cultura

Terzani padre racconta al figlio il grande viaggio della vita

lunedì 24 aprile 2006
di Davide Pompei
“E se io e te ci sedessimo ogni giorno per un’ora e tu mi chiedessi le cose che hai sempre voluto chiedermi e io parlassi a ruota libera di tutto quello che mi sta a cuore, dalla storia della mia famiglia a quella del grande viaggio della vita? Un dialogo tra padre e figlio, così diversi e così eguali, un libro testamento che toccherà te e me insieme. Fai presto, perché non credo di avere molto tempo”. La lettera, firmata Tiziano Terzani, è indirizzata al figlio che dall’America, dove sta girando un documentario, si precipita sull’Appennino Pistoiese, nella casa di Orsigna per trascorrere col padre i suoi ultimi mesi di vita. Nasce così “La fine è il mio inizio”, l’ultimo grande regalo del guru fiorentino che venerdì 28 aprile alle 18:15 verrà presentato al Palazzo dei Sette nell’ambito della rassegna letteraria “Il Libro Parlante”, dalla moglie Angela e dal figlio Folco, regista cinematografico che ha realizzato, tra gli altri, il documentario su Madre Teresa di Calcutta, recentemente visto sulle reti Rai. Non una pubblicazione postuma (il grande giornalista e scrittore è morto il 28 luglio 2004) di un manoscritto ritrovato in un cassetto, ma un testo nuovo, frutto di tre mesi di intense conversazioni familiari, davanti a un registratore, tra racconti e riflessioni mistiche, ma anche risate e risposte alle curiosità, trascritte con affetto. Continua ad affascinare e sudare saggezza la bianca barba del sognatore, che sta conoscendo un nuovo boom editoriale in questo terzanico millennio: Jovanotti ha dedicato ad Anam il suo ultimo album “Buon Sangue”, la Rai ha appena chiuso gli accordi per realizzare un film tratto dal suo volume più noto “Un indovino mi disse” e, Longanesi spopola in libreria con questo lungo dialogo tra Babbo (nel libro sempre scritto con la maiuscola, come Mamma) e figlio, il quale ha impiegato più di un anno a trascriverlo, sistemarlo, organizzarlo, pulirlo e scegliere le foto vecchie e nuove che accompagnano ogni capitolo. Il risultato è un corposo volume di 470 pagine, la storia di un uomo che per tutta la vita ha inseguito la felicità e l’ha trovata vivendo la sua malattia, un cancro (anzi quattro) che lo ha tolto al mondo a 66 anni. “Alla fine non sono più niente, non voglio essere più niente, non cerco di essere niente. Non sono più Tiziano Terzani. Vivere una vita per diventare nessuno è un po’ strano. Io sono stato tante cose, ma alla fine non sono nessuno”. Con queste umili righe firmate Anam il senza nome ha chiesto di essere cremato. Pagina dopo pagina, riaffiorano i ricordi sepolti, gli episodi sopiti e mai raccontati. Folco e con lui il lettore rivivono il film di una vita intensa, un grande viaggio attorno all’uomo figlio del mondo. L’infanzia poverissima (da bambino andava in centro coi genitori, a vedere i ricchi mangiare il gelato), il bagno domenicale fatto da ragazzino nelle tinozze e le gite con il nonno nell’amata Orsigna, gli studi brillanti fino agli anni pisani del collegio medico-giuridico, il lavoro alla Olivetti, i primi passi nel giornalismo con Il Giornale del Mattino, L’Astrolabio, Il Giorno e Lo Spiegel, le collaborazioni con quotidiani e settimanali, l’incontro con Angela, l’amore di una vita con cui condividere tutto fino alla fine. E poi Terzani il viaggiatore, il sognatore utopico e la sua avventura asiatica, lo studio del cinese, il libero girovagare dal Vietnam alla Thailandia alla Cambogia, dalla Birmania alle Filippine, dalla Cina al Giappone all’Unione Sovietica, fino all’India e alla pace himalayana. In mezzo i suoi miti, l’amara constatazione di tanti fallimenti degli ideali che lo avevano animato. “Il giornalismo oggi – diceva – ha ancora un senso se uno ha il coraggio di farlo come vuole lui, e non come gli viene imposto”. In mezzo i suoi libri, di guerra e di pace. Il Terzani corrispondente che visse ben trent’anni in Asia prima di decidere di isolarsi nel suo ultimo rifugio, la gompa di Orsigna, una piccola casetta di legno, tre metri per due, adorna di cose tibetane dove studiare, meditare, riposare e sulla cui porta aveva affisso il messaggio “Ogni visita è sgradita. Senza eccezioni”. Se era tempo bello parlava sul prato, sotto un acero, altrimenti si rifugiava nella gompa. Quando non lavorava Terzani se ne stava in silenzio, a guardare i monti, le foglie degli alberi, un cuculo curioso. Gli ultimi due giorni li ha trascorsi muto, fino a quando davanti a tutta la famiglia se ne è serenamente andato. Era preparato all’idea della morte, non lo preoccupava perché ci conviveva, liquidandola a colpi di risatone scaramantiche. Alla parola “morire” preferiva l’espressione indiana “lasciare il corpo”, così come all’impegnativo termine “felicità” prediligeva la più modesta “contentezza”. Il suo sogno era scomparire come se non ci fosse mai stato il momento del distacco, partire senza rimpianti, senza dolore, senza paura. Per provare a vincere i suoi quattro cancri si affidò sia ai migliori centri oncologici, sia ai santoni d’Oriente, dando però in definitiva più fiducia alla scienza, ma con la consapevolezza di giocare i tempi supplementari e la certezza che nulla sarebbe stato più come prima. L’emblematico titolo del libro, quasi una riflessione eraclitea, è collegato a una concezione del mondo che si è radicata progressivamente in Terzani, quella della condizione circolare del tempo, come un vecchio che ha giù vissuto tutto, il ripetersi delle medesime cose, al punto che il principio e la fine non sono diversi, ma coincidono. Ora che ha smesso di agitarsi in mezzo alla gente, guardando dritto negli occhi miserie e ingiustizie del mondo, denunciando l’inutilità di tutte le stragi sconosciute e inascoltate del pianeta, ha lasciato figlio e moglie a predicare per il mondo il Terzani-pensiero e ha invitato il mondo a raccogliere la sua vera grande eredità. “Lascio un libro che forse potrà aiutare qualcuno a vedere il mondo migliore e la vita in un contesto più grande”.

Questa notizia è correlata a:

Tutti insieme appassionatamente. Con un fitto calendario il Libro Parlante diventa Kermesse letteraria

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 maggio

Addio a Sergio Riccetti, Orvieto piange il volto simbolo della città

Un ringraziamento all'Unità Spinale del Santa Maria della Misericordia

"Il Maggio dei Libri". Tre iniziative in arrivo per "leggere, e leggere ovunque!"

Giulio Basili, arriva da Porano il nuovo Valentino?

In Piazza della Pace si rinnova l'appuntamento con la "Fiera della Funicolare"

Germani: "Addio a una bella persona che ha rappresentato degnamente gli orvietani"

Serata jazz con Mauro Verrone & Friends

Si presenta il libro "L'Antilope e il Leone. Una vita da allergico"

Certamen Dantesco, al Palazzo dei Sette la premiazione del concorso

Gianfranco Gobbini tra i protagonisti de "L'Arte in Cucina". Dalla tela alla tavola, l'artista che dipinge con lo zafferano pievese

"Bimbi in cucina, mamme in classe". I più piccoli prepararano ricette locali

Il Comune pubblica il piano operativo conformato al Pit

"Orgoglioso di averlo conosciuto ed essergli stato vicino!"

"Sorgenti Cinematografiche" al Festival di Arte e Fede. Tutte le proiezioni in arrivo

Solennità del Corpus Domini 2018. Il programma delle manifestazioni, la disciplina della circolazione

Continua con successo la mostra "Magnifica Graeca. Capolavori greci dai magazzini dei musei dell'Umbria"

Giovedì 24 maggio alle 15.30 in Duomo i funerali di Sergio Riccetti

Nuova fototrappola per contrastare comportamenti illeciti nel conferimento dei rifiuti

Premiazione degli elaborati del Concorso di poesia e narrativa "Saverio Marinelli"

Firmato un nuovo protocollo d'intesa per il potenziamento dell'Ippovia Slow sulla Via di Francesco

Una nuova stagione per la sanità del Lazio. Panunzi: "Parte il ricambio generazionale"

Pagliara (Promotuscia): “Gli educational tour mirati sono uno strumento fondamentale di marketing territoriale"

Comitato sorveglianza Fse-Fesr 2014-2020. "Puntare su qualità investimenti ed efficacia risultati"

"Il gesto di Emos fa onore a lui e anche alla nostra comunità"

Taglio dell'erba nella zona di San Giovanni e Piazza Malcorini

Attesa finita, apre al pubblico la Tomba dei Demoni Azzurri

"Cantine Aperte" compie 25 anni. Festa "open air" insieme ad Airc nelle vigne

"Madonna della Cava", festeggiamenti 2017 concentrati in una sola domenica

"Fremito d'Ali", tra arte e natura all'Oasi WWF Lago di Alviano

Cascata delle Marmore, scoperta una nuova grotta

Comitato Risparmiatori: "Fondo di solidarietà BpB, apprezzabile ma non risolutivo"

Collaborazione fra CIA Umbria e Piemonte per la presenza in fiere e mercati di aziende delle zone terremotate

La FABI presenta i risultati dell'indagine "Quando lo stress diventa patologia?"

Presentazione del Meridiano Mondadori dedicato allo scrittore Luigi Malerba

Giustizia, la proposta di legge verso l'approvazione

A Sarnano vince il maltempo, Vezzosi lascia il trono per un soffio

Orvieto Fc. Secondo posto per la Categoria Juniores alla Coppa Umbria

Il Ministro dell'Interno Marco Minniti a Todi per parlare di legalità, sicurezza e giustizia

Provincia, sit-in dei dipendenti per protesta contro i tagli

Nuova segnaletica turistica pedonale nel centro storico, installate le mappe

Incontro tra l'Amministrazione Comunale e il Console USA in Italia Tavenner

Per "Cantine Aperte" modifiche alla circolazione sulla strada vicinale del Romitorio

Modifiche alla circolazione, il mercato trasloca in Piazza Cahen

"La Tuscia e i suoi fotografi" al Disucom, appuntamento a Santa Maria in Gradi

Nuovi ruoli in casa Azzurra. De Fraia: "Onorata di lavorare con coach Romano"

Leonardo Cenci incontra i detenuti del carcere con il magistrato Nicla Restivo

"La scuola che piace a noi". Un esempio virtuoso di collaborazione

Zaira Marchesini, maestra d'ironia. Dopo il convegno Fidapa, l'intitolazione della Confaloniera?

Zaira

Madre e figlio trovati morti, gli inquirenti si affidano all'autopsia per fare luce sul mistero

Coppia felice, come sopravvivere alla nascita dei figli

Mancata approvazione del preventivo, arriva la diffida dal Prefetto

La Marini a sostegno della lista di Filippetti, evento alla casa del Popolo

Alleanza tra Umanità e Ambiente, chiude il ciclo di incontri di Nova Civitas

Salute e discarica, il caso Bagni: Germani: "La Usl dovrà fornire i dati"

Aree Interne: ok del consiglio al Preliminare di strategia

Teatro Mancinelli, festa di compleanno. E basta?

Punto di ascolto sui disturbi alimentari, via al corso di formazione

Allo Scalo chiuso per due giorni lo sportello Anagrafe e Ufficio relazioni con il pubblico

Progetto "Viaggio nella natura". I bambini diventano ambasciatori dell'ambiente

Processione religiosa del Corpus Domini. Disciplina della circolazione

Asili Nido a porte aperte. Tre appuntamenti per conoscere le attività degli asili nido del Comune

Luce nuova per il centro storico. Due giorni di lavoro per le squadre Enel

Festa della Repubblica del Vino alla Tenuta Vitalonga

"L'Abbraccio del Padre". Musical nella basilica dell'Amore Misericordioso

Degustazioni, musica e visite all'ipogeo etrusco della cantina Poggiocavallo

Intitolata a Luca Coscioni, la "Sala Studio" della biblioteca "Fumi"

Il Memorial "Coscioni" si fa in 7. Ecco le stelle dell'atletica leggera in arrivo

Nasce l'albo sostenitori Cittaslow. In Comune la presentazione del progetto

Nuova riunione di zona per l'associazione "Orvieto per tutti"

"The latin we need". Disponibile la versione inglese del saggio di Mario Tiberi

Johnny DalBasso in concerto. Live al Valvola per presentare "IX"

Escursione al Castello di Corbara con l'Asds Majorana

Identità e Territorio: "Risoluzione fa rima con restaurazione"

L'Unitre festeggia Shakespeare con "Sonetti in un pomeriggio di mezza Primavera"

Giochi pubblici a Sferracavallo e Ciconia, gli interventi del Comune