cultura

Note biografiche su Sergio Sorgini

giovedì 25 maggio 2006
Nato a Roma, vive e lavora a Verona. Dopo un noviziato come autore di fumetti per “Il Vittorioso”, “Il Giornalino” e ”L’Intrepido”, Sergio Sorgini si dedica all’illustrazione di libri di carattere storico e narrativo (ed. "Paoline", ed. “ La Scuola”). All’inizio degli anni ’60 si impone come uno dei maggiori cartellonisti cinematografici per "Universal Paramount" e "Metro Goldwin Mayer". Contemporaneamente inizia a dipingere, esponendo in numerose gallerie (tra le altre alla “Galleria Cinquetti” di Verona, e alla “Galleria Cortina” di Milano). Collabora anche con la “Galleria Marescalchi” di Bologna vendendo numerose opere a collezionisti italiani e stranieri. E’ prevalente e significativa la produzione grafica, caratterizzata da disegni, spesso acquerellati, caratterizzati da un segno forte e da un realismo estremo che lo avvicinano alle esperienze di realismo esistenziale che hanno un ruolo importante nell’arte italiana degli anni ’60 e ’70. L’attivitŕ di Sorgini affronta non episodicamente anche i territori della ceramica, dell’incisione e della scultura tout court.

Questa notizia è correlata a:

Le donne di Sorgini metafora del tempo che scorre. Un'antologica del maestro a Palazzo dei Sette

Commenta su Facebook