cultura

E vissero felici e contenti... o forse no. Le spiazzanti favole di Roberto Vecchioni

lunedì 24 aprile 2006
di Davide Pompei
C’era una volta Cappuccetto Rosso. Eh già, una volta. Dite addio alla paffuta bambina che canticchiando attraversa il bosco per andare a trovare la nonna. Oggi la bimbetta si accorda con il cacciatore per rapinare il lupo dei suoi tesori e al tempo stesso far fuori l’anziana vecchia che non muore mai e non sgancia un solo fiorino. Spiazzati da questo dissacrante finale e incuriositi dalle altre inedite variazioni che fiabe e antiche leggende, da Cenerentola a Robin Hood, hanno assunto, gli affezionati del “Libro Parlante” potranno assistere alla lezione del prof. Roberto Vecchioni, che li riceverà tutti, sabato 29 aprile alle 18:15, al Palazzo dei Sette. Il noto cantastorie presenta, infatti, il suo “Diario di un gatto con gli stivali” uscito per Einaudi lo scorso 11 aprile. In 166 pagine riscrive a suo modo la morale di quindici famose storie che hanno allattato intere generazioni, rappresentando il volto più segreto dell’evidente realtà secondo la tecnica che già Borges ha utilizzato nel racconto “Il giardino dei sentieri che si biforcano”. Stanco della melassa dei lieti fini, dove i buoni sono sempre più buoni e i cattivi immancabilmente perfidi, Vecchioni saluta il buonismo zuccheroso di favole, che pure tanto buone non sono, divertendosi a far loro il controcanto, le rilegge ribaltandole, sovvertendo le morali che tutti si aspetterebbero dalle più tradizionali vicende di ranocchi e principesse. Quello di Vecchioni, che tiene un corso universitario a Pavia di “Testi letterari in musica dall’antichità ad oggi”, è un esperimento curioso e riuscito di commistione dei generi e rottura degli schemi preconfezionati, una corrosione di stereotipi e idee fatte che può creare nel lettore qualche vertigine da crisi delle certezze. Le favole sono state i mass media dell’antichità, gli archetipi di telenovele e soap opere che hanno propagandato con l’efficacia di spot televisivi comportamenti buoni e giusti, modelli precisi. I bambini amano avere certezze e sapere che il bene trionfa sul male, ma a distanza di un secolo o due da quando sono state scritte, tutto è più complicato. Se è vero che le favole sono prototipi letterari di una vita in cui c’è una sola possibilità, metafore rosa per mostrare i più piatti dogmi, è anche vero che molto di quello che vi si legge non è mai esistito, né esiste nella vita reale. Come a dire che il lettore non può scegliere: i principi azzurri sono e saranno sempre nell’immaginario collettivo belli, buoni e bravi. Ecco allora, la citazione di Italo Calvino, quello di Fiabe Italiane, secondo il quale il surreale è la cosa più reale che esista. Niente è come appare, nemmeno le parole, ma niente appare com’è. Vecchioni con questo Diario giocato sul sentimento del contrario ha voluto mostrare l’altra faccia del lupo cattivo, provando a far emergere vuoti e ossimori, esprimere il suo personale punto di vista e, perché no, prendersi una rivincita su antagonisti ed eroi, insinuando dubbi perfino tra i classici della letteratura. Vecchioni è, in definitiva, uno degli ultimi relativisti, che con maestria ridisegna personaggi come il terribile sceriffo di Nottingham e la regina Grimilde, dando un taglio alle contraddizioni del genere favolistico, aggiungendo i grigi di una tavolozza che contempla solo il bianco e il nero. La sua attività di scrittore, parallela a quella musicale, gli ha procurato fino ad oggi discrete soddisfazioni: i suoi libri, dalla raccolta di poesie e racconti del 1983 “Il grande sogno” a “Il libraio di Selinunte” uscito due anni fa, sono andati bene. Per chi critica tanto accanimento contro il mondo di Andersen, Perrault e dei fratelli Grimm, c’è una risposta popolare: “Scrivere per me è un’esigenza. Sento il bisogno di uscire dal mondo delle canzoni, che narrano invariabilmente di politica e amore. Poesia, racconti e favole mi permettono un raggio d’azione e pensiero più ampi”. Ogni favola riscritta ha un finale tutto da scoprire, solo in ultimo ci si accorgerà, come in un giallo, di aver sbagliato. Come gli episodi più riusciti del suo canzoniere, anche questo libro è un campionario emotivo, una specie di confessionale intimo, dove catalogare esperienze e linguaggi, dove sperimentare e osare per vivere felici e contenti. O forse no.

Questa notizia è correlata a:

Tutti insieme appassionatamente. Con un fitto calendario il Libro Parlante diventa Kermesse letteraria

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 ottobre

Bazar

La Zambelli Orvieto combatte ma si piega al forte Cuneo

Tecnici dell'Orvieto FC alla Parma Academy per un weekend di aggiornamento

Ecco i Comuni umbri da dove fuggono i giovani tra 25 e 40 anni

Sulla fecondità morale di una non più rinviabile rivoluzione culturale

Vendemmia vita

I violini barocchi vanno in mostra all'Antiquarium di Tenaglie

Nuovo parroco ad Allerona Scalo, alla guida della parrocchia don Eugenio Campini

Chiusa per lavori la Chiesa di San Pancrazio Martire. Riaprirà a dicembre

"Via Signorelli chiusa h24. Perché?". Olimpieri (IeT): "Danni e disagi per i cittadini"

La Narnese rovina la festa all'Orvietana, 4 - 2: biancorossi ko

Tra mistero e racconto, l'universo femminile di Pietro Archis

Via ai lavori sulla strada regionale 205 Amerina. Interventi per quasi 70.000 euro

Noto professionista stroncato da un malore, inutili i soccorsi

Buona la prima per la Vetrya Orvieto Basket

Di nuovo "On Air". Radio Orvieto Web riprende le trasmissioni

Il Castello di Torre Alfina diventa fiaba per "The Hunting. Il Gioco dell'Amore" dei Cherries

Scuola, concluse le conferenze d'ambito. A giorni, il Piano complessivo da trasmettere in Regione

Chianella al convegno di Alta Scuola: "Maggiore attenzione al dissesto idrogeologico"

Fondazione Giovanni Paolo II e Centro Peres per la Pace, si firma l'accordo

"Cannabis, il farmaco e la droga". Uil presenta il corso di formazione

Inaugurato il nuovo campo in erba dello Stadio "Luigi Muzi"

"Omaggio a Stefano Rodotà". Doppio appuntamento in Sala Consiliare e al Palazzo dei Sette

Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni, "un'esperienza da ripetere"

Asl 2, i sindacati dei pensionati chiedono il rispetto degli impegni presi

La Azzurra Ceprini torna da Bologna a mani vuote

Simon Picone, mediano di mischia della Nazionale, incontra i rugbysti al De Martino

Giornate della Castagna, primo weekend da incorniciare

Al via pulizia e taglio della vegetazione presso il Belvedere del Moai

Mostra fotografica e brindisi a "La Casella" per festeggiare trent'anni di attività

Dall'Otto per Mille, oltre 480.000 euro al Parco di Vulci

Con "CamminainTuscia", la Via Francigena è sulla buona strada

Arriva "Box 18". Il Comune regala la Costituzione ai neo-maggiorenni

"Alternanza Day" alla Camera di Commercio, tra scuola e lavoro

Sul timpano spunta "Il gruccione". L'arte di strada per migliorare il decoro urbano

Inaugurato il giardino inclusivo della Scuola dell'Infanzia di Ammeto

Ricci (RP): "La Regione si attivi per valorizzare Parco e Museo Vulcanologico"

Nuovo libro per Claudio Lattanzi, "Orvieto nel Medioevo. Ascesa e declino"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 16

Il clero della Diocesi elegge il nuovo consiglio presbiteriale

Nucci (San Venanzo Viva): "Il sindaco se ne infischia dell'opposizione"

Il Comune dichiara guerra alle biciclette: "Via dal parcheggio di Via Roma"

Tordi (M5S) replica a Bizzarri: "Segnaletica inesistente e monumenti bistrattati"

Incontro partecipativo per costruire insieme la "mappa di comunità"

Foto, storie e ricordi di Orvieto fuori dai cassetti. Il primo ad aprirli è Reno Montanucci

Si presenta il restauro artistico e architettonico di San Giovenale

Il Centro Antiviolenza di Orvieto apre le porte

Alert System, cosa è e come funziona. Rischio denuncia per chi procura falsi allarmi

Al Mancinelli Pino Strabioli e Alice Spisa portano in scena "L'abito della sposa"

Vergaglia (M5S): "Portiamo Orvieto a Bruxelles. Nota stonata la bocciatura dell'Ufficio Europa"

Vertenza Ast, Orvieto aderisce allo sciopero. Germani: "Sostegno ai lavoratori"

In arrivo la prima edizione del festival del dialogo "CuriosaMente"

Prima giornata per il festival del dialogo CuriosaMente

Seconda giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Terza giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Al via la 24esima edizione della Mostra Micologica

Le cooperative di Orvieto: "Lo sciopero sortisca effetti"

La Libertas Pallavolo Orvieto se la vede con il Clitunno Volley

Cgil, Cisl e Uil: "Dalla mobilitazione una proposta alternativa per il futuro della nostra comunità"

Un convegno per riflettere su "Alzheimer. Una lotta contro la disabilità"

Al Giubileo del Malato le testimonianze di Giosy Cento

Gioventù nazionale insieme all'associazione "Non c'è fango che tenga"

A Morre la castagna è regina dell'autunno

Ars Wetana, una tradizione ritrovata. Alla ricerca delle artigiane artiste del prezioso merletto orvietano

Breve storia dell'Ars Wetana

Trasferimento dei rifiuti campani. Nettamente contraria Altra Città: 'Le ecoballe dirigetele altrove'

Yunus, un esempio per tutti: i veri grandi non hanno presunzione

Il comunicato del Comune di Orvieto sull'assegnazione del Premio per i Diritti umani 2004 a Muhammad Yunus

Prime giornate cardiologiche orvietane: il progetto Orvieto Cittàcardioprotetta si presenta a livello nazionale

Si mobilita l'UDC. Enrico Melasecche: occorre difendere Orvieto dalla falsa solidarietà ambientale della sinistra

27-29 ottobre. Convegno a Collevalenza sulla prima Enciclica di Benedetto XVI DEUS CARITAS EST

La Romeo Menti a Collescipoli viene raggiunta nei minuti finali

Prova maiuscola della Romeo Menti che in juniores regionale batte la capolista Nestor

Debutto in scioltezza per i maschi del volley orvietano: la Libertas Pallavolo Orvieto schiaccia il Gualdo Tadino per 3-0

Abile excursus pianistico nella forma Fantasia. Pieno successo del Concerto del maestro Cambri al Festival Valentiniano

Diffondere la cultura d'impresa tra i giovani. L'impegno congiunto dell'amministrazione orvietana e Novaumbria

Insediamento della Coop centro Italia sull'Amerina: la Conferenza dei Servizi ha detto sì. Al via la megadistribuzione

Il piano integrato del sistema commerciale del Comune di Orvieto: le linee

La lavorazione del merletto orvietano

Velia Pollegioni

Renata Cardarelli

Maria Piacentini

Antonietta Burattino Ubaldini

Manuela Ciotti

Scrosci di applausi per Luca De Filippo al Mancinelli. Il lavoro della Te.Ma comincia a dare buoni frutti