cultura

Moccia e la giovane Voglia di volare Tre metri sopra il cielo

lunedì 24 aprile 2006
di Davide Pompei
Aveva lasciato gli adolescenti di tutta Italia con un punto di domanda e il fiato sospeso, soffocato tra il riso e il pianto. I suoi lettori attendevano voraci di sapere se il bullo Step sarebbe mai riuscito a tornare l dove vivono gli innamorati, dopo essere stato scaricato dalla bella Babi. Finalmente, Federico Moccia arriva ad Orvieto, gioved 27 aprile alle 18:15, sul palco del Libro Parlante a Palazzo dei Sette per presentare Ho voglia di te, latteso seguito di Tre metri sopra il cielo uscito il 9 febbraio scorso e gi in vetta alle classifiche dei libri pi letti. Il nome dellautore magari dir poco agli over 50, ma la sigla 3msc gi un vero cult tra gli adolescenti. La critica non lha mai particolarmente osannato, ma sono stati proprio i giovanissimi, da sempre refrattari alla lettura, a farlo volare tre copie sopra tutti. Chi mai, allora, questo Federico Moccia? Lui risponde Io sono le parole che amo, le storie che racconto, gli amici pi cari che mi accompagnano in questa vita. Moccia figlio darte, non ancora famoso per essere riconoscibile in tv, ma da tempo abituato a starci dietro, autore televisivo, sceneggiatore e regista. Ed uno degli scrittori di best seller pi amato dai giovani, quello che a 42 anni li ha stregati per quel suo modo schietto e diretto di trasporre le loro emozioni, romanzando le luci di una Roma fiabesca, ma senza distaccarsi da ambientazioni, tempi e linguaggi di un vero quotidiano dove assai facile rispecchiarsi. A chi pensa che fare il seguito di un libro di successo sia unoperazione meramente commerciale, Moccia ribatte che c stata una richiesta di mercato, i mocciosi (i fan che affollano il suo blog!) volevano veder proseguire la storia. E le sue vicende spiazzano, aggrediscono, accarezzano, favoleggiano intrighi senza tempo che appassionano tante generazioni sul sentimento pi celebrato di ogni tempo, lamore che fa sobbalzare i cuori dei giovani che lo sperimentano per la prima volta e i meno giovani che si rivedono trasognati ed errabondi, come solo a sedici anni si . In Ho voglia di te Step, tornato dalla vacanza-esilio in America, cambiato, pi maturo, forse con meno sogni, ma sempre impulsivo, con il pugno diretto, preciso, con tutto il mio peso e la mitica Honda Vf 750 Custom. Babi che nel primo libro era la protagonista assoluta, la ragazza di buona famiglia che va alla scuola privata in divisa, nel sequel (con dispiacere di molti) quasi secondaria e finisce per essere come quella borghese ipocrita di sua madre. Gli amici sono sempre gli stessi, ma arriva la divertente Gin, una bulletta carina e dal cuore buono e tutto ricomincia, ma non nel modo scontato in cui ci si potrebbe aspettare. Ho voglia di te tutta unaltra storia con una sua forza, una complicata vicenda damore (ma anche molto sesso, tanto che la casa editrice ha suggerito di tagliare scene troppo forti), c Battisti, ma anche tanto Cremonini e Ramazzotti. Un Giulietta e Romeo moderno, denso di tematiche prettamente giovanili(stiche), eterne e ricorrenti, come la prima volta e la difficolt di stare insieme, ma anche il rapporto di odio-amore con genitori e amici. Scomparso il fondale della scuola, emerge la difficolt ad inserirsi nel mondo dello spettacolo tra lusinghe e inganni. Immancabile, poi, la scritta finale sul muro. Il mondo degli adolescenti lo affrontano in molti, ma solo in pochi per loro. Forse perch difficilmente si riesce a dar voce a una generazione ancora in cerca della sua e la responsabilit aumenta se lautore classe 63. Ma Moccia riesce a far sognare i giovani, scoprendo che la loro voglia di emozionarsi non poi tanto diversa da quella di chi li ha preceduti. I suoi romanzi celebrano il valore della forza come arma vincente e dellamore come premio (c qualcosa di trucidamente omerico in questi ragazzetti!). Conduce con destrezza le sue storie, giocando a mescolare il mlo a un Freud di quartiere. Forse Chicco e Pallina a tratti arrancano, sanno un po troppo di tv, la pelle del liceale medio piena di brufoli e non scivola liscia sugli addominali perfetti. Gli occhi azzurri e puliti delle ragazze potevano pure essere un po meno ammiccanti e pi convincenti e i ragazzi camminare con i piedi un po pi sulla terra, ma di ruoli standard ce ne sono gi troppi nella realt e il bello dei libri anche quel tocco di poesia, no? Bisogna guardare quello che c intorno perch ogni tanto qualcosa ti zucchera la giornata filosofeggia Step e la storia continua a macinare palpiti e sofferenze con la leggerezza dei ventenni. Luomo che sussurrava ai teen ager riuscito, insomma, a lanciare di nuovo un confetto di piombo rovente sparandolo dritto tra gli occhi del novello lettore, spronandolo ancora una volta a leggere ed osare, a vivere e capire che dalle delusioni ci si pu riprendere. Coinvolgente, emozionante, a tratti commovente, Ho voglia di te scritto bene e difficilmente lascia indifferenti. Anche stavolta per non c un vero finale, Moccia lascia aperte le porte al terzo libro. E a quella giovane voglia di continuare a volare, restando sospesi, l dove solo gli innamorati vivono. Su su su, tre metri sopra il cielo.

Questa notizia è correlata a:

Tutti insieme appassionatamente. Con un fitto calendario il Libro Parlante diventa Kermesse letteraria

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"