da fuori possibile parcheggiare gratuitamente nel piano superiore del Parcheggio di Campo della Fiera. In correlata il programma delle manifestazioni.

Il programma della Festa della Madonna della Cava

Commenta su Facebook